Il Discorso libero indiretto (rivissuto) G.Verga

 

Il problema di Verga era quello di far parlare degli analfabeti – nota con quale tecnica riesce a rinnovare la lingua Italiana- ricorda esiste: 

1-il discorso diretto /egli disse…/ in genere usato nella conversazione non complessa –lo usano i bambini –si usa nella fiabe-nelle trascrizioni facili –può anche avere un grosso effetto espressivo 

2-discorso indiretto /è più complesso –lo stai ancora imparando-si usano delle subordinate –delle costruzioni, complesse /egli diceva… 

in ambedue esiste la /Dichiarativa/ con il discorso libero indiretto si abolisce la dichiarativa

Verga in questo modo fa parlare coralmente i poveri pescatori di Acitrezza esprimendo i loro pensieri,le loro imprecazioni,l’intervento del narratore c’è ma nello stesso tempo non è simile a quello del narratore onnisciente,è più oggettivo realistico 

Ricorda ancora l’uso dei proverbi,come espressione di saggezza e in particolare l’uso del ‘’Che’’

VERGA sempre, per far parlare i suoi personaggi usa un ‘’Che’’ grammaticalmente "scorretto" –la congiunzione in questione esclude il verbo reggente Esempio: 

’che avevano sempre avuto delle barche sull’acqua , e delle tegole al sole’’ (Gli uomini sono fatti come le dita di una mano) LA Congiunzione nasconde il verbo ‘’si sapeva che ,era noto che. 

Il racconto del naufragio della Provvidenza e della morte di Bastianazzo rappresenta un piccolo capolavoro di tecnica verista. Innanzitutto, infatti, il tragico evento non è narrato direttamente, in quanto avvenuto in mare, di notte e senza testimoni, ma è piuttosto "ri­vissuto" attraverso le reazioni prodotte sui personaggi, in primo luogo Maruzza la Longa,moglie di Bastianazzo.

Inoltre, per ottenere il massimo di oggettività, Verga rinuncia qualunque effusione sentimentale,(non divente un Melodramma) e riduce le reazioni della protagonista al piano puramente fisiologico ed esteriore; magistrale è anche la reazione della sventurata alle inusuali attenzioni cui è fatta oggetto dai compaesani. 

Il brano è stato oggetto di un'acuta analisi da parte del critico austriaco Leo Spitzer che annota fra l'altro:

 «Verga non descrive ……’’ la morte di Bastianazzo sulla sua barca Provvi­denza, ma il processo per cui questa morte diventa realtà per il villaggio e per sua moglie, attraverso i discorsi, i gesti e in generale le attitudini di tutti i membri di quella comunità:

alla fine del capitolo la Longa, che qualche riga prima era ancora la poveretta che non sapeva di esser vedova, vedendo i comportamenti ,indicativi, solenni di comare Piedipapera e di cugina Anna (le vennero incontro, con le mani sul ventre, senza dir nulla) comprende la realtà della sua vedovanza.

Il narratore,  un narratore autentico, ha scelto di

raccontare gli avvenimenti come si riflettono nei cervelli e nei cuori dei suoi personaggi-. 

1-. Come apprende Maruzza la Longa la morte del marito Bastianazzo? 

2-. Come reagisce il paese di fronte alla disgrazia? 

3-. Da quale particolare prospettiva l'autore racconta l'avvenimento?

 Cap. 3/I Malavoglia/ il naufragio della Provvidenza/G.Verga

        Dopo la mezzanotte il vento s’era messo a fare il diavolo, come se sul tetto ci fossero tutti i gatti del paese, e a scuotere le imposte. Il mare si udiva muggire attorno ai fariglioni che pareva ci fossero riuniti i buoi della fiera di S. Alfio, e il giorno era apparso nero peggio dell’anima di Giuda. Insomma una brutta domenica di settembre, di quel settembre traditore che vi lascia andare un colpo di mare fra capo e collo, come una schioppettata tra i fichidindia. Le barche del villaggio erano tirate sulla spiaggia, e bene ammarate alle grosse pietre sotto il lavatoio; perciò i monelli si divertivano a vociare e fischiare quando si vedeva passare in lontananza qualche vela sbrindellata, in mezzo al vento e alla nebbia, che pareva ci avesse il diavolo in poppa; le donne invece si facevano la croce, quasi vedessero cogli occhi la povera gente che vi era dentro.
        Maruzza la Longa non diceva nulla, com’era giusto, ma non poteva star ferma un momento, e andava sempre di qua e di là, per la casa e pel cortile, che pareva una gallina quando sta per far l’uovo. Gli uomini erano all’osteria, e nella bottega di Pizzuto, o sotto la tettoia del beccaio, a veder piovere, col naso in aria. Sulla riva c’era soltanto padron ’Ntoni, per quel carico di lupini che ci aveva in mare, colla Provvidenza e suo figlio Bastianazzo per giunta, e il figlio della Locca, il quale non aveva nulla da perdere lui, e in mare non ci aveva altro che suo fratello Menico, nella barca dei lupini. Padron Fortunato Cipolla, mentre gli facevano la barba, nella bottega di Pizzuto, diceva che non avrebbe dato due baiocchi di Bastianazzo e di Menico della Locca, colla Provvidenza e il carico dei lupini.
        - Adesso tutti vogliono fare i negozianti, per arricchire! diceva stringendosi nelle spalle; e poi quando hanno perso la mula vanno cercando la cavezza.
        Nella bettola di suor Mariangela la Santuzza c’era folla: quell’ubriacone di Rocco Spatu, il quale vociava e sputava per dieci; compare Tito Piedipapera, mastro Turi Zuppiddu, compare Mangiacarrubbe, don Michele il brigadiere delle guardie doganali, coi calzoni dentro gli stivali, e la pistola appesa al ventre, quasi dovesse andare a caccia di contrabbandieri con quel tempaccio, e compare Mariano Cinghialenta. Quell’elefante di mastro Turi Zuppiddu andava distribuendo per ischerzo agli amici dei pugni che avrebbero accoppato un bue, come se ci avesse ancora in mano la malabestia di calafato, e allora compare Cinghialenta si metteva a gridare e bestemmiare, per far vedere che era un uomo di fegato e carrettiere.
        Lo zio Santoro, raggomitolato sotto quel po’ di tettoia, davanti all’uscio, aspettava colla mano stesa che passasse qualcheduno per chiedere la carità. - Tra tutte e due, padre e figlia, disse compare Turi Zuppiddu, devono buscarne dei bei soldi, con una giornata come questa, e tanta gente che viene all’osteria.

        - Bastianazzo Malavoglia sta peggio di lui, a quest’ora, rispose Piedipapera, e mastro Cirino ha un bel suonare la messa; ma i Malavoglia non ci vanno oggi in chiesa; sono in collera con Domeneddio, per quel carico di lupini che ci hanno in mare.
        Il vento faceva volare le gonnelle e le foglie secche, sicché Vanni Pizzuto col rasoio in aria, teneva pel naso quelli a cui faceva la barba, per voltarsi a guardare che passava, e si metteva il pugno sul fianco, coi capelli arricciati e lustri come la seta; e lo speziale se ne stava sull’uscio della sua bottega, sotto quel cappellaccio che sembrava avesse il paracqua in testa, fingendo di aver discorsi grossi con don Silvestro il segretario, perché sua moglie non lo mandasse in chiesa per forza; e rideva del sotterfugio, fra i peli della barbona, ammiccando alle ragazze che sgambettavano nelle pozzanghere.
        - Oggi, andava dicendo Piedipapera, padron ’Ntoni vuol fare il protestante come don Franco lo speziale.
        - Se fai di voltarti per guardare quello sfacciato di don Silvestro, ti do un ceffone qui dove siamo; borbottava la Zuppidda colla figliuola, mentre attraversavano la piazza. - Quello lì non mi piace.
        La Santuzza, all’ultimo tocco di campana, aveva affidata l’osteria a suo padre, e se n’era andata in chiesa, tirandosi dietro gli avventori. Lo zio Santoro, poveretto, era cieco, e non faceva peccato se non andava a messa; così non perdevano tempo all’osteria, e dall’uscio potevano tener d’occhio il banco, sebbene non ci vedesse, ché gli avventori li conosceva tutti ad uno ad uno soltanto al sentirli camminare, quando venivano a bere un bicchiere.

        - Le calze della Santuzza, osservava Piedipapera, mentre ella camminava sulla punta delle scarpette, come una gattina - le calze della Santuzza, acqua o vento, non le ha viste altri che massaro Filippo l’ortolano; questa è la verità.
        - Ci sono i diavoli per aria! diceva la Santuzza facendosi la croce coll’acqua santa. - Una giornata da far peccati!
        La Zuppidda, lì vicino, abburattava avemarie, seduta sulle calcagna, e saettava occhiatacce di qua e di là, che pareva ce l’avesse con tutto il paese, e a quelli che volevano sentirla ripeteva: - Comare la Longa non ci viene in chiesa, eppure ci ha il marito in mare con questo tempaccio! Poi non bisogna stare a cercare perché il Signore ci castiga! - Persino la madre di Menico stava in chiesa, sebbene non sapesse far altro che veder volare le mosche!
        - Bisogna pregare anche pei peccatori; rispondeva la Santuzza; le anime buone ci sono per questo.
        - Sì, come se ne sta pregando la Mangiacarrubbe, col naso dentro la mantellina, e Dio sa che peccatacci fa fare ai giovanotti!
        La Santuzza scuoteva il capo, e diceva che mentre si è in chiesa non bisogna sparlare del prossimo. - «Chi fa l’oste deve far buon viso a tutti», rispose la Zuppidda, e poi all’orecchio della Vespa: - La Santuzza non vorrebbe si dicesse che vende l’acqua per vino; ma farebbe meglio a non tenere in peccato mortale Filippo l’ortolano, che ha moglie e figliuoli.
        - Per me, rispose la Vespa, gliel’ho detto a don Giammaria che non voglio più starci fra le Figlie di Maria, se ci lasciano la Santuzza per superiora. Allora vuol dire che l’avete trovato il marito? rispose la Zuppidda.
        - Io non l’ho trovato il marito, saltò su la Vespa con tanto di pungiglione. Io non sono come quelle che si tirano dietro gli uomini anche in chiesa, colle scarpe verniciate, e quelli altri colla pancia grossa.
        Quello della pancia grossa era Brasi, il figlio di padron Cipolla, il quale era il cucco delle mamme e delle ragazze, perché possedeva vigne e oliveti.

        - Va a vedere se la paranza è bene ammarrata; gli disse suo padre facendosi la croce.
        Ciascuno non poteva a meno di pensare che quell’acqua e quel vento erano tutt’oro per i Cipolla; così vanno le cose di questo mondo, che i Cipolla, adesso che avevano la paranza bene ammarrata, si fregavano le mani vedendo la burrasca; mentre i Malavoglia diventavano bianchi e si strappavano i capelli, per quel carico di lupini che avevano preso a credenza dallo zio Crocifisso campana di legno.
        - Volete che ve la dica? saltò su la Vespa; la vera disgrazia è toccata allo zio Crocifisso che ha dato i lupini a credenza. «Chi fa credenza senza pegno, perde l’amico, la roba e l’ingegno».
        Lo zio Crocifisso se ne stava ginocchioni a piè dell’altare dell’Addolorata, con tanto di rosario in mano, e intonava le strofette con una voce di naso che avrebbe toccato il cuore a satanasso in persona. Fra un’avemaria e l’altra si parlava del negozio dei lupini, e della Provvidenza che era in mare, e della Longa che rimaneva con cinque figliuoli. - Al giorno d’oggi, disse padron Cipolla, stringendosi nelle spalle, nessuno è contento del suo stato e vuol pigliare il cielo a pugni.
        - Il fatto è, conchiuse compare Zuppiddu, che sarà una brutta giornata pei Malavoglia.
        - Per me, aggiunse Piedipapera, non vorrei trovarmi nella camicia di compare Bastianazzo.
        La sera scese triste e fredda; di tanto in tanto soffiava un buffo di tramontana, e faceva piovere una spruzzatina d’acqua fina e cheta: una di quelle sere in cui, quando si ha la barca al sicuro, colla pancia all’asciutto sulla sabbia, si gode a vedersi fumare la pentola dinanzi, col marmocchio fra le gambe, e sentire le ciabatte della donna per la casa, dietro le spalle. I fannulloni preferivano godersi all’osteria quella domenica che prometteva di durare anche il lunedì, e fin gli stipiti erano allegri della fiamma del focolare, tanto che lo zio Santoro, messo lì fuori colla mano stesa e il mento sui ginocchi, s’era tirato un po’ in qua, per scaldarsi la schiena anche lui.

        - E’ sta meglio di compare Bastianazzo, a quest’ora! ripeteva Rocco Spatu, accendendo la pipa sull’uscio.
        E senza pensarci altro mise mano al taschino, e si lasciò andare a fare due centesimi di limosina.
        - Tu ci perdi la tua limosina a ringraziare Dio che sei al sicuro, gli disse Piedipapera; per te non c’è pericolo che abbi a fare la fine di compare Bastianazzo.
        Tutti si misero a ridere della barzelletta, e poi stettero a guardare dall’uscio il mare nero come la sciara, senza dir altro.
        - Padron ’Ntoni è andato tutto il giorno di qua e di là, come avesse il male della tarantola, e lo speziale gli domandava se faceva la cura del ferro, o andasse a spasso con quel tempaccio, e gli diceva pure: - Bella Provvidenza, eh! padron ’Ntoni! Ma lo speziale è protestante ed ebreo, ognuno lo sapeva.
        Il figlio della Locca, che era lì fuori colle mani in tasca perché non ci aveva un soldo, disse anche lui:
        - Lo zio Crocifisso è andato a cercare padron ’Ntoni con Piedipapera, per fargli confessare davanti a testimoni che i lupini glieli aveva dati a credenza.
        - Vuol dire che anche lui li vede in pericolo colla Provvidenza.
        - Colla Provvidenza c’è andato anche mio fratello Menico, insieme a compare Bastianazzo.
        - Bravo! questo dicevamo, che se non torna tuo fratello Menico tu resti il barone della casa.
        - C’è andato perché lo zio Crocifisso voleva pagargli la mezza giornata anche a lui, quando lo mandava colla paranza, e i Malavoglia invece gliela pagavano intiera; rispose il figlio della Locca senza capir nulla; e come gli altri sghignazzavano rimase a bocca aperta.

        Sull’imbrunire comare Maruzza coi suoi figliuoletti era andata ad aspettare sulla sciara, d’onde si scopriva un bel pezzo di mare, e udendolo urlare a quel modo trasaliva e si grattava il capo senza dir nulla. La piccina piangeva, e quei poveretti, dimenticati sulla sciara, a quell’ora, parevano le anime del purgatorio. Il piangere della bambina le faceva male allo stomaco, alla povera donna le sembrava quasi un malaugurio; non sapeva che inventare per tranquillarla, e le cantava le canzonette colla voce tremola che sapeva di lagrime anche essa.
        Le comari, mentre tornavano dall’osteria, coll’orciolino dell’olio, o col fiaschetto del vino, si fermavano a barattare qualche parola con la Longa senza aver l’aria di nulla, e qualche amico di suo marito Bastianazzo, compar Cipolla, per esempio, o compare Mangiacarrubbe, passando dalla sciara per dare un’occhiata verso il mare, e vedere di che umore si addormentasse il vecchio brontolone, andavano a domandare a comare la Longa di suo marito, e stavano un tantino a farle compagnia, fumandole in silenzio la pipa sotto il naso, o parlando sottovoce fra di loro. La poveretta, sgomenta da quelle attenzioni insolite, li guardava in faccia sbigottita, e si stringeva al petto la bimba, come se volessero rubargliela. Finalmente il più duro o il più compassionevole la prese per un braccio e la condusse a casa. Ella si lasciava condurre, e badava a ripetere: - Oh! Vergine Maria! Oh! Vergine Maria! - I figliuoli la seguivano aggrappandosi alla gonnella, quasi avessero paura che rubassero qualcosa anche a loro. Mentre passavano dinanzi all’osteria, tutti gli avventori si affacciarono sulla porta, in mezzo al gran fumo, e tacquero per vederla passare come fosse già una cosa curiosa.
        - Requiem eternam, biascicava sottovoce lo zio Santoro, quel povero Bastianazzo mi faceva sempre la carità, quando padron ’Ntoni gli lasciava qualche soldo in tasca.
        La poveretta, che non sapeva di essere vedova, balbettava: - Oh! Vergine Maria! Oh! Vergine Maria!
        Dinanzi al ballatoio della sua casa c’era un gruppo di vicine che l’aspettavano, e cicalavano a voce bassa fra di loro. Come la videro da lontano, comare Piedipapera e la cugina Anna le vennero incontro, colle mani sul ventre, senza dir nulla. Allora ella si cacciò le unghie nei capelli con uno strido disperato e corse a rintanarsi in casa.
        - Che disgrazia! dicevano sulla via. E la barca era carica! Più di quarant’onze di lupini!

Se ti viene chiesto di commentare il brano o qualcosa relativa al Verismo di Verga dovresti avere ora le idee più chiare-non confondere il Discorso libero indiretto con il Monologo interiore-il secondo deriva dal primo -Verga lo usa per rendere oggettiva la narrazione per far parlare personaggi che non conoscono l'italiano-Il Monologo interiore distrugge invece il realismo del secolo precedente confondendo narratore e personaggio  

vedi -Svevo 

Tratto da Liber Liber-

lo trovi comunque sul libro di testo

 

 

.