Home
Vicende
Araldico
Campagne
Ricompense
M.O.
il 3 rgt.
I
G.Bertolotti
Album
news
Links
i nostri distintivi
mappa del sito
segnalato da b24
DIGILANDER, ovvero membro della Comunita` di Digiland, la comunita` WEB Italiana!

CANNONE DA 70 MONT.

Nel 1904 fu adottato il materiale da 70 A, progettato dal capitano Regazzi. Il 75 B mont. (7 B.R.) era ormai troppo inferiore alle bocche da fuoco similari di cui erano armate le artiglierie da montagna straniere. Vivace era stata la discussione se convenisse adottare un materiale a deformazione, oppure un materiale rigido. Erano gi in corso studi per un materiale a deformazione, ma procedevano con lentezza, anche perch molti artiglieri da montagna erano ancora fautori del materiale rigido, assai poco preoccupati del rinculo che raggiungeva su terreno, ordinario ed a ruote libere 5-6 metri e ben 11-12 metri su terreno umido o erboso. Il colonnello Allison scriveva nel 1895: vorrei qui spezzare una lancia poderosa a favore della fune di ritegno, di questo oggetto umile e rozzo, semplice ed efficace, cos adatto a servire in quelle regioni aride, inospiti, inclementi, dove i vomeri non si piantano, le molle discoidali non si possono cambiare, i congegni idropneumatici non si possono riparare, dove tutto ci che complicato diventa delicato ed cagione assidua di giuste preoccupazioni .

Cedendo alla corrente favorevole al materiale rigido, nel 1901 fu messo allo studio il pezzo che sar il 70 A, materiale potente che raggiungeva in efficienza il materiale da campagna da 87 allora in servizio.

Ottimo per precisione e potenza, era per gi vecchio rispetto ai materiali moderni. Tuttavia fu il materiale impiegato nella campagna di Libia e ancora durante la guerra 1915-18 per l'armamento delle batterie someggiate.

Bocca da fuoco in acciaio al nichelio, a pareti semplici, della lunghezza di 16 calibri e del peso di Kg. 100. munita di orecchioni cavi.

L'anima solcata da 28 righe ad elica volgenti a sinistra, ed ha un'unica camera leggermente tronco-conica per contenere il bossolo della carica.

La linea di mira formata dal mirino abbattibile e da alzo, che scorre in un tallone d'alzo ricavato dal prisma di culatta per il maneggio.

Congegno di chiusura. - A vite tronco-conica.

Affusto.  d'acciaio, rigido, a ruote; si pu scomporre in due parti: testata e coda, entrambe di lamiera ripiegata a cassa, e rinforzate da calastrelli e traverse.

La testata ha le orecchioniere con sopra-orecchioni; anteriormente porta il calastrello porta-gancio che costituisce appoggio del congegno elastico; posteriormente porta il calastrello a finestra per l'unione colla coda.

La coda termina anteriormente con un robusto calastrello a dente, posteriormente colla piastra di coda ad occhione.

Per fissare testata e coda, due chiavistelli a vite (avvitatura in senso contrario) possono penetrare in due alie fissate alla testata nella sua parte posteriore; esse comprendono altre due alie portate dalla coda, fra le quali compresa una chiocciola con manubrio; questa avvolge la parte avvitata dei due chiavistelli; il collegamento fra le due parti garantito quando il manubrio della chiocciola abbattuto anteriormente sulla testata.

La sala a sezione rettangolare assicurata alla testata dell'affusto mediante i chiavistelli a nasello.

Le ruote sono unite alla sala mediante acciarini a nasello.

Congegno elastico tipo Enghellart. - Per diminuire il tormento sull'affusto, la sala pu muovere per breve tratto nel proprio alloggiamento; in esso, sistemato un cuscinetto di gomma (due cuscinetti separati da un diaframma) che si appoggia anteriormente al calastrello di testata e posteriormente ad una traversa scorrevole, a contatto della sala; alla traversa sono fissati due tiranti che attraversano il cuscinetto; il cuscinetto elastico si comprime nel rinculo per il movimento dell'affusto al quale si oppone per inerzia la sala colle ruote.

Congegno di puntamento in elevazione: a vite doppia con chiocciola oscillante, comandato da una coppia di rocchetti conici.

Freno di sparo. - un freno a staffa, munito di due funi, che hanno lo scopo di impedire che, per reazione, le suole si stacchino dalle ruote.

Munizioni. - Granata torpedine e shrapneLs, cartoccio a bossolo con cariche di balistite in placche. Le munizioni sono someggiate entro appositi cofani (due ogni mulo) contenenti ciascuno 10 proietti e 10 cartocci.

Traino. - Per il traino si accoppiano due affusti; l'occhione dell'uno si innesta nel gancio della testata dell'altro.

Apparecchio di puntamento. - Alzo quadrante composto di asta con livello e guaina, quest'ultima fissata al tallone porta-alzo da un dente a molla.

INDIETRO

AVANTI


3000 esposizioni gratis per il tuo sito!
[Home] [Vicende] [Araldico] [Campagne] [Ricompense] [M.O.] [il 3 rgt.] [I "Pezzi"] [G.Bertolotti] [Album] [news] [Links]