Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 
img
home page | percorso
filosofia
| percorso
storia
| percorso
didattica
| percorso
italiano
| percorso
semiserio
| oltre il sito
img

I PROMESSI SPOSI

(1825-27)

Referente e messaggio.

Personaggi e fatti storici rintracciabili nel romanzo.
Codice e registro.
Il modello comunicativo.

Il tempo della narrazione, il tempo della storia (TS), il tempo del racconto (TR).
Lo spazio della storia (della fabula) e lo spazio del discorso (dell'intreccio).

La struttura dei Promessi sposi.







REFERENTE E MESSAGGIO

REFERENTE1 STORICO Realtà politica, sociale ed economica della Lombardia soggetta al domino spagnolo nella prima metà del XVII secolo.
REFERENTE D’INVENZIONE Renzo (Lorenzo Tramaglino), filatore di seta della zona di Lecco. Egli vuole sposare Lucia (Mondella), filatrice di seta sua compaesana, ma viene ostacolato da don Rodrigo, signorotto del luogo.
MESSAGGIO2:
1) Denotazione3
Renzo e Lucia superano ogni difficoltà e si sposano.

2) Connotazione4

L’uomo, anche di fronte alla situazione più disperata, non deve mai perdere la sua fiducia in Dio.
Dio, anche quando sembra indifferente e distaccato, provvede in realtà al riscatto e alla salvezza dell’uomo. Il dolore, poi, non è fine a se stesso, ma, nel progetto divino, prepara all’uomo una gioia più grande .
ROMANZO STORICO: Genere letterario misto di storia ed invenzione; può essere considerato come un prodotto squisitamente romantico proprio per la ricostruzione storica in modi fantastici e sentimentali.
L’interesse per il romanzo storico era stato suscitato in Manzoni dalla lettura del romanzo «Ivanhoe» dello scozzese Walter Scott (1771-1832).

1) Storia

Manzoni raccolse con lo scrupolo di un vero «storico» tutti i particolari dell’età in cui doveva svolgersi l’azione: libri di storia (del Ripamonti, Tadino, Rivola, Pietro Verri), opere cavalleresche (del Birago, Olevano, Barzagni), mappe dettagliate della Milano seicentesca; raccoglie nomi, soprannomi, calendario, costumi, grida.

2) Invenzione

E’ la storia dei due promessi. Manzoni finge di averla trovata nel manoscritto di un autore anonimo del ‘600.









PERSONAGGI STORICI RINTRACCIABILI NEL ROMANZO

1) Il cardinale Federigo Borromeo;
2) l’Innominato, in cui rivive Bernardino Visconti;
3) Gertrude, ovvero Marianna de Leyda;
4) padre Cristoforo, al quale corrisponde, in parte, Lodovico Picenardi di Cremona;
5) gli uomini di governo.

FATTI STORICI RIEVOCATI DAL ROMANZO

1) La carestia del 1628;
2) la sommossa milanese del novembre 1628;
3) la conversione di Bernardino Visconti;
4) il passaggio dell’esercito imperiale (Lanzichenecchi) per recarsi all’assedio di Mantova;
5) la guerra di successione per Mantova e il Monferrato;
6) la peste del 1630 a Milano e in Italia.

backindietro alla home page |  up
torna all'inizio
 |  continua questo percorsogo on


CODICE E REGISTRO

5
Nel primo ‘800 gli scrittori italiani, seguendo la nostra tradizione letteraria, adottavano ancora un registro di tipo aulico/formale/accademico, anche per la costante riproposta di registri stilistici e lessicali ormai vecchi di secoli, per quanto prestigiosi. Manzoni, invece, avvertì la necessità di una lingua italiana unitaria, di una lingua cioè comprensibile alla gran parte degli italiani. Non scelse però il dialetto lombardo (rifiutò anche gli idiotismi6 lombardi del manoscritto) bensì il fiorentino parlato dalle persone colte, «il fiorentino ben parlato», perché esso forniva garanzie di prestigio, di espressione e di comprensione in larghi strati della popolazione.
La riforma manzoniana del linguaggio influenzò tutti gli autori italiani successivi, anche se possono essere considerati come eccezioni il D’Annunzio, che adotta un linguaggio «archeologico» fatto di citazioni e reminiscenze letterarie, e il Carducci.
Il suo linguaggio è dunque vivo e colorito, perché ricavato dalla comunicazione quotidiana dei parlanti. Stilisticamente sono frequenti l’uso dell’ironia7 e delle similitudini a fini espressivi e chiarificativi. Vediamone alcuni esempi tratti dal primo capitolo:
a) «i soldati spagnoli... insegnavan la modestia alle fanciulle... accarezzavan di tempo in tempo le spalle a qualche marito, ...non mancavan mai di diradar l’uve...»;
b) su don Abbondio: «non avesse anche lui un po’ di fiele in corpo... tanti bocconi amari inghiottiti in silenzio...; (aiutare un oppresso) ... era per lui un comprarsi gl’impicci a contanti, un voler raddrizzar le gambe ai cani.»
c) «(Perpetua era nubile) per non aver mai trovato un cane che la volesse...»; dice: «il nostro arcivescovo è un uomo di polso... quando può far stare a dovere uno di quei prepotenti, ci gongola...; le schioppettate non si danno mica via come confetti: e poi se questi cani dovessero mordere tutte le volte che abbaiano... a chi sa mostrare i denti gli si porta rispetto...»;
d) don Rodrigo «... è tempo di dir codeste baggianate?»
La scelta di Manzoni per una lingua popolare riflette la sua predilezione, sociale e morale, per i deboli, per gli oppressi, per i poveri: egli porta in primo piano nel suo romanzo tutti coloro che (come Renzo, Lucia, Agnese, Perpetua, Tonio, ecc.) erano sempre stati dimenticati dalla letteratura precedente, attenta solo ai grandi avvenimenti e ai personaggi famosi.
L’aggettivazione usata da Manzoni non è semplicemente esornativa8, ma esprime un giudizio morale. Vediamo alcuni esempi dal capitolo X e XIII:
a) su Egidio: «giovane scellerato di professione»;
b) su Gertrude: «la sventurata rispose»;
c) sul vecchio della sommossa: «vecchio mal vissuto... due occhi affossati e infocati... compiacenza diabolica... canizie vituperosa».
Anche la metafora9 (o la similitudine) non è esornativa, ma esplicativa dei sentimenti dei personaggi; gli esempi sono tratti dal primo capitolo e dal VI:
a) «(don Abbondio) era un animale senza artigli e senza zanne... un vaso di terracotta, costretto a viaggiare in compagnia di molti vasi di ferro...»;
b) «Questo nome (don Rodrigo) fu, nella mente di don Abbondio, come, nel forte del temporale notturno, un lampo che illumina momentaneamente e in confuso gli oggetti, e accresce il terrore»;
c) padre Cristoforo, offeso da don Rodrigo: «abbassò il capo, e rimase immobile, come, al cader del vento, nel forte della burrasca, un albero agitato ricompone naturalmente i suoi rami, e riceve la grandine come il cielo la manda.»

backindietro alla home page |  up
torna all'inizio
 |  continua questo percorsogo on


IL MODELLO COMUNICATIVO

Il narratore (cioè il Manzoni, autore virtuale) si rivolge direttamente in prima persona ad un narratario (cioè il lettore virtuale presupposto dal Manzoni). Infatti si legge nel primo capitolo: «... si troverà chi duri la fatica di leggerlo... I miei venticinque lettori». Tale narratario è di media cultura, benpensante e moderato.
Quindi il Manzoni gli si rivolge nel fiorentino parlato dalle persone colte, gli tace la canzonaccia dei bravi (capitolo I), i discorsi strani di Gertrude (capitolo IX), i crimini dell’Innominato (capitolo XXI), i piani delittuosi di don Rodrigo e del Griso (capitolo VII) e disapprova l’entusiasmo di Renzo per i tumulti di Milano (capitolo XI).
Ci sono diversi modi del narratore di rapportarsi con la materia trattata:
1) mimesi (dialoghi, monologhi, soliloqui dei personaggi): il narratore è assente. Ad esempio: dialogo fra don Abbondio e Perpetua (capitolo I); dialogo fra don Abbondio e Renzo (capitolo II); soliloquio di don Abbondio (inizio capitolo VIII). Il procedimento mimetico usato dal Manzoni, soprattutto nelle vicende d’invenzione, è sottolineato dal registro linguistico che appare di tipo semplice/basso/realistico, come quello di Renzo e Perpetua, più accademico quello di don Abbondio o di Azzecca-garbugli.
2) Diegesi (descrizioni, commenti, riassunti giudizi, resoconti di ciò che i personaggi non hanno né detto né sentito): il narratore si manifesta come la «voce fuori campo» del cinema. Ad esempio: la descrizione del lago di Como (capitolo I); l’aspetto dei bravi (capitolo I); la citazione delle grida (capitolo I); l’abito di Lucia (capitolo II); i gesti e i pensieri di Renzo mentre si reca da Azzecca-garbugli (capitolo III). Il procedimento diegetico è quello prevalente nel romanzo ed esprime tutto quello che non può essere detto col semplice dialogo fra i personaggi.
3) Discorso trasposto (nel quale la citazione è riferita con parole che non sono esattamente quelle pronunciate dai personaggi): il narratore si nasconde. Ad esempio: «Addio, monti sorgenti dalle acque... di tal genere, se son tali appunto erano i pensieri di Lucia...» (capitolo VIII).
Ogni narratore, inoltre, delinea i fatti con una prospettiva particolare, con un particolare punto di vista. A seconda della prospettiva il racconto, o la narrazione, può essere:
1) a focalizzazione interna (quando il narratore sa, vede, pensa attraverso uno, interna fissa, o più personaggi, interna variabile o multipla): nei Promessi sposi ricorre di rado. Ad esempio: dopo che i bravi, vestisti da mendicanti, sono passati nella casa di Agnese: «... che razza d’uomini fossero, non si sarebbe potuto dire facilmente; ma non si poteva credere neppure che fossero quegli onesti viandanti che volevano parere» (capitolo VII Manzoni limita la sua autorità riferendo solo ciò che i personaggi percepiscono o percepirebbero); «Lucia lo vide e rabbrividì; scese con l’occhio giù giù per la china, fino al suo paesello, guardò fisso all’estremità, scoprì la sua casetta... Addio monti...» (sentimenti e pensieri sono di Lucia, il registro colto del discorso è, invece, del narratore);
2) a focalizzazione esterna (quando il narratore ne sa meno dei personaggi e racconta «dall’esterno» i loro comportamenti): nei Promessi sposi non ricorre mai;
3) a focalizzazione zero o del «narratore onnisciente» (quando il narratore sa, o racconta, più di quanto sappiano e vedano, o possano sapere, i personaggi, permettendosi anche incursioni nella loro mente e psicologia). E’ la forma di racconto prevalente nei Promessi sposi, tipica del resto i tutto il romanzo tradizionale. Alcuni esempi in cui noi troviamo il narratore onnisciente sono: «quel ramo del lago di Como... Per una di quelle stradicciole tornava bel bello...» (inizio del primo capitolo); il narratore entra perfino nella mente di personaggi come Gertrude, esprimendone le inquietudini interiori (capitoli IX e X), come l’Innominato, riferendoci i suoi pensieri (capitolo XX), o quelli di don Abbondio alla vista dei bravi (primo capitolo).

backindietro alla home page |  up
torna all'inizio
 |  continua questo percorsogo on









IL TEMPO DELLA NARRAZIONE


Per analizzare un racconto dal punto di vista del tempo occorre distinguere tra fabula e intreccio.
FABULA: comprende gli avvenimenti, i personaggi, gli ambienti del racconto: è la storia che viene raccontata; si può divider in sequenze ordinate secondo la successione logico-temporale.
INTRECCIO: sono gli enunciati narrativi tramite cui si comunica il contenuto della narrazione: è il discorso utilizzato dall’autore per narrare la storia.
Quando si ha discordanza fra l’ordine dell’esposizione degli eventi nell’intreccio, da una parte, e nella fabula, dall’altra, si parla di anacronia, che può presentarsi come:
1) prolessi, quando si anticipa un evento successivo;
2) analessi, quando vi sono delle retrospezioni, cioè dei flashback.
Nei Promessi sposi l’esposizione è prevalentemente lineare, infatti gli eventi sono narrati secondo la progressione naturale del tempo; non abbiamo prolessi, ma talora analessi: come nel flashback sulla vita passata di padre Cristoforo o nel flashback sulla vita passata di Gertrude.

IL TEMPO DELLA STORIA (TS)


Inizio il 7 Nov. 1628:è prossimo il tempo dell’Avvento, durante il quale nessun matrimonio si celebra, per cui don Abbondio temporeggia. Tra il 7 e l’11 Novembre si collocano i capitoli I-VIII.
11 Novembre:scade la scommessa fra don Rodrigo e Attilio. Il giorno 11 Lucia riceve ospitalità a Monza (capitoli XI-XIV). Due giorni dopo Renzo arriva a Bergamo (capitoli XV-XVIII).
Dopo un mese circa:Lucia viene rapita (la vicenda dura 24 ore). La protagonista viene condotta al suo paese (capitoli XX-XXIV).
Qualche giorno dopo:Lucia è ospitata da donna Prassede in una villa e poi a Milano (capitolo XXVII).
Dic. 1628-Autunno 1629:la situazione non cambia: Renzo a Bergamo, Lucia a Milano.
Autunno 1629-Ago. 1630:dopo la carestia, arriva la peste.
Agosto 1630:Renzo lascia Bergamo, sosta un giorno nel suo paese, quindi si reca a Milano: nel lazzeretto rivede Lucia.
Ottobre 1630:Lucia raggiunge Renzo al paese. Si sposano.


IL TEMPO DEL DISCORSO, DEL RACCONTO (TR)

Capitoli 1-17: 7 giorni;
capitoli 18-19: alcune settimane;
capitoli 20-24: due giorni;
capitoli 25-26: lieve accelerazione;
capitoli 27-32: due anni (dal Novembre 1628 all’Agosto 1630);
capitoli 33-38: ritmo lento fino alla lieve accelerazione della conclusione.
Le forme temporali utilizzate dal narratore possono essere così elencate:
1) la pausa (o digressione), in cui il tempo della fabula è nullo (è come se la progressione del racconto si fermasse: TS=0): qui il narratore fissa l’universo dei valori, commentando gli avvenimenti con massime di carattere religioso e morale, con valutazioni politiche o storiche. Qualche esempio sono: «E’ una delle facoltà singolari e incomunicabili della religione cristiana, il poter indirizzare e consolare chiunque, in qualsivoglia congiuntura, a qualsivoglia termine, ricorra ad essa» (capitolo X); «Era (la tortura) uno di que’ rimedi eccessivi e inefficaci dei quali, a quel tempo... si faceva tanto scialacquo» (capitolo XXXIV); «Ne’ tumulti popolari c’è sempre un certo numero di uomini che, o per riscaldamento di passione..., fanno di tutto per ispinger le cose al peggio...» (capitolo XIII); e «In un paese e in un’epoca vicina (Francia 1789)... si ricorse... a simili espedienti e ciò principalmente perché la gran massa popolare poté far prevalere a lungo il suo giudizio e forzare la mano a quelli che facevan la legge.»;
2) la narrazione rallentata (TR maggiore di TS): quando l’autore indaga per intere pagine una sensazione o un pensiero;
3) la scena dialogata, in cui il tempo dell’intreccio e quello della fabula coincidono (TR=TS), si ha, ad esempio nei dialoghi fra don Abbondio e Perpetua, in quello fra padre Cristoforo e don Rodrigo, fra l’Innominato e Lucia, eccetera;
4) il sommario, in cui il tempo dell’intreccio è più breve del tempo della fabula (TR minore di TS), quando il Griso fa la relazione a don Rodrigo sulla notte degli imbrogli (capitolo XI), o nel racconto del Manzoni sull’Innominato (capitolo XXI), o sul ravvedimento di Gertrude (capitolo XXIX) e, anche, nell’esposizione delle parti storiche;
5) l’ellissi, in cui, invece, il tempo dell’intreccio è nullo (TR=0), vengono infatti omessi dal discorso fatti avvenuti nel tempo ma che non interessano la narrazione. Ad esempio: su padre Cristoforo, «non è nostro disegno far la storia della sua vita claustrale» (capitolo XIV); o, su Gertrude, «i suoi discorsi divennero a poco a poco così strani che, invece di riferirli...» (capitolo IX); e su Renzo «noi riferiremo solo alcune delle parole che mandò fuori, in quella sciagurata sera» (capitolo XIV).

backindietro alla home page |  up
torna all'inizio
 |  continua questo percorsogo on


LO SPAZIO DELLA STORIA, DELLA FABULA


Capitoli 1-8: villaggio sul ramo orientale del lago di Como (lago di Lecco), il nome non è citato: potrebbe essere Olate o Acquate;
capitolo 5: a Lecco da Azzecca-garbugli;
capitolo 9: Lucia a Monza;
capitolo 11: Renzo a Milano;
capitolo 17: Renzo a Bergamo dopo il tumulto milanese;
capitolo 27: anche Lucia è a Milano, dopo il rapimento, ospite di donna Prassede: ecco che ci si avvia al lieto fine, col ricongiungimento nel paese natio;
capitolo 38: dopo il matrimonio i tre tornano nel Bergamasco e, anche per critiche alla bellezza di Lucia, Renzo acquista un filatoio e si trasferisce definitivamente alle «porte di Bergamo».


LO SPAZIO DEL DISCORSO, DELL’INTRECCIO

Il narratore, nella descrizione dei luoghi, manifesta esigenze di realismo, gusto documentario, interesse per la storia urbanistica. Ad esempio, su Renzo a Milano: «Quando Renzo entrò per quella porta, la strada di fuori non andava diritta che per tutta la lunghezza del lazzaretto... La porta consisteva in due pilastri...» (capitolo XI); o «Lì c’era una colonna, con sopra una croce, detta di S. Dionigi... La strada che Renzo aveva preso andava... al canale detto il Naviglio.»
Il riferimento, poi, alle differenze tra la Milano del ‘600 e quella presente al Manzoni, mostra un tentativo costante di mantenere vivo il contatto con il narratario (funzione fatica e referenziale).
Prendendo spunto dalle funzioni linguistiche secondo lo schema di Jakobson, infatti, possiamo rintracciare nella narrazione una funzione narrativa esercitata dal narratore, una funzione fatica (di contatto fra narratore e narratario), una funzione meta-narrativa o «di regia» (quando il narratore mette in evidenza l’organizzazione interna del suo racconto, ad esempio nel capitolo II) e una funzione referenziale (nelle descrizioni); occorre osservare che nella narrazione la funzione conativa o persuasiva (quando il narratore vuole influenzare il lettore) può assumere anche l’aspetto di funzione ideologica quando il narratore commenta esprimendo valutazioni personali e, allo stesso modo, la funzione emotiva o espressiva può divenire funzione testimoniale, quando il narratore fa riferimento a se stesso come testimone di ciò che racconta o fa riferimento a una fonte.

AUTORE REALENARRATORE
autore virtuale
NARRATARIO
lettore virtuale
LETTORE REALE
Alessandro Manzoni (Milano 1785-1873).
Illuminista (fiducia nella ragione), anticlericale e antiaustriaco in gioventù.
Dopo il 1805 entra in contatto, in Francia, con gli scrittori romantici (attenzione ai sentimenti e all’interiorità della persona, rifiuto del classicismo).
Nel 1810 si converte al cattolicesimo.
Convinto assertore della funzione della Chiesa in campo spirituale (neoguelfo), è contrario al potere temporale dei papi e all’esistenza dello Stato Pontificio, vuole Roma capitale d’Italia (cattolico liberale).
Dimostra sempre interesse profondo per le classi più deboli e oppresse, tuttavia condanna con uno scritto i metodi violen ti della Rivoluzione francese del 1789.
- Ha fiducia nella ragione e nei sentimenti dell’uomo.
- E’ cristiano e cattolico, crede nella Provvidenza divina.
- Crede la conversione dell’uomo a Dio sempre possibile.
- E’ sensibile al dramma degli umili, dei poveri, degli oppressi, dei diseredati.
- Ha una visione positiva della funzione storica della Chiesa cattolica.
- E’ critico verso il malgoverno, lo sfruttamento, l’ingiustizia, la tortura.
- Deplora ogni rivoluzione violenta, anche se legittima - Rifiuta la demagogia dei politici.
Manzoni si rivolge ad un lettore di media cultura, benpensante e moderato. Noi


backindietro alla home page |  up
torna all'inizio
 |  continua questo percorsogo on


LA STRUTTURA DE «I PROMESSI SPOSI»


Prologo
Introduzione.
Scambio della promessa di matrimonio fra Renzo e Lucia (parte inferibile dal testo all’inizio del III capitolo).
Don Rodrigo scommette con don Attilio che farà sua Lucia (capitolo III: don Rodrigo-Lucia-Attilio nel racconto di Lucia).
Orientamento
Descrizione del primo capitolo.
Azione complicante
Intimidazione rivolta dai bravi a don Abbondio affinché non celebri il matrimonio.
Peripezie
Tentativo di soluzione di Renzo => Azzecca-garbugli (capitolo III).
Tentativo di soluzione di padre Cristoforo => don Rodrigo (capitoli V e VI).
Tentativo di soluzione di Renzo (e Lucia) => matrimonio segreto (capitolo VIII).
||
Fallimento dei tentativi e divisione degli amanti (capitolo VIII-IX)

||

||

Renzo a Milano (capitoli dall’XI al XVI)Lucia a Monza (capitoli IX-X...)

||

||

Renzo viene scambiato per un agitatore della rivolta e arrestato (capitolo XV)Lucia è rapita dall’Innominato (capitolo XX)

||

||

Renzo riesce a liberarsi (capitolo XVI)Le sue preghiere «convertono» l’Innominato (capitolo XXI)

||

||

Renzo raggiunge l’Adda e il Bergamasco (capitolo XVI)Lucia è liberata e ospite di donna Prassede e don Ferrante (capitolo XXV)

||

||

Scoppia l’epidemia di peste (capitoli XXXI e seguenti)

||

||

Renzo si ammala (capitolo XXXIII)Lucia si ammala
Don Rodrigo si ammala (capitolo XXXIII)
Scioglimento
Renzo, guarito, si reca a Milano (capitolo XXXIV) dove ritrova Lucia (capitolo XXXVI).
Renzo incontra don Rodrigo agonizzante e lo perdona (capitolo XXXV).
Fra Cristoforo scioglie il voto di castità pronunciato da Lucia (capitolo XXXVI).
Renzo e Lucia si preparano al matrimonio (capitoli XXXVII e XXXVIII).
Coda
Commiato manzoniano ai suoi lettori: captatio benevolentiae10 relativamente alla «storia» narrata (capitolo XXXVIII).
Vicende di Renzo e Lucia sposi: i figli numerosi; i giudizi sulla bellezza di Lucia (capitolo XXXVIII).
Valutazione
Disseminata in tutte le pagine del romanzo. Per fare solo qualche esempio:
- valutazione sulle «conoscenze del cuore» nel commiato tra Fra Cristoforo, Renzo e Lucia (cap. VIII);
- valutazioni implicite nella stessa modalità narrativa (come la descrizione comica dell’atteggiamento di don Abbondio lettore, nell’esordio del capitolo VIII, volta a valutare i limiti della sua cultura; o la valutazione globale della personalità di don Rodrigo, non presentato direttamente dall’autore, ma solo attraverso le cose che possiede, gli emblemi del suo cinico materialismo; ...).
- valutazione sulle fonti storiche relative alla peste nel milanese (capitolo XXXI).


backindietro alla home page |  up
torna all'inizio
 |  continua questo percorsogo on







Note
1 Il referente è l’argomento della comunicazione, l’aspetto della realtà cui ci si riferisce, l’oggetto di riferimento.torna al testo
2 Il messaggio è ciò che viene trasmesso mediante i segni, la manifestazione della comunicazione tramite segni.torna al testo
3 La denotazione del messaggio è il significato espresso direttamente dai segni.torna al testo
4 La connotazione del messaggio è il significato ulteriore dei segni loro riferibile nella specificità di ciascuna comunicazione. E’ ciò che arricchisce un’opera letteraria di molteplici livelli.torna al testo
5 Il codice è il sistema di segni comune all'emittente e al ricevente. Il registro fa riferimento alle sfumature di utilizzo del codice, ai suoi livelli espressivi e linguistici.torna al testo
6 Gli idiotismi sono delle costruzioni, o forme linguistiche, proprie di un determinato dialetto o dell’idioma di una specifica comunità.torna al testo
7 L’ironia è una figura retorica di tipo concettuale (dell’inventio) per cui il vero significato di un enunciato è il contrario di quello che si dice, o si intenderebbe rimanendo semplicemente sul piano letterale. Quando nell’emittente vi sia anche un’intenzione polemica che accentua lo scarto fra la lettera e il significato inteso, l’ironia diventa sarcasmo.torna al testo
8 Esornativo è un elemento che serve ad abbellire, cioè esclusivamente ad ornare.torna al testo
9 La metafora è un figura retorica di tipo formale-espressivo (dell’elocutio) e può essere definita come un paragone abbreviato, come una proporzione in cui il termine medio è sottinteso; si può dire che dal senso proprio di una parola o un’espressione si passi ad un senso figurato, oppure che una parola assume il significato di un’altra con cui ha un qualche rapporto di similarità.torna al testo
10 E’ la «conquista della buona disposizione» del destinatario.torna al testo


backindietro alla home page |  up
torna all'inizio
 |  continua questo percorsogo on