PARVENZE CIRCOLARI

di Gianni Capodicasa

recensione a cura di Giorgio Barba




Copertina libro Un libro di metafore o di sogni metaforici si pu˛ definire la raccolta di racconti di Gianni Capodicasa, scrittore quarantenne che sa cogliere il paradosso dell'esistenza creando con le parole paesaggi surreali e metafisici immobili nel tempo e situati in uno spazio non determinato fisicamente. Anzi spazio e tempo per il Capodicasa sono categorie dell'anima, percepibili con l'ausilio della coscienza, non dimensioni riconducibili alla fisicitÓ e pertanto non misurabili scientificamente. Dalla contrazione e dalla dilatazione spazio-temporale, infatti, si materializzano le visioni della mente e nello stesso tempo si smaterializzano le certezze della psiche che si smarrisce in un viaggio senza bussola nel grande oceano dell'essere e del non essere. Ed ecco affiorare dal fondo dell'anima gli ancestrali enigmi esistenziali cui risulta sempre pi¨ difficile dare una soluzione. E alla domanda "che cosa Ŕ la vita?", Capodicasa risponde che essa non pu˛ essere altro che una parvenza, un labile segno di un essere che nel sonno pensa di vivere e s'illude che i prodotti della sua fantasia siano realtÓ.
Improvvisamente, poi, si accorge che la vita (e forse anche la morte) Ŕ inganno dei sensi e della mente, illusione, visione onirica in un ciclico perenne ritorno sulle proprie tracce con la convinzione di percorrere in una sorta di pellegrinaggio obbligato senza fine e senza meta, una strada sempre uguale a se stessa che non offre la possibilitÓ di un cambiamento se non mediante la fuga o con l'estraniazione.
I dodici percorsi dello spirito (tanti sono i racconti brevi della silloge) si sviluppano in maniera pacata, senza bruschi cambiamenti di tono, ma con improvvisi colpi di scena che lasciano il lettore sospeso nella dimensione atemporale e aspaziale creata dal narratore che, con una scrittura chiara e incantata, apre le porte dell'assurdo e svela le parvenze circolari dell'eternitÓ.



TITOLO: Parvenze circolari
AUTORE: Gianni Capodicasa
CASA
EDITRICE:
Piero Manni
PAGINE: 84
DATA DI
PUBBLICAZIONE
1998