GESU' DI NAZARETH

Io sono la Via, la VeritÓ e la Vita (Gv. 14,6)

 

 

 

 

 

 

JESUS OF NAZARETH (English)

J╔SUS DE NAZARETH (Franšais)

JES┌S DE NAZARET (Espa˝ol)


VAI ALLE PAGINE DI SPIRITUALITA' CRISTIANA

PAGINE DI  SPIRITUALITA' 


IL DIBATTITO

SU

GESU':

VAI ALLE PAGINE DEDICATE AL DIBATTITO SU GESU


GESU' NELL'ARCHEOLOGIA

GESU'

NELLA

ARCHEOLOGIA


Vai alla Janua Major

la Porta di bronzo 

della Cattedrale di Benevento


VAI A:

IL VANGELO DELLA DOMENICA


ALTRI SITI DI

Donato Calabrese:

Pietrelcina  la cittadella natale di Padre Pio

Centro Volontari della Sofferenza


  


Questo sito Ŕ stato pubblicato   il 1░ aprile 2000



VAI AL NOSTRO FORUM

Registrati e partecipa anche Tu

 

 

   Senza Ges¨ di Nazareth non vi sarebbe il Cristianesimo e la Storia umana sarebbe priva di quella componente etica che l'ha indirizzata ad un fine di bene.  Senza di Lui, I due polmoni del mondo cristiano, quello occidentale e quello orientale, non avrebbero respirato l'aria rigeneratrice di un messaggio che i discepoli di Ges¨ dicono ispirato direttamente da Dio, e che, non si pu˛ negare,  ha toccato profondamente la vita di miliardi di esseri umani fino a cambiare, in positivo, il corso stesso della Storia.

   Ges¨ ha influenzato, con la sua vicenda storica, l'arte, la cultura, la politica, il sociale, la poesia, il sentire intimo di ogni uomo, specialmente dell'uomo che, di fronte ai grandi interrogativi dell'esistenza, come il dolore e la morte, guarda a Lui come Colui che si fa risposta, che indica una via, che dona la pace, che si fa amore e riposo.

   Si Ŕ vero: Ges¨ Ŕ stato oggetto di avversione  dalla sua nascita alla morte, dopo la morte. Tuttora il suo nome Ŕ oggetto di sentimenti diversi e contrapposti. Ma nessuno ha saputo parlare come Lui ha parlato; nessuno ha saputo agire, come Lui ha agito; nessuno ha saputo operare come Lui ha operato, nessuno ha saputo donare sÚ stesso, come Lui ha fatto.

   Il suo messaggio, la sua Parola, ancora oggi, a duemila anni di distanza, conserva il suo fascino originario.

  I suoi rapporti con l'umanitÓ, con i poveri, i ricchi, i deboli, i potenti, con chi soffre e chi Ŕ nel gaudio, sono divenuti "l'emblema della perfezione morale".

   "Nessuno ha osato dire ci˛ che Lui ha detto, di essere <<Figlio di Dio>>; nessuno ha avuto una storia pari alla sua. La sua persona e il suo messaggio hanno influenzato le stesse grandi religioni del mondo.

   Le sue parole in particolare non hanno eguali. Si Ŕ potuto affermare che in Ges¨ la parola ha raggiunto il massimo della sua intensitÓ e capacitÓ espressiva: si pensi al discorso della Montagna o alle parabole del Regno. Forse anche per questo i discepoli l'hanno salutato come il L˛gos, la parola divina diventata carne per comunicarsi agli uomini.

   Dall'alto dei suoi duemila anni quella parola continua a interpellare. Il 22 ottobre del 1978, dal luogo stesso in cui Ŕ la tomba di Simon Pietro, che fu il <<primo>> dei discepoli di Ges¨, Giovanni Paolo II ha lanciato al mondo l'appello: (Aprite le porte a Cristo, non abbiate paura)" (Piero Rossano, Il Protagonista, Storia di Ges¨ Rizzoli, volume primo, pagg. VII-VIII).


VAI ALL'EDITORIALE

 

VAI AL NOSTRO FORUM

Registrati e partecipa anche Tu

 

 

contatti

 

 


 

 

 

 

Copyright ę 2000   by Donato Calabrese

All rights reserved

 

Vai alla VITA DI GESU'

La vita di Ges¨

LA PAROLA DI DIO
Vai all'ascolto della Parola di Dio


Questo sito Ŕ curato

da

Donato Calabrese


Altri siti dello stesso autore:

 

VISITA IL SITO DEDICATO ALLA MADONNA

Maria, tenerezza di Dio

Padre Pio da Pietrelcina, immagine trasparente della passione di Cristo

Padre Pio da Pietrelcina

 

Benevento, cittÓ dai mille volti

Benevento


ATTENZIONE

Tutti i testi di questo sito (comprese le pagine collegate) sono copyright. Pertanto il loro l'utilizzo, senza l'autorizzazione da parte dell'autore, Donato Calabrese, Ŕ assolutamente vietato, ai sensi delle leggi vigenti.


PPer informazioni, commenti ed altro:

scrivi a

DONATO CALABRESE, autore del Sito

Donato Calabrese


TORNA ALL'INIZIO DELLA PAGINA

Torna all'inizio di questa  paginaa Calabreserights reserved