Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

BIOTERRORISM - PLAGUE AS A BIOLOGICAL WEAPON

Prof. C. Di Cicco, M. D.
15th Congress of the European Academy of Dermatology and Venereology. Rhodes - Greece

(Abstract)


Introduction: Bioterrorism is the utilization of microorganisms or toxins in order to produce a disease and/or the dead in human beings, animals or plants. Differently from the conventional weaponry, relatively economic means are used that allow the elimination of living beings without to destroy to the surrounding atmosphere. Method more probable than spread of the bioweapons it is the aerial transmission, continuation from water and feed. The CDC (US Centers for Disease Control and Prevention, Atlanta) has subdivided in three categories aggressiveness of the "Bioweapons".
The category A comprises:
PLAGUE
ANTHRAX
SMALLPOX
BOTULISM
TULAREMIA
VIRAL HEMORRHAGIC FEVERS (Ebola, Marpurg)
The Plague. The data reported from the WHO refer the presence of approximately 1000/3000 cases the year plague, distributed above all between Africa, South America and Asia. In the United States the last city epidemic of plague has been taken place in 1924-25, to Los Angeles, and from then the manifest disease in particolar way in the rural areas with a 10-15 rhythm cases the year, above all in the zone of the New Mexico, Arizona north and south Colorado, and in the zone comprised between California, the south of the Oregon and western Nevada. In Asia the plague is diffused in the zones of the Caucasus. Present also in Russia, in China, and also in some zones of south-western and Southeastern Asia. The plague is present in Uganda (November 1988, 49 cases), Malawi (July 1999, 74 cases), Namibia (May 1999, 39 cases) in Madagascar and Sudafrica.
The plague is instead absent in Europe and Australia.
Never as hour has been taken place, in our history, the requirement to one preparation in sight of an eventual terroristic attack. A terroristic attack could be put in action to means of crews of mass destruction, of chemical products, therefore like by means of crews of biological nature which virus, bacteria and other germs. In case of attack with use of products chemical and/or radioactive , the effects would be immediate. Many hours, instead, even days, could pass silently before stating the devastating effects of an attack of biological nature.
CDC declare that the plague is a possible biological weapon because the bacterium occurs in nature and could be isolated and grown in quantity in a laboratory .
To understand a potential act of bioterrorism, it is important to recognize the presentation of naturally disease.
Bubonic Plague: incubation period is 2-6 days. Early symptoms are lymphadenopathy and fever. Patients develop swollen lymph nodes, which are called buboes. If bubonic plague is not treated, the bacteria can scatter through the bloodstream causing septicemia or infect the lungs.


Courtesy of " US Centers for Disease Control and Prevention "(CDC)


Pneumonic Plague: incubation period is 2-4 days with range of 1-6 days. Symptoms are acute attack of fever, myalgias associated with progressive lack of energy. It is caused by direct inhalation of infective respiratory droplets or aerosolized bacteria. Chest radiographs of untreated patients show rapidly expanding bronchopneumonic infiltrates. Without early diagnosis and therapy in less than 24 hours, pneumonic plague is generally fatal.


Courtesy of " US Centers for Disease Control and Prevention "(CDC)


Septicemic Plague is frequently fatal also when treated. Occurs when Yersinia Pestis increase in the blood. Symptoms are acute attack of fever, prostration,vomit,nausea, abdominal pain,purpura. Subsequently the disease may develop disseminated intravascular coagulation (DIC).





Courtesy of " US Centers for Disease Control and Prevention "(CDC)

BIOTERRORISMO
==============================================
Il Bioterrorismo è l'utilizzo di microrganismi o di tossine per produrre malattia e/o la morte in esseri umani, animali o piante. Diversamente dalle armi convenzionali, si utilizzano mezzi relativamente economici che permettono l'eliminazione di esseri viventi senza distruggere l'ambiente circostante.Il metodo più probabile di diffusione dei bioagenti è la trasmissione aerea, seguita da acqua ed alimenti. Per verificarsi la trasmissione aerea, passaggi orali e nasali, occorre che le particelle siano molto piccole (10 micron) ed ancora più piccole per poter raggiungere i polmoni mediante inalazione.
Il CDC (Centers for Disease Control and Prevention, Atlanta) ha suddiviso in tre categorie la potenziale aggressività dei "Bioagenti". La categoria A comprende:
PESTE
ANTRACE
VAIOLO
BOTULISMO
TULAREMIA
FEBBRE EMORRAGICA(Ebola)
PESTE ANTRACE VAIOLO BOTULISMO TULAREMIA FEBBRE EMORRAGICA(Ebola)
La Peste. I dati riportati dall'OMS riferiscono la presenza di circa 1000/3000 casi di peste ogni anno, distribuiti soprattutto tra Africa, Sudamerica e Asia. Negli Stati Uniti l’ultima epidemia urbana di peste si è verificata nel 1924-25, a Los Angeles, e da allora la malattia si manifesta in particolar modo nelle aree rurali con un ritmo di 10-15 casi l’anno, soprattutto nella zona del New Mexico, nord Arizona e sud Colorado, e nella zona compresa tra la California, il sud dell’Oregon e il Nevada occidentale. Presente anche in Russia, nel Caucaso, in Cina ed in alcune zone dell’Asia sud-occidentale e sud-orientale. Nel diciannovesimo secolo si è verificata l'ultima grande pandemia che ebbe inizio a Hong Kong (1894) e si diffuse in tutti i continenti, per terminare con la peste di Marsiglia (1920). Da allora in Europa la peste è praticamente scomparsa. Un episodio epidemico di peste polmonare si è verificato nel settembre 1994 nella città indiana di Surat, nello stato del Gujarat. I casi registrati ufficialmente furono 2500, con 58 morti. La peste si è manifestata in Uganda (Novembre 1988, 49 casi), Malawi ( Luglio 1999, 74 casi), Namibia ( Maggio 1999, 39 casi ), in Madagascar ed in Sudafrica. Casi di peste si sono verificati negli ultimi tempi in Kenia, Tanzania, Zaire, Mozambico, Botswana ed anche in zone isolate nell’ovest e nel nord Africa. Da rilevare che in Sudamerica esistono ancora due zone di attività della malattia: la regione andina montagnosa (in Bolivia, Perù ed Ecuador) ed il Brasile. La peste è attualmente assente in Europa e in Australia.
Terrorismo. Mai come ora si è verificata, nella nostra storia, l'esigenza ad una preparazione in vista di un eventuale attacco terroristico. L'attacco terroristico potrebbe essere messo in atto a mezzo di armi di distruzione di massa, di prodotti chimici, così come mediante armi di natura biologica, quali virus, batteri e altri germi. In caso di attacco con uso di prodotti chimici e/o radioattivi, gli effetti sarebbero immediati. Molte ore, invece, persino giorni, potrebbero trascorrere silenziosamente prima di constatare gli effetti devastanti di un attacco di natura biologica.
Secondo "US Centers of Disease Control and Prevention" la peste è una probabile arma biologica perchè l'agente etiologico, il batterio "Yersinia Pestis", è presente in natura e potrebbe essere isolato e coltivato in laboratorio. Sebbene descritto per la prima volta nel 1894, durante la peste di Hong Kong, da Alexander Yersin e Shibasaburo Kitasato, la modalità di trasmissione fu identificata soltanto nel 1897 da P.L. Simond. Mediante batteri aerosolizzati un attacco terroristico può causare la Peste Polmonare che, manifestandosi dopo alcuni giorni dall'infezione, potrebbe diffondersi rapidamente in modo esponenziale.

Peste Bubbonica: il quadro clinico permette una immediata diagnosi. Periodo di incubazione di 2-6 giorni. Sintomatologia caratterizzata da febbre e linfoadenopatia. I pazienti sviluppano grossi linfononodi, sporgenti, di consistenza molle, definiti “bubboni”. Se la Peste non è diagnosticata e trattata precocemente, il batterio (Yersinia Pestis) può diffondere mediante la via ematica infettando polmoni (Peste polmonare secondaria) o causando una setticemia (Peste setticemica).
Diagnosi differenziale: Linfogranuloma Venereo, Capnocytophaga canimorsus, Infezioni aspecifiche che possono creare una linfoadenopatia unilaterale etc.
Peste Polmonare: periodo di incubazione di 2-4 gioni con range di 1-6 giorni. La sintomatologia è caratterizzata da febbre, mialgia associata ad una progressiva perdita di energia (letargia).Contagio determinato da inalazione diretta di goccioline infette di saliva o batteri aerosolizzati oppure infezione polmonare secondaria per diffusione da altra sede anatomica.Tosse con escreato muco-sanguinolento con dolore toracico e crescente dispnea. Le radiografie toraciche di pazienti non trattati mostrano infiltrati polmonari evolutivi (necrosi, emorragie). Senza una immediata diagnosi e terapia in meno di 24 la peste polmonare conduce ad exitus.
Diagnosi differenziale: i quadri più importanti da considerare sono l’Antrace, Tularemia, Febbre Q, Polmoniti Virali, Polmoniti Batteriche in comunita etc.
La Peste Setticemica: frequentemente fatale anche quando trattata in modo idoneo. Si determina quando il batterio si diffonde e moltiplica nel circolo ematico. La sintomatologia è caratterizzata da acuti attacchi febbrili, prostrazione, nausea e vomito. Dolori addominali e porpora Successivamente la malattia può sviluppare una coagulazione intravasale disseminata (CID). Infine ipotensione e shock.
Diagnosi differenziale: Meningococcemia, Setticemia causata da altri batteri Gram-negativi.
Terapia: Antibiotici efficaci per via orale sono le tetracicline (doxycyclina) oppure il fluorchinolone (ciprofloxacina). Per via i.m. oppure e.v. gli antibiotici da usare sono la streptomicina o la gentamicina. La terapia dovrebbe essere effettuata entro le 24 ore dalla comparsa dei primi sintomi.
Attualmente non esiste un vaccino.

(Abstract)


NEWS
PLAGUE
EMERGENCY PREPAREDNESS & RESPONSE

CERTIFICATE
BIOTERRORISM PREPAREDNESS and RESPONSE
TEXTBOOK of DERMATOLOGY - C. Di Cicco

CDC Health Update
Information Regarding Polonium-210 Involved in Recent Events in the United Kingdom

Guidance for Public Health Departments and Clinicians Caring for Individuals Who May Have Been Recently Exposed to Polonium-210 (Po-210)




HOME PAGE