Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

Banca Etica

di Giovanna Corsetti

Trascrizione del testo del programma "Report", in onda su Raitre ogni giovedì sera.


MILENA GABANELLI IN STUDIO

La buona notizia di oggi riguarda le banche . Tutti abbiamo sempre qualcosa
da ridire . Spese alte, poca possibilità di controllo, poca trasparenza.
Tre anni fa è nata Banca Etica, ha filiali a Milano, Brescia, Roma e
stanno aprendo anche a Treviso, Firenze, Modena. Cos'è Banca Etica. Ce
lo spiega Giovanna Corsetti


MAURIZIO SPEDALETTI - Coordinatore Soci Lazio Banca Popolare Etica

Banca Etica è la prima Banca italiana, che si ispira ai principi della
finanza etica…


TESTIMONIANZE CITTADINI ROMANI

Banca etica no, non la conosco.

Ne ho sentito parlare.

Vorrei saperne di più, anzi se date notizie durante la trasmissione è
meglio.

 

VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Alla fine del '98 a Padova compare una nuova banca: Banca Popolare Etica, la
prima nata in Italia per fare finanza etica, ma cos'è la finanza etica?

Intanto dentro la banca non ci sono inviti ad investire in azioni, i muri, dicono,
sono verniciati con sostanze non tossiche, insomma una banca biologica.


MAURIZIO SPEDALETTI - Coordinatore
Soci Lazio Banca Popolare Etica


Normalmente le Banche, lo sappiamo, nascono in un salotto, dove 3 o 4 persone
costituiscono insieme il capitale, vanno in Banca d'Italia e si fanno dare l'autorizzazione.

Noi abbiamo fatto esattamente il percorso inverso, andando per le parrocchie,
i centri sociali, nei comitati di quartiere, fra la gente, veramente fra la
gente a chiedere 100milalire, 200mila lire, 300mila lire di investimento…

VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Per costituire una banca, in Italia servono 12 mld e mezzo di capitale e di
solito qualche amico giusto. Un bel giorno, da una colletta sociale nasce banca
etica, ma come hanno fatto a convincere la Banca d'Italia a dare l'autorizzazione.


FABIO SAVIATO - Presidente Banca
Popolare Etica


Rispetto al primo incontro con Banca d'Italia dove c'erano state richieste le
regole, sostanzialmente, che vigevano e che erano padrone, padrino, partito,
alla fine, abbiamo ottenuto l'autorizzazione, siamo stati promossi direi, direi
ad una condizione: noi siamo la banca più controllata d'Italia.


 

VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Nata senza protettori, con i soldi della gente e non da un giroconto di banchieri,
Banca Etica non ha obblighi ne' favori da rendere, come dire libera di restare
etica, ma come si usano i soldi eticamente?


MATTEO PASSINI - Direttore generale
banca popolare etica.


Molti progetti che finanziamo sono legati ad aspetti della sanità, dell'istruzione,
della formazione.



VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Se arriva qualcuno con 20 mld, 50 mld ma fa l'inquinatore piuttosto che il trafficante
di armi, glielo aprite un conto?


MATTEO PASSINI - Direttore generale
banca popolare etica


No, assolutamente.

Non apriamo neanche i rapporti al portatore, pensiamo che i soldi, sia in entrata
che in uscita, è sempre bene che si sappia come sono intestati.

 

VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

E cioè chi finanziate?


MATTEO PASSINI - Direttore generale
banca popolare etica.


Soggetti che magari a volte hanno solo delle bellissime idee, hanno tanta voglia
di fare, hanno anche competenza e professionalità ma non hanno storia
lunga alle spalle, non hanno garanzie…

VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Quindi quello che vale è l'idea.

Banca Etica sarebbe dunque il primo istituto di credito che non si preoccupa
solo di verificare garanzie e patrimoni.

Vediamo se è vero: alle porte di Roma c'è una comunità
di monaci Benedettini che in Banca Etica c'è già stata.

SORELLA MARIA PIA ACCORDINI -
comunità benedettina colle dell'acero


Ci siamo messi a coltivare la terra e ci siamo resi conto che i prodotti che
si usavano per fare quel lavoro erano prodotti chimici, nocivi.

In quegli anni si cominciava a parlare di agricoltura biologica per cui è
stato logico aderire a questo metodo di coltivazione.

Gli investimenti erano stati tanti, il mercato partiva molto lentamente e ci
siamo trovati a fare i conti con i debiti che cominciavano a diventare ingovernabili,
sia diciamo verso le banche e sia verso i fornitori.

 

GABRIELE GIULIETTI - vice direttore
Banca Popolare Etica


Sono abituati a non confrontarsi col mercato, sono abituati a considerare le
risorse come esclusivamente venute da Dio.


SORELLA MARIA PIA ACCORDINI -
comunità benedettina colle dell'acero


Abbiamo seguito molte piste con molte, molte banche, tutti ci dicevano che siamo
molto bravi, ci facevano molti applausi, però poi sempre ci veniva risposto
che non c'erano garanzie sufficienti e che quindi non si poteva procedere.


GABRIELE GIULIETTI - vice direttore
Banca Popolare Etica


Non era facile, diciamo, far ripartire un macchina che era un po' appesantita
dai debiti, non era facile fare un finanziamento importante, di un miliardo.


SORELLA MARIA PIA ACCORDINI -
comunità benedettina colle dell'acero


Ci hanno dato delle anticipazioni sulle fatture, abbiamo fatto alcuni mutui
con un piano di rientro che stiamo… che stiamo rispettando.


GABRIELE GIULIETTI - vice direttore
Banca Popolare Etica


Nel giro di un anno e mezzo, il fatturato è raddoppiato e il loro prodotto
viene riconosciuto come uno dei migliori in assoluto nell'ambito del biologico.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Se e' il migliore non lo sappiamo, ma biologico dovrebbe perché e' certificato


Eccolo!


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Le altre banche dopo si sono dimostrate più disponibili?


SORELLA MARIA PIA ACCORDINI -
comunità benedettina colle dell'acero


Si certo, certamente, siamo meno esposti, tutti rischiano meno in questo momento.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Ci viene da dire tutto e' bene quel che finisce bene.

Ma possibile che proprio una banca, un istituto di credito con bilanci, conti,
azionisti e regole, scelga come propria politica di finanziare progetti che,
se pur lodevoli sono a più alto rischio?


GABRIELE GIULIETTI - vice direttore
Banca Popolare Etica


Non sono progetti folli, in realtà il nostro tasso di insolvenza è
molto più basso rispetto a quello del sistema bancario tradizionale.
Noi siamo sotto l1% di insolvenze.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Che sia una banca in buona salute e' dimostrato dal fatto che in poco più
di 2 anni di vita ha già aperto sedi nelle maggiori città italiane,
anche queste autorizzate dalla Banca d'Italia sulla crescita del capitale.


MATTEO PASSINI - Direttore generale
banca popolare etica


Oggi ci sono 15.000 persone fisiche, soci di Banca Etica in Italia più
2.500 organizzazioni tutte o quasi appartenenti al terzo settore.


GRAZIA SESTINI - Sottosegretario
affari sociali Ministero del Lavoro


Le istituzioni del terzo settore, a vario titolo sono oltre 220.000, hanno entrate
per 73.000 miliardi, occupano, 630.000 persone.

Quindi dei volumi enormi, pari a grandi aziende del Paese.

Questa può essere veramente un futuro per la nostra economia di produzione
di reddito e soprattutto di occupazione.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Precisiamo, il terzo settore sono tutte quelle organizzazioni non a fine di
lucro e producono ogni anno ricchezza quanto 2 o 3 finanziarie.

E' la più grande risorsa dell'occupazione giovanile.

In sostanza Banca Etica e', a tutti gli effetti una banca come le altre, ma
allora qual e' il vantaggio nell' aprire un conto corrente in Banca Etica?


ANTONIO STURARO - Cliente Banca
Popolare Etica


Quello che a me piace molto della Banca Etica è il rapporto umano che
c'è allo sportello, non c'è vetro davanti, ci si siede, che è
già diverso, non mi sono mai seduto ad uno sportello in un'altra banca.



EDOARDO ERBA - Cliente Banca Popolare Etica

Per la prima volta ho capito come funzionava un conto corrente, perché
me lo hanno spiegato bene e mi è sembrata una spiegazione chiara e senza
trabocchetti.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Ma perché le altre banche non sono chiare?


TESTIMONIANZE CITTADINI ROMANI

C'è una terminologia bancaria che non è chiara…


Sono linguaggi per tecnici ad uso
interno più che per, per i clienti…


Non sappiamo dietro questi termini
che cosa c'è…


Non sempre chiari


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

In effetti, la stessa associazione bancaria, l'ABI ha pubblicato un rapporto
in cui viene chiaramente detto che banche e assicurazioni sono gli istituti
meno chiari per i cittadini.

Ma c'e' un'altra cosa che i cittadini rimproverano alle banche: i prezzi.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Mediamente cosa le costa all'anno il suo conto?


TESTIMONIANZE CITTADINI ROMANI


Parecchio, parecchio!


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Più o meno?


TESTIMONIANZE CITTADINI ROMANI


Non so, 300, 400mila!


Solo di spese sono sulle 600milalire.


Intorno alle 200mila lire l'anno


Lei sta intervistando una fessa che
non controlla né gli estratti conto, non perché sia una miliardaria
tutt'altro proprio perché sono un po' poveraccia e allora chi se ne importa…


Si, si lo dico subito intorno alle
400 mila lire.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Invece i clienti di banca etica quanto spendono?


ANTONIO STURARO - Cliente Banca
Popolare Etica


Rispetto al conto corrente che avevo prima risparmio circa un 300mila lire all'anno.


Per cui anche una persona che non è interessata alle finalità
della banca stessa, spende meno, risparmia.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Conti alla mano verifichiamo quanto costa un conto corrente, come si direbbe
full option, in Banca Etica.


MAURIZIO VALENTE - Responsabile
Filiale Roma Banca Popolare Etica


I due bancomat gratuiti e operazioni illimitate e una carta di credito ad un
costo di 155mila lire l'anno…


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

E voi questi conti li concedete a categorie particolari o a chiunque?


MAURIZIO VALENTE - Responsabile
Filiale Roma Banca Popolare Etica Noi li diamo a tutti!


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Allora confrontiamo i costi: un prelievo bancomat in una banca che non sia la
nostra costa dalle 3 alle 4000 lire, in banca etica 1800 lire.

Una carta di credito costa 35mila lire invece di 60.

Come e' possibile?

Semplice, guadagnano un po' di meno.

In cambio al cliente viene chiesto di rinunciare all'1% di interesse annuo come
personale contributo contro le disgrazie del mondo, ma chi ce lo garantisce?


MAURIZIO VALENTE - Responsabile
Filiale Roma Banca Popolare Etica Pubblichiamo, facendoci autorizzare ovviamente
dai richiedenti, tutto ciò che viene fatto e questo, oltre a non essere
un obbligo, non viene fatto da nessun istituto di credito.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Sul sito di Banca Etica verifichiamo se le informazioni ci sono.

nel notiziario troviamo la lista degli ultimi finanziamenti.

Hotel tritone … Posto delle Fragole.

Ma cosa centra questo albergo di Trieste con il finanziamento etico?

Andiamo a vedere.



VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Il Posto delle Fragole apparentemente e' solo un bar tavola calda, nel parco
di San Giovanni a Trieste.

In realtà e' l'ex manicomio.


ORIETTA POLIZZI - Presidentessa
Cooperativa Posto delle Fragole


Questo una volta era un magazzino dell'ospedale poi, con l'apertura dei manicomi,
con la legge 180 si trasforma inizialmente in piccolo spaccio di bevande per
gli utenti che vivono all'interno del parco e da qui parte tutta la nostra storia.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

E' tutto vero e ora vi starete chiedendo: " ma non saranno mica loro, i
matti, quelli che ci lavorano?"

Si, e sono anche molto bravi.

Ma siccome nessuno mai avrebbe dato loro lavoro, invece di finire a carico della
collettività sono diventati imprenditori, anzi imprenditrici, perché
sono per lo più donne e fanno tutto da sole.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Ma non finisce qui perché ora queste donne vogliono aprire una catena
di alberghi in tutta Italia per ripetere la loro esperienza: l'albergo in via
dei matti numero 0.


TERESA BANDELLI - Funzionaria
Cooperativa "Il Posto delle Fragole"


L'incontro con Banca Etica e' avvenuto un po' per coincidenze e casualità.

Noi sapevamo dell'esistenza di Banca Etica, pero' non avevamo avuto contatti.
L'anno scorso siamo andate a fare questo colloquio, quest'incontro a Padova
per chiedere un finanziamento di 100 milioni.


GABRIELE GIULIETTI - vice direttore
Banca Popolare Etica


"Abbiamo controllato i loro conti e abbiamo visto che la possibilità
di lavorare e di funzionamento, che già avevano dimostrato in passato,
veniva confermata dalle loro previsioni.


TERESA BANDELLI - Funzionaria
Cooperativa "Il Posto delle Fragole"


In tempi brevissimi ci ha concesso questo finanziamento, questo affidamento
di 100 milioni senza garanzie facendo firmare delle fide iussioni.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

E le altre banche?


TERESA BANDELLI - Funzionaria
Cooperativa "Il Posto delle Fragole"


Noi avevamo provato anche con altre banche, con banche con le quali avevamo
rapporti da anni, lavorativi insomma ci si conosceva eccetera e avevano dei
tassi esorbitanti per cui era impensabile chiedere un finanziamento.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Quali sono i tassi di Banca Etica?


MAURIZIO VALENTE - Responsabile
Filiale Roma Banca Popolare Etica Noi utilizziamo un tasso ufficiale, vale a
dire il tasso che l'istituto centrale quindi Banca Italia ha sul mercato, è
il tasso praticato ai clienti migliori e questo vale per tutti.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Dunque, in ordine: Banca Etica finanzia le idee e solo quelle buone, non chiede
garanzie impossibili e per giunta vende denaro al miglior prezzo, dando a tutti
quel tasso di favore che di norma le banche concedono ai clienti che muovono
almeno 10 o 12 miliardi l'anno. E questo vale da Trieste a Palermo.

E a Palermo andiamo, anzi a Corleone.



GLI ALUNNI DELLA SCUOLA DI CORLEONE

Questa è la casa di Riina però è stata trasformata in scuola
perché non veniva usata, però grazie al sindaco appunto che ha
cercato di fare questa casa in scuola siamo qua.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Quindi questa casa e' diventata una scuola, ma guardiamola bene.

Più che una casa, un condominio dove starebbero comode quattro famiglie.

Ma dentro e' ancora meglio: la vedi e subito ti immagini Toto' Riina che ordina
(entra in un negozio e dice) "vogghiu' chiggh 'e costa e' cchiu'!

'u meglio m'aviti a purtari"

Cristalli molati, inferriate con foglioline in ottone, ascensore, quattro piani
di casa ci vuole!

Ma chi erano?

Erano re, erano conti, marchesi,

Erano i Bagarella, i Riina e i Brusca

Maniglie Swarowskj …… differenziate: porta, portone.

Ai piedi tutta la vallata di Corleone.

Questa casa, intestata a Giovanni di Frisco e Angela Bagarella da sempre residenti
in Sud America e, cognati, del di fatto proprietario:

Toto Riina, criminale, boss mafioso, pluriomicida, mandante delle stragi di
Capaci e Via D'Amelio.

Questa casa e' stata confiscata alla mafia, data al sindaco di Corleone che
ne ha fatto una scuola.

Ma cosa c'entra Banca Etica?

Banca Etica li ha aiutati a comperare banchi, sedie lavagne, in una parola a
farne una scuola.


GABRIELE GIULIETTI - vice direttore
Banca Popolare Etica


Noi abbiamo dato il nostro contributo in soldi che sono stati rimborsati, noi
abbiamo dato 150milioni di finanziamento, sono stati rimborsati nel giro di
6 mesi a testimonianza che certi tipi di progetti, che sembrano assolutamente
folli, in realtà hanno una capacità economica e sociale che in
pochissimo tempo vengono ripagati.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

in Sicilia da un po' di tempo Rita borsellino, Don Luigi Ciotti e il popolo,
hanno creato un'associazione, per fare la rivoluzione.

Si chiamano Libera Terra, e vogliono ridare alla gente la terra, i beni della
mafia.

Per la scuola di Corleone Banca Etica ha lavorato con Libera Terra.

Riina aveva anche dei terreni, ma per coltivarli oltre alla volontà ci
vogliono dei soldi.

E questa volta chi sborsa sul serio e' lo stato: 10 miliardi di finanziamenti
per poter lavorare sui beni della mafia, perché come dicono qui la robba
e' della gente e alla gente deve tornare pezzo dopo pezzo.


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

Lei cosa faceva prima?


MARIA MODICA - Consorzio Sviluppo
e Legalità


Lavoravo per una grossa società di stato.

 

VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE

E quindi ha lasciato tutto?


MARIA MODICA - Consorzio Sviluppo
e Legalità


Sì ho lasciato tutto per buttarmi in questo progetto …

Mi è piaciuta questa sfida, che lo Stato ha fatto con queste persone
e quindi siccome io mi sento parte dello Stato mi è sembrato giusto questo,
questa mia scelta, azzardata o non azzardata che dir si voglia però sono
molto contenta.

 

MILENA GABANELLI IN STUDIO


La Comunita' Europea ha riconosciuto
a questa banca il buon operato nel campo del finanziamento etico ed ha avuto
anche la benedizione del Ministero del Lavoro, perche' in qualche modo questa
banca finanzia e sostiene l'occupazione giovanile, finanzia l'idea, i buoni
propositi, cosa che nessuna banca tradizionale fa, senza garanzie a priori.
Un modello che è nato tanti anni fa negli Stati Uniti, poi è approdato
in Inghilterra, in Olanda e adesso a macchia d'olio si sta diffondendo anche
da noi.