Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

Romolo MANTOVANI

 

La Pace Universale

Messaggi Spirituali

 

Tratto da:

La Paix Universelle par l’Harmonie Individuelle

Editions Amour et Vie - Autricourt (France)

 

Traduzione e revisione

dal testo francese di Antonio Bigliardi

 

 

 

Prima edizione italiana

2005

© Natura, Amore e Vita

Antonio Bigliardi

digilander.libero.it/antoniobigliardi





LA PACE UNIVERSALE

attraverso

l'Armonia Individuale

 

I pensieri sono dei veri semi sparsi nel mondo mentale invisibile che, sempre, germogliano, si sviluppano e si realizzano nella nostra esistenza terrestre.

  Insistiamo particolarmente, sul valore reale e profondo del pensiero creatore, invitando il nostro fratello lettore a fare ogni giorno delle meditazioni per la pace, con fede e fiducia.

  È della più grande importanza, se vogliamo formare un’Umanità migliore, di badare a questo, che i nostri pensieri ed i nostri sentimenti siano sempre positivi e buoni, e di migliorarli ad ogni istante.

  Queste pagine, hanno come scopo di aiutarci in questo miglioramento di noi stessi. Devono dunque essere meditate profondamente, per trovare un prezioso appoggio spirituale. Ciò ci aiuterà a liberare sempre più la nostra coscienza, ad allargare la nostra comprensione e ci permetterà di vivere un Ideale d’Amore realizzando una Nuova Vita di Pace e di Armonia Universale.

 

                                                                                                                                                     Romolo MANTOVANI 

 

 

 

 

 

 

AFFERMAZIONE

 

  Fratelli,

  Che tutti gli uomini si uniscano, in una stessa Comprensione d’Amore, per creare dei pensieri e delle azioni buone ed utili, nello scopo unico di portarli sempre oltre, verso la PERFEZIONE.

  Che la pace regni sempre tra gli uomini, una Pace Armoniosa e Creatrice, che li porti ad una comprensione cosciente, attraverso le loro Opere di Vita, nella Vita e per la Vita.

 

CHE IL NOSTRO PENSIERO...

 

  Preghiamo quelli che desiderano con tutto il loro cuore la pace del mondo, di unirsi a noi e pensare così:

  Che il nostro pensiero fermo, evolutivo, raccolga la forza necessaria che gli permetta di unirsi a tutti gli altri pensieri dei Fratelli, animati come noi, da uno spirito d’amore e di giustizia!

  Che il nostro pensiero, più sottile e più puro, si alzi sopra a tutte le contingenze umane, ed arrivi ad uno stato creatore, affinché possa rinviare per riflesso, altrettanto amore che giustizia, per mezzo della comprensione che è fatta di pace e d’armonia.

  Che la pace non sia più solamente una parola, ma che concretizzi finalmente, ciò che, finora, la Pace veramente FRATERNA ha sempre avuto per simbolo.

  Che ella faccia sentire agli uomini la necessità d’essere Fratelli.

  Che ella faccia sentire che non è più possibile una lotta d’interessi finanziari e politici, che non è più possibile battersi, uni contro gli altri, per motivi più o meno barbari ed egoisti, perché l'anima umana deve rendersi conto che è infine l'ora di cessare ogni malinteso che possa mantenere gli uomini nemici e divisi;

  Che è infine l'ora, in cui l'intelligenza illuminata dalla coscienza, non deve servire a dividerci, ma a renderci sempre più uniti, sempre più responsabili della nostra missione terrena che è di vivere onestamente e precisamente, in completa armonia, per uno scopo unico: «La conquista dello Spirito Superiore che illumina le nostre anime e le rende coscienti per un migliore avvenire evolutivo».

  Uniamo le nostre mani, i nostri cuori, le nostre anime.

  Ascoltiamo la voce della nostra coscienza che ci dice: «Siamo fratelli».

  Uniamo il nostro pensiero ed inviamo un ringraziamento a Colui che ci facilita la strada, con l'Insegnamento di una vita di sacrificio e d’amore per tutti i suoi Fratelli.

  Uniamo il nostro pensiero affinché una Pace sovrana regni su tutti i popoli e li tenga uniti.

  Se ci sono delle divergenze, che il nostro Pensiero sia sufficientemente forte per potere attenuare gli shock e fare trionfare la Pace.

  Pace a tutti i nostri Fratelli, come a noi stessi.

 

LA MADRE DEL MILITE IGNOTO

 

  Cari Fratelli, Governanti,

  Vi supplico in nome di questo sangue che mio figlio versa per voi, di degnarvi a sentire e vedere la mia anima piena d’angoscia e di tristezza.

  Sono una, ma infinita. Infinita perché Una.

  Ascoltate fratelli, l'emozione che m’invade, non vi penetra? Non provate niente, per tutto questo sangue diffuso, che ancora oggi tormenta tutta la vita?

  Sì, tutti si ricordano ancora, del sangue innocentemente versato.

  È in nome di mio figlio, sacrificato ad un altare di cieco egoismo, di passioni diverse e d’orgoglio insensato, che parlo, per difendere dal prossimo caos, i suoi figli: i figli di quelli che sono caduti, che non vogliono combattere sul campo già insanguinato dal sacrificio dei loro padri.

  Vi rendo arbitri della vita di numerose creature, e siccome avete già sparso la morte, avete il compito di spargere la Vita. Solo, lo scopo di migliorare le condizioni di vita e di lavoro dei vostri fratelli, può riunirvi sotto lo stesso tetto, lealmente ispirati.

  Lasciate da parte i vostri odi, lasciate le miserabili divergenze, lasciate l'egoismo e l'orgoglio che vi dividono e vi allontanano da questa via d’Amore e di Fraternità alla quale l'uomo ha il diritto ed il dovere di partecipare.

  Lasciate le armi, fratelli, trasformatele in aratri, in vanghe, in pale.

  Perché uccidervi?

- Non uccidete - ha detto Gesù.

- Non uccidete - dice l'Eterna Verità.

  E voi vi preparate ad eccitarvi in un bel modo, non preoccupandovi se - per non mancare al punto d’onore, su un gioco di parole - mettete in pericolo la vita di milioni d’esseri.

  No - ciò non può essere.

  E la madre del Milite Ignoto ha fede in voi.

  In voi che rappresentate l'Umanità.

  Fate che veramente possa essere riunita e abbracciata nel lavoro giusto e razionale che eleva l'uomo e lo rende superiore agli altri esseri viventi, mentre il caos di una guerra incoerente l'abbassa sotto la bestia! (perché questa uccide per saziarsi e lo fa secondo la sua natura, usando solo dei mezzi naturali).

  Le madri del mondo intero vi dicono del resto, che non avete in nessun modo il diritto di mettere in pericolo la vita dei loro figli: è del sangue che non vi appartiene.

  Vi supplico di abbandonare ogni odio dunque e di tendervi la mano: v’invito in nome di milioni di madri, di pensare seriamente nei veri fratelli da riunire in una sola Patria, questa grande famiglia che si chiama Umanità.

  Che i vostri trattati siano oramai dei trattati di Pace, di Solidarietà e di Lavoro.

  Che il Lavoro regni sovrano e che l'Amore e la Fraternità l'assistano in questo grande compito per il riscatto del mondo.

  Possano le vostre anime comprendere tutta l'angoscia e l'ansietà della mia e ricevere l'umile preghiera di una madre, augurando un poco di bene ed un poco di Pace per il mondo.

  Che lo Spirito dell'Eterno fatto d’Amore e d’infinita saggezza scenda nei vostri cuori e le vostre coscienze, come una rugiada benefica, per acquietare le passioni e per aprire la vostra anima alle aspirazioni più nobili e più scelte dell'Essere Umano: il Lavoro, la Pace, la Felicità che porta la Fraternità Universale e l'Amore solidale dell'uomo per l'uomo.

  Che l'Armonia e la Pace siano nei vostri cuori, cari Fratelli che brancolano nell'oscurità e nello smarrimento, affinché vi portino al giusto orientamento di vita che conduce allo scopo Immortale ed Unico.

 

LE FORZE SUPERIORI POSSONO IMPEDIRE IL MALE?

 

  Le Forze Superiori possono sempre impedire il male e dominare le forze di distruzione; ma c'è anche una questione di diritto e di tempo, perché, se prima di avere scatenato delle Forze Superiori, avete scatenato le forze del male, occorre che queste siano compiute.

  Se avete accumulato dei pensieri d’odio, di male, di distruzione, occorre che questi pensieri si manifestino, poiché è la legge. È per ciò che ti diciamo: se oggi c'è la guerra, non bisogna disperare di avere la pace.

  Si tratta di cominciare ad avere dei pensieri di pace e d’amore, e tu avrai la pace. Se emetti dei cattivi pensieri, non puoi impedire che si disperdano, perché sono delle forze reali. C'è sempre la stessa attività tra il bene ed il male e ciò ha rapporto ad una legge che chiamate la legge del karma.

  Se fai il male, avrai il male; ma se hai fatto male oggi o ieri, non devi credere che avrai sempre il male, se cominci ad agire bene adesso. È per ciò che vi raccomandiamo di fare attenzione ai pensieri che emettete e quindi insistiamo nel dire: non guardare a ciò che fa il tuo vicino, ma tu stesso sii buono. Abbi, tu stesso, di seguito, dei pensieri di pace e di vita nella pace.

  Non bisogna dire che le Forze Superiori non possono impedire il male. Il male deve evolversi, per prosciugarsi e trasformarsi in opere di bene.

  Per voi, le forze del male sono delle forze reali; ma in ciò che riguarda l'evoluzione, il male non esiste perché non è egli che deve essere posto come scopo della vita, ma il bene. Il male non esiste in questo senso poiché si deve trasformare per diventare il bene. Uno e l'altro sono sempre relativi alle opere di vita che sviluppano.

  Non bisogna mai pensare o agire male, perché il pensiero crea delle onde, delle energie che agiscono senza dubbio.

  È il bene che è alla base d’ogni costruzione. Nelle leggi divine, esiste solamente il bene che è reale.

  La Coscienza di Vita dà a ciascuno ciò che può assimilare ed è sempre in rapporto con ciò che chiede sinceramente in sé: bisogna avere sempre dei buoni pensieri così come il desiderio di realizzare sempre più un ideale bello perché, se chiedete, riceverete.

  Non siete tutti allo stesso livello d’evoluzione, non tutti possono comprendere le stesse cose. Occorre che ciascuno, con i propri mezzi, attraverso la sua esperienza personale, cammini sempre avanti. La marcia d’evoluzione è uguale per tutti, ma non negli stessi limiti di tempo.

  Ma ci sarà sempre una differenza d’evoluzione?

  Non abitate solamente la terra, è solo il corpo fisico che l'abita; ci sono altri mondi. Quando passate sulla terra voi non siete tutti allo stesso grado d’evoluzione.

  La terra evolve lei stessa, ma più lentamente dell'individuo, e la media degli individui evolve allo stesso tempo. Arriverà un tempo dove tutti gli esseri saranno molto più evoluti.

  Oggi, la maggioranza degli uomini è molto materiale, con concezioni molto terrene, molto pesanti, a parte una minoranza che è in anticipo, che comprende meglio. Ma al punto di vista terreno, c'è sempre una media che marcia insieme e quella media si evolve sempre.

 

L'AMORE DEVE VINCERE LA VIOLENZA

 

  Voglio portarvi la mia parola di pace, nella tormenta di angoscia e di distruzione che vi cinge sulla terra, scatenata dalle forze del male.

  Come un temporale ha bisogno di esplodere affinché l'atmosfera si ristabilisca armoniosa e pura, parimenti la violenza ha bisogno di scatenare tutti i carichi accumulati dai lunghi anni di male e di violenza; dopo, tutto si aggiusterà per gli anni di sacrifici, di sforzi, d’amore creatore.

  Dunque, vi preghiamo di aiutarci nei momenti tanto difficili e tristi per l'umanità. Tenetevi pronti, sì, a qualsiasi avvenimento, ma custodite soprattutto il vostro sangue freddo e la vostra volontà di pace, affinché le più grandi disgrazie siano evitate.

  Pensate che non lavorate soli a costruire la pace. Ditevi bene che il più piccolo pensiero di Pace e di Amore che emettete, va a raggiungere una grande massa di potere benefico che va ad eliminare il potere nefasto e distruttivo del male, sempre nella misura del relativo e là dove veramente è necessario.

  Altri distruggono, voi uomini di coscienza, avete il dovere preciso di costruire.

  È per questa ragione, che vi prego di formare nella vostra mente un'immagine di pace mondiale.

  Il pensiero è forza bianca che crea; vedete dunque nel vostro pensiero il globo terrestre intero cinto dagli uomini che si danno la mano; vedete dei campi riempiti di fiori e di grano, di bambini gioiosi abbracciarsi e cantare con gioia.

  Non potete credere al grande potere dell'Amore attraverso il pensiero creatore. Tutti i pensieri si uniscono per formare un potere efficace e certo per salvare l'Umanità, malgrado i suoi errori che gli sono dati affinché la comprensione possa rendere gli uomini coscienti della parola Fratello.

  Abbiate una sola preoccupazione, pensate alla Pace mondiale, pensate che l'Amore deve Vincere la violenza.

  Questa Fede, illuminata dal cuore e santificata dalle azioni di bene, vi metterà a coperto dal pericolo e vi salverà tutti.

  La forza nera del male non è alla sua ultima ora, ma quando, tra poco, cadrà, non potrà più niente, perché le anime avranno infine compreso dall'esperienza triste e dolorosa di tutti questi anni di sangue, di carestia e di tristezza, che bisogna avere dell'Amore. Bisogna dare l'Amore. Bisogna costruire e non distruggere, e la violenza cadrà da lei stessa, perché non avrà più nessuna ragione di rimanere.

  Pace, fratelli miei. Siate sempre uniti attraverso il cuore, ed abbiate soprattutto molta fiducia gli uni negli altri, e questa Fede, per un lavoro superiore che sarete chiamati a fare, vi aiuterà sempre meglio a comprendervi ed amarvi. Là è la chiave della riuscita spirituale.

 

ARMONIA

 

  Come l'aria che respirate è pura e vibrante, così, il vostro cuore, la vostra anima devono purificarsi al contatto della Natura.

  Come la Natura che è saggiamente equilibrata  ed armonizzata, dovete essere. Come i fiori che si baciano, le erbe che s’immischiano, e la terra che si amalgama, così dovete fare. Baciarvi fratello con fratello, come fiore con fiore; (uguaglianza, fraternità) come erba con erba, baciarvi al contatto del dolore.

  Godere insieme di tutta questa felicità che porta la Vita Benedetta, come il sole bacia il filo d'erba, il fiorellino e la roccia.

  Che tutta la purezza, che tutto l’effluvio pranico che vi circonda scendano nei vostri cuori, come rugiada benefica sui fiori dei campi.

 

IL PENSIERO ATTIVO

 

  Adesso più che mai, dovete unire i vostri sforzi per il bene e per una migliore comprensione individuale. Non smettete di cercare in voi stessi, per trovare ciò che c'è di migliore.

  Questo migliore, che è in ogni uomo, è la più preziosa facoltà di cui ha bisogno in tutti i tempi, specialmente in questi tempi di lotta, e d’incomprensione.

  Che l'uomo possa comprendere infine che tutte le azioni sono solamente un derivato del pensiero e che non si sconvolga a cercare dei mezzi estremi di difesa, credendo così di guadagnare del tempo con la violenza ed il dominio.

  Non c'è azione più necessaria ed immediata, che un pensiero attivo, cioè positivamente Creatore.

  Non dire affatto: «Non è oramai più tempo per educare ed uscire dal pericolo coi mezzi pacifici, occorre, di conseguenza, agire anche con la violenza, nell’attesa che la ragione faccia la sua strada». Questo è un errore.

  Occorre che sia la Ragione a fare da accesso alla strada, e la violenza ed il disordine non potranno più passare là dove ella è passata.

  Non vi illudete su questa necessità più o meno urgente; una sola è la vera, la prima necessità che ogni uomo deve ammettere e comprendere: Pensare bene, di seguito e ad ogni istante, ugualmente per le cose insignificanti, come per le più importanti; troveranno la loro soluzione in azione, solamente attraverso un ragionamento perfettamente in accordo con la coscienza dell'individuo.

  Direte che tutte le coscienze non possono pensare bene. Vi risponderemo: tutte le coscienze non possono pensare ugualmente, ma tutte possono pensare bene.

  È vero, certe coscienze non sono sufficientemente evolute per avere ragione dell'intelletto.

  Ma c'è un dovere per ogni uomo che sente e che comprende l'amore ed il dolore, quello di volere realizzare ciò che detta la sua coscienza, senza preoccuparsi se il vicino farà altrettanto.

  Oh uomo, tu che rabbrividisci di dolore e di compassione, vedendo l'opera nefasta e mortale dell'incomprensione, hai il dovere di rinforzare sempre più il tuo pensiero, di non permettergli di attingere ad altre sorgenti che alla tua coscienza. Non lasciarti soggiogare dai compromessi, più o meno tenui o forti; il minimo compromesso urta la verità e tu devi essere Vero se vuoi essere Puro. Devi essere Vero se vuoi fare del bene ai tuoi fratelli come a te stesso.

  Fratelli, possiate comprendere le nostre intenzioni di bene attraverso le nostre parole. Che la nostra voce possa comunicare alla vostra anima l'unica comunione d’amore: la fraternità che collega tutti gli esseri e le cose... Sì... e le cose. Non costringete la materia a servire i vostri scopi di separazione e di distruzione.

  Sappiate che siete responsabili, non solo delle vostre azioni, ma anche delle azioni che fate commettere a tutto ciò che dipende dal vostro potere umano.

  Riflettete. Pace.

 

AFFERMAZIONE

 

  Che il soffio divino sia con noi, e che l'amore coroni la riuscita dei nostri sforzi, per riunire gli uomini.

  In un modo o in un altro, sappiamo che il pensiero può dare dei risultati miracolosi. Si tratta semplicemente di sapere coordinare il nostro pensiero.

  Che l'Eterna manifestazione di Dio nella Natura: la Vita, porti le sue creature ad un livello di comprensione che faccia sparire ogni senso di separazione.

  L'Amore deve trionfare. Che Dio possa sempre più perfettamente manifestarsi in ogni creatura; possa il regno della felicità essere un centro di creazione cosciente.

  Lottare per l'Amore non è l'espressione esatta, perché non è precisamente una lotta, ma un lavoro, un'opera, una creazione per l'Amore.

  Che la Vita possa infine manifestarsi, come espressione diretta dell'Intelligenza Suprema; che gli uomini siano illuminati, che la loro Fede sia attiva e feconda, e che la loro opera sia un complesso di comprensione spirituale e di compenetrazione cosmica.

 

PACE ED AMORE

 

  Pace, fratelli! Amatevi.

  L'alba è rosa, rosa d’Amore Universale; non l'arrossate.

  Il sentimento che vi unisce, deve essere riempito dell'espressione di questa parola: Pace - Amore.

  L'Amore, oh fratello, ti avvolge dalla nascita terrena alla rinascita spirituale. Fa che il suo soffio umano e divino non si allontani mai da te. Che ti avvolga come una coltre del benefico prana, affinché sia, nel mezzo dei tuoi simili, un anello della catena umana che risplende Amore e Vita.

  La Vita è una manifestazione dell'Amore che crea.

  L'Amore è il risultato di un complesso armonioso. L'Armonia nasce dalla Pace. È dunque la Pace che crea la Vita.

  Pace, fratelli! Amatevi, e che questo Amore vi unisca sempre di più. Che la Pace possa creare dunque sempre più la comprensione spirituale, tra gli uomini, gli esseri e le cose, e che i primi sappiano comprendere gli altri che potranno così aiutare l'uomo attraverso le opere di Progresso e di Amore.

  L'uomo deve mettere a profitto la sua intelligenza e deve servirsi della materia unicamente per perfezionare il suo spirito.

  Pace, fratelli! L'alba è rosa d’Amore: non l'arrossate.

  Che le vostre coscienze possano sempre mantenersi pure, per non arrossare individualmente o collettivamente le vostre mani.

  Amatevi! E tu, oh fratello che cerchi la tua giusta strada, sappi che un solo sentimento può portare alla felicità cosciente ed integrale: l'Amore!

  L'Amore è sostenuto dalla Pace e dall'Armonia.

  Non ti accecare a togliere una delle basi del tuo ideale, perché lo distruggeresti e l'alba arrossirebbe attraverso il fuoco che consuma e devasta. Così la desolazione sostituirebbe la felicità e delle sofferenze incurabili lacererebbero il tuo spirito. La tua vita sarebbe portata, spezzata, straziata, con te capitolerebbe tutta l'Umanità e con gli uomini, gli animali e le cose.

  No! Fratello. Sei nato nell'Amore e l'Amore deve essere l'Ideale della tua vita e deve portarti alla felicità.

  Amatevi!

  La Pace è dolce, l'Amore è consacrato, l'Armonia è indispensabile alla Vita Universale.

  Ed è solamente amando che raggiungerai lo scopo; e l'alba rosa imbiancherà sempre più leggermente fino a diventare un biancore radioso ed incandescente.

  Ed allora, sarai Egli: la Vita.

  Pace, Fratelli. Amatevi.

       

CHE LA PACE DEL MONDO REGNI

 

  Che la pace del mondo regni e che regni nel cuore degli uomini e che possa far nascere i fiori dell'Amore, della devozione e della Fraternità. Che tutti i cuori siano acquietati e che l'equilibrio regni, con l'armonia, nel cuore dell'uomo.

  Che tutti gli uomini possano sentire questo soffio divino ed eterno di fraternità umana, penetrarli, penetrarli profondamente e che possano avere in loro il desiderio immenso di realizzare questa fraternità ad ogni istante della vita.

  Che la comprensione accompagni sempre l'uomo come una sorella maggiore per mostrargli la strada della Luce affinché i suoi passi avanzino su un terreno stabile.

  Che l'uomo comprenda che non è col sangue che si costruisce la felicità umana, ma con la gioia e l'amore che distribuiscono la collaborazione di tutti i cuori.

  Camminate con me ed andiamo insieme dove ci sono ancora la morte, il sangue e la sofferenza. Stiamo con tutto il nostro cuore assieme a questi fratelli che sono nella prova come voi siete stati. Stiamo con gli infelici e con i feriti affinché abbiano il coraggio di guarire senza odio nel cuore.

  Stiamo anche con quelli che sono caduti e che sono morti, che sono passati ad una nuova vita in modo brutale e violento, per sostenerli del nostro pensiero d’amore, per dir loro che malgrado tutto la Coscienza di Vita è là, che abbiano la Fede e l'Amore nella loro anima.

  Non vi rendete ben conto di quanta forza emanate e come questa forza psichica arrivi a donare una forza reale ed attiva, o fisiologica per quelli che vivono ancora, o psichica e spirituale per quelli che vivono nella vita dello spirito.

  Vedetela partire da voi stessi, questa forza ed andate a raggiungere tutti i vostri fratelli che ne hanno bisogno. Imparate a fare delle meditazioni simili quando avete un momento nella giornata, in quel momento, non sarete soli, il vostro pensiero alzandosi raggiungerà altri pensieri che saranno partiti con lo stesso scopo, è quella la vera fraternità che non conosce frontiere, né materiali, né spirituali, la fraternità che si dà tanto bene ai viventi come a quelli che ci hanno lasciato e che sono in un mondo che crediamo migliore ma che comporta però delle prove e delle difficoltà.

  L'amore è necessario sulla nostra terra tanto quanto per aiutare degli spiriti che hanno superato il limite della forma.

  Pensate molto spesso a risplendere dei pensieri di Pace e non avere mai lo spirito di guerra in sé, tanto come nella famiglia, perché questo è il punto di partenza della guerra dei popoli e delle nazioni.

  Bisogna convincervi di questo, affinché possiate vivere nell'armonia, nella Pace e che la vostra strada sia seminata dalle buone azioni, perché ogni buona azione che compirete di buon cuore e spontaneamente farà nascere un fiorellino sul vostro passaggio.

  Bisogna vedere i vostri pensieri alzarsi in altezza ed in circonferenza, in movimento di spirale.

  Vedete i vostri pensieri lasciarvi, staccarsi da voi ed andare a raggiungere questi esseri per cui avete fatto l'aiuto mentale.

 

COME AGIRE DI FRONTE ALLA VIOLENZA?

 

  Tale è il problema che si pongono molti uomini oggi. Per risolverlo, l'uomo di coscienza sa che deve restare nelle leggi d’Amore, e per restare nelle leggi d’Amore, si può agire solamente con Amore.

  Non bisogna cercare se le ragioni di un movimento di violenza sono giuste; occorre rendersi conto che ciascuno ha il proprio lavoro da fare.

  Ad una violenza se ne oppone un'altra per portare equilibrio; ma quello che ha ricevuto ed assimilato la Luce non può esitare, sa che il suo compito è d’Amore, ed egli non deve credersi (come lo si crede abitualmente), un vile. No!

  Al contrario, la sua non partecipazione alla violenza, ha un alto valore, perché è il punto di partenza di una nuova era che non può mancare di venire; un'era d’armonia e d’equilibrio manifestata con le leggi dell'Amore.

  Non si può pretendere che tutti siano impiegati, muratori o elettricisti, parimenti non si può pretendere che tutti sentano allo stesso modo. Quindi è solamente individualmente che ciascuno può giudicare la parte attiva che deve dare in certe circostanze.

  La guerra, la rivoluzione, sono delle conseguenze di forme - pensiero anteriori. Occorre che forme - pensiero nuove comincino a dimostrare il valore del Pensiero creatore.

  Pensando bene, si può solamente agire bene; è necessario che ciascuno senta l'importanza di questa nuova legge. Nuova per la vostra epoca, perché la legge del Pensiero creatore è eterna, poiché è una Realtà, e la realtà non può sparire.

  È evidentemente doloroso vedere degli shock violenti fare opera di distruzione.

  In questo caso, occorre che pensiate che una legge d’Amore vi porta al di sopra delle contingenze e delle disarmonie ed occorre che sappiate utilizzare la vostra attività, solamente e precisamente emettendo dei pensieri d’amore, di pace e d’armonia ed agendo perciò.

  Così, ne dedurrete che non dovete mai, per nessuno motivo, dare il vostro appoggio alle opere di distruzione, anche quando possano sembrarvi giuste.

  La distruzione, l'odio, il disordine ed il caos non sono mai delle strade di Luce e di Verità. Là dove c'è disarmonia, lotta, violenza, questo è poiché ciò appare ancora necessario per l'evoluzione. Ma non è necessario, al contrario, è un reato per l'uomo che sente in coscienza la disarmonia di tali manifestazioni, il prendervi parte.

  È un reato, perché per nessun motivo, l'uomo cosciente deve sottoporsi a prendere una parte attiva in un'opera di distruzione.

  Dunque, per restare nelle leggi d’Amore, non dovete preoccuparvi che di agire personalmente ed esclusivamente secondo ciò che vi detta la vostra coscienza.

  Una coscienza evoluta può dettare solamente delle opere creatrici d’Amore costruttivo.

 

LA DIFESA

 

   Fratelli, siete ancora tanto incerti di voi stessi, dell'opera umana, dunque che cosa vi chiedete, se dovete armare o no il vostro braccio?

  Ascoltate bene: benché la causa che vi fa armare contro i vostri fratelli vi sembra giusta e sacra, sappiate che la difesa violenta che necessita di spargere del sangue, non potrà mai giustificarsi in una coscienza che ha la facoltà di analizzare e di comprendere.

  L'uomo davanti all'uomo, sì, ma per un'unione di forza, di ragione e d’amore. Non un'arma nelle vostre mani, ma le braccia tese, aperte, sempre pronti a ricevere un fratello, quel che sia.

  Se l'uomo è dotato della ragione, è per servirsene sempre più, sì, per portarlo sempre più in alto, sempre più avanti, sulla strada dell'evoluzione.

  Deve sapere affermare il suo diritto per il compimento del suo dovere.

  Difendersi - da che cosa? - da chi?

  Dal male?

  Dovete creare solamente delle opere di bene ed il male non potrà esistere.

  Dagli uomini?

  Questi uomini dai quali volete difendervi, ricordatevi che sono una parte di voi stessi.

  In realtà, la parola difesa non ha ragione d'essere.

  Che bene risulterebbe per l'umanità, se poteste fare sparire dalla vostra mentalità la parola: difesa.

  CREATE, NON DISTRUGGETE.

  Create quando vi affermate nelle opere di bene, ma fate sempre un atto di distruzione quando voi volete difendervi o difendere gli altri, ciò è la stessa cosa.

  Vi resta una sola strada se volete operare con efficacia per il vostro bene e quello dei vostri fratelli: Educarvi prima, per comprendere, in seguito esternare la comprensione acquisita da un'opera creatrice, vale a dire basarsi su un principio di perfezione, di armonia e di amore.

  Ecco il nostro consiglio. E non abbiate nessun timore, ricordatevi sempre che là dove esiste il bene non c'è posto per il male.

  La gramigna non può nascere in un campo lavorato accuratamente. Ma se si falcia la gramigna mescolata al grano, quando questo è già germogliato ed alto, la farà solamente rispuntare più forte; la falce gli darà l'opportunità di ricrescere con una forza nuova.

  Ma questa opportunità non gli sarà più offerta quando il campo sarà ben lavorato, cioè quando le radici saranno state strappate, una ad una, dalla più grande alla più piccola, per lasciare il posto ad un abbondante seme di buon grano, elemento di vita per l'uomo.

  Vi parliamo semplicemente affinché possiate comprenderci meglio.

  Riflettete soprattutto con calma per non interpretare a discrezione le nostre parole, non è l'inerzia che vi si consiglia, ma una Vita attiva e feconda.

  Una cosa è necessaria: cominciare da sé stessi, per spargere in seguito lo sfavillìo come si sviluppa, sempre più grande, più penetrante.

  Che questo sviluppo sia lento, ma sicuro. Il passo che farete può essere piccolo e debole, ma deve emanare dal vostro proprio grado di comprensione, per acquistarne uno stato di coscienza.

  È solamente trasformandovi e perfezionandovi voi stessi che trasformerete e perfezionerete l'Umanità.

  Se volete un compito nella vita: al posto di difendere i vostri fratelli, sappiate educarli.

  Ciò solamente è il compito dell'uomo; introdurre la comprensione e l'evoluzione educandosi da sé stesso per educare gli altri.

  Se volete una guida sicura per dirigervi verso il bene, sappiate sentire la voce della vostra propria coscienza che non si sbaglia mai, e comunque agiate, in bene o in male, sotto il suo impulso e la sua direzione sarete sempre nella Verità.

  Che la Pace costante ed attiva, la pace benefica sia con voi, cari Fratelli. In lei, possiate lavorare e spargere il vostro Io di devozione e d'Amore.

 

SEMINIAMO DEI FIORELLINI

 

  Vi chiediamo di unirvi a noi per irradiare un forte pensiero di Pace e di Amore su tutta la Terra e nell'Astrale che è tutto vicino a voi, perché ne avete molto bisogno.

  Che la Pace sia sulla Terra agli uomini di Buona Volontà.

  Come un'acqua limpida e fresca, che possa percorrere il mondo per dissetare e nutrire ogni uomo.

  Che gli effluvi della Terra e le anime del cielo, che i profumi dei fiori ed il canto degli uccelli diventino sempre più penetranti al cuore degli uomini, affinché siano toccati dall'Amore divino.

  Che ogni pensiero in seno all'uomo sia un pensiero di Amore e di ricostruzione, di aiuto e di solidarietà che avvolga tutta la sfera terrestre e che questi pensieri di Amore si ricerchino tra essi affinché gli uomini del Mondo intero possano darsi la mano da fratello a fratello, in una stretta indissolubile e vivificante.

  Che possano regnare solamente dei desideri di costruzione virile e feconda per il bene di tutti, indistintamente. Che la separazione e la guerra siano bandite per sempre dalla volontà degli uomini.

  Che l'Amore regni sempre su tutti i piani, in tutte le classi, in tutti i linguaggi, per evolversi.

  Che la loro sola volontà motrice di sfavillìo sia dell'Amore puro, incandescente.

  Le nostre anime sono con voi, umili servitori, umili servitori del genere umano. Dite con noi che volete Servire, Servire l'Amore e la Verità per la più grande gloria dell'Umanità.

  Vi preghiamo di continuare a portare il vostro irraggiamento di Pace e d’Amore nell'Astrale che vi circonda e dove tante sofferenze regnano ancora.

  Se poteste vedere quanti esseri smarriti chiedono di essere soccorsi. Sono terribili a vedersi!

  Ci sono degli esseri morti da molto che soffrono ancora, perché non si sono potuti liberare dell'ambiente omicida nel quale sono caduti.

  Potete aiutare tutte queste anime dell'invisibile che hanno sofferto molto sulla terra e che continuano ancora a soffrire nell'aldilà.

  Ditevi che se non volete essere buoni per voi stessi, siatelo per quelli che si aspettano che l'ambiente cambi, ambiente d’odio, di separazione, che pesa insistentemente su tutte queste anime e che può essere modificato dal pensiero dell'uomo.

  Quando siete pronti a lasciarvi dominare dal nervosismo, l’avvilimento, le collere e gli odi, per qualsiasi dettaglio della vostra vita terrena, ditevi bene che non avete il diritto di non alleggerire i vostri fratelli che sono da molto tempo prigionieri di questo ambiente pesante ed opprimente.

  È un crimine lanciare nello spazio dei pensieri d’odio che dovete far subire a tutto l'universo, a tutto l'invisibile che vi cinge. Ogni pensiero è vibrazione costruttiva o distruttiva.

  Avete il dovere di emettere delle vibrazioni costruttive e pregare con noi affinché questi esseri che sono nella sofferenza e nella visione del sangue e dell’omicidio siano liberati e possano sollevare il loro sguardo verso la Luce pura ed infinita che li circonda dovunque e li penetra. Fate che possano portare lì abbastanza attenzione affinché arrivino ad uscire dal loro imprigionamento.

  Abbiate ogni giorno un forte pensiero d’aiuto per questi esseri disgraziati che hanno sofferto tanto e ditevi bene che la realtà è che fanno parte di voi stessi.

  Non potete immaginarvi il bene che può fare un irraggiamento umano. Possiamo aiutare naturalmente, ma dovete anche farlo - a ciascuno il suo compito.

  Sappiate seminare sulla vostra strada dei fiorellini chiari dai colori teneri e che ogni fiorellino sia una buona azione che avrete compiuto impersonalmente, non per voi, per la Vita, e sulla vostra strada, sarete accompagnati da una musica celeste, sentirete in voi stessi come una sorgente che cola e che se ne va a portare la freschezza e la purezza.

  Pace fratelli miei.

  Quando vediamo l'apparenza del male, non dobbiamo pensare a questo male, perché l'esaltiamo credendoci. Tutto ciò che sembra male è transitorio e cambia di giorno in giorno. Mentre ciò che è Reale è perfetto e vivrà Eternamente.

   

LO SPIRITO DI PACE

 

  Per partecipare alla sofferenza di quelli che fanno la guerra, possiamo anche accettarla?

 

  Occorre, affinché non possa avere falsa interpretazione il modo di concepire lo spirito di « Pace »

che vi abbiamo trasmesso, che arriviate a fare questa comprensione in voi: «Nessuna guerra può giustificare l'orrore della guerra stessa». Dunque, «Nessuna collaborazione può essere data all'infuori della coscienza stessa dell'uomo».

  Se l'uomo appartiene alla collettività, occorre che dia alla collettività una coscienza onesta e sincera, o astenersi da darla e custodirla per sé, se non la si vuole.

  Non dico di fare così, ma cerco di farvi comprendere, poiché volete un consiglio. Dopo, ogni uomo rifletterà ed è da sé che dovrà venire la risposta.

  La partecipazione dell'uomo all'opera della collettività è sempre di creare e mai di distruggere. L'uomo che si lascia trascinare direttamente o indirettamente a distruggere, non ha ancora in sé il germoglio della Vita Nuova. L'Essere vero non si è ancora svelato in lui. Non bisogna pensare che dovete partecipare alla sofferenza dei vostri fratelli, avete il dovere di creare la gioia per tutti, ivi compreso voi stessi.

  Se i vostri Fratelli sono nella sofferenza, è necessario che li aiutiate col vostro miglioramento, ma non siete tenuti per niente a rinnegare la vostra coscienza. La trasformazione per mezzo della sofferenza potrà dare la liberazione collettiva, sbagliata. Solo lo spirito può dare la liberazione dello spirito. Solo lo spirito può condurre l'evoluzione dello spirito.

  Se la guerra arriva, può farvi credere alla necessità della sofferenza; ma la sofferenza non è lo scopo, ed i fatti cattivi già messi in azione non devono giustificare che non si possano avere altri fatti determinati questi attraverso le leggi di armonia e di equilibrio.

  Le trasformazioni non sempre devono farsi mediante la sofferenza, ma questa deve insegnarci qualche cosa: non si va a scuola per restare sempre nella stessa classe; bisogna imparare a realizzare la trasformazione spirituale.

  Il pensiero è generato in qualche modo dall'idea, e questo è al centro anche dell'idea che dovete raggiungere, per risplendere delle azioni giuste, buone ed eque.

  Occorre che sappiate dare il suo giusto posto ed il suo giusto valore al pensiero. Finora avete concepito la morale o l'azione come la luce ed il pensiero come l'ombra, è un'immagine. Ma da ora, bisogna concepire che sia il pensiero che deve prendere il posto della luce; la parola, l'azione è solamente una conseguenza realizzata del pensiero; se tenete molto conto di questo, vedrete che niente vi è impossibile, e che il sermone sulla montagna potrebbe essere di attualità e potrebbe illuminarvi sul modo di condurvi.

  Se tenete conto dell'azione collettiva, non potrete condurre il vostro io interiore verso la luce dello spirito, tanto rapidamente di quanto voi poteste farlo; vi creerete una catena, una schiavitù che vi legherà al gregge; ma nel gregge, possono restare solamente quelli che non sanno dirigersi da loro stessi, che non vedono oltre loro stessi, perché quello che ha la luce interiore deve camminare diritto davanti a lui e supererà il gregge che potrà seguirlo.

  Come comportarsi allora davanti alla situazione di un'eventuale guerra?

 

  Non bisogna accettarla, né ammetterla.

  Tu che vuoi fare il sacrificio del tuo corpo, o tal altro che vuole partire per salvare la Patria, non avete pensato che per il fatto che l'accettate, la create! Dunque non occorre accettarla, né riconoscerla: bisogna dirsi «Io, non riconosco, io, non accetto».

  Bisogna formare sempre dei pensieri di Pace, anche se, in apparenza, le domande che dividono gli uomini possono sembrare giuste.

  Ritorno su ciò che ho detto ora: «Nessuna guerra deve essere ammessa!». Offendete Dio che vi ha dato un potere, un'intelligenza, fino al giorno dove rifiuterete di credere a questa realtà che «Avete in voi il potere di risolvere tutte le domande che toccano la vostra individualità e le domande che si avvicinano».

  Vi dico: «Fate molta attenzione in quale modo vi assumete la vostra responsabilità», non è accettando di fare il male che potete liberarvi della vostra responsabilità collettiva; al contrario è dando lo sviluppo allo spirito che domina la coscienza, che potete dare il migliore esempio.

  Non vi è che una sola realtà urgente: «La visualizzazione della Pace per l'equilibrio e l'armonia». Occorre che la pace sia presente in tutti gli uomini con la comprensione e l'armonia.

  L'unione degli uomini attraverso la coscienza: ecco il vostro dovere, non ce n'è altro.

  Se vi lasciate toccare dai pensieri di dubbio, sarete responsabili della sofferenza dei Fratelli che combattono, e di quelli che ne sopportano il contraccolpo; avrete lasciato penetrare in voi delle idee di distruzione, di sofferenza; non bisogna passare a fianco della verità senza vederla; sapete che la materia è solamente apparenza, dunque bisogna lavorare lo spirito per mezzo dello Spirito.

  Nell'azione, potete compiere opera positiva solamente dando l'esempio. Ma non potete costringere gli altri a pensare in tale o tal altro modo. Potete aiutare, consolare, potete arrivare anche a pensare bene, ma per i vostri amici e tutti gli uomini, bisogna essere concreti, positivi, e rifiutare l'idea della guerra. Quindi è nella misura in cui gli uomini comprenderanno e sapranno realizzare quest’idea, che avrete una realizzazione di Pace più o meno lunga.

  Le persone che dicono: «Allora è bene che ci sia la guerra» non possono pensare ciò interiormente; lo pronunciano esternamente, per la loro educazione.

  Ancora, non bisogna dire: «Quelli che vogliono la Pace sono troppo pochi». Quelli che vogliono consapevolmente la Pace non devono piegare, devono coordinare i loro pensieri e devono formare come un fascio di forze organizzate ed ordinate affinché ciò possa essere utilizzato dalle forze spirituali superiori.

  Il pensiero di un uomo non potrebbe avere il potere che ha, se non si amalgamasse al pensiero superiore purificato. Non sarà solamente il vostro pensiero di Pace che agirà, ma lei si unirà ad una corrente che risplenderà nel senso positivo.

  Non occorre temere niente, ditevi sempre che il Padre è con voi e che non temete niente, che siete là per lavorare coi vostri Fratelli. Occorre che sappiate realizzare la Pace per tutti gli uomini.

  Quando queste forze che chiedono e vogliono la Pace saranno abbastanza potenti, questa scatterà automaticamente.

    

L'AMORE IMMORTALE

 

  L'Amore immortale è ciò che esprimono poveramente queste parole: l'Amore che non muore. Fiamma votiva ed eternamente accesa davanti all'Eterno.

  Da tutti i tempi e dappertutto, ci sono state delle anime che hanno lottato, pianto, sofferto per l'amore immortale.

  L'amore Immortale è quello che non conosce alcun limite: tanto familiare che affettivo di luoghi o di cose, ma che scioglie come la neve al sole e che si scarica come un torrente al fiume della grande anima immortale del mondo.

  Attraverso lui, il cuore dell'uomo batte, per lui l'uomo ama, lotta, soffre, piange, offre tutto sé in olocausto a questo mondo che è carne della sua carne, anima della sua anima, spirito del suo spirito.

  È quello che non muore, perché subisce delle trasformazioni e delle metamorfosi continue; è quello delle grandi anime che assorbono tutte le lacrime, di questo mondo che lotta tra l'esterno e l'interno, tutte queste lacrime, questi dolori, queste croci.

  Portando la croce del mondo, l'uomo si purifica delle ultime scorie che la materia aveva lasciato sul suo Ego; uno ad uno, i falsi involucri cadono e non resta più che il «» puro e divino, purificato e vibrante d’Amore Immortale, davanti all'Infinito - in armonia con le leggi dell'Eterno: che è Amore, che è Vita.

  

LA RISPOSTA DEL SIGNORE

 

  Vengo a voi, portata sulle ali del mio Amore Divino, o piuttosto, miei cari Fratelli, del nostro Amore Divino, perché voi ed io, siamo «Uno» nello stesso slancio che ci conduce verso Dio, Luce Suprema che è fatta di calore e di freschezza, che è avvolgente e tenera come l'Amore materno.

  Luce che ci afferra e impugna il cuore attraverso la sua virtuosità lucida e trasparente.

  Questa Luce che è il riflesso di Dio, da quando è venuta a posarsi sulle mie pupille, accompagnandomi sempre, è da allora solamente che posso dire: «Vedo».

  Vedo tutto intorno a me ed è solamente perché vedo veramente che «Vivo».

  Vedo ai miei piedi l'Umanità sofferente e piango, ed imploro: «Signore, pietà... pietà per gli uomini miei Fratelli!».

  La voce del Padre mi risponde:

- Piccola ragazza, chiedi pietà per l'Umanità, ma è dell'Amore che gli mando incessantemente.

  Tutti questi uomini che compongono quest’Umanità per la quale chiedi pietà, soffrono, perché il loro cuore non è aperto all'Amore. Lo rifiutano, non lo comprendono. Vorrebbero tutti un amore ingiusto, un amore che saprebbero solamente ricevere, ma che non saprebbero dare.

  Un amore ingiusto e crudele che darebbe loro la felicità al prezzo della disgrazia dei propri Fratelli. Questo amore egoista, crudele, ingiusto e fratricida, non posso darlo: posso aiutarli solamente a comprendere che la loro sofferenza viene dall’incapacità di amare e che finché chiedono l'amore e la felicità senza sapere prima dare l'Amore e la Felicità, mai saranno felici. E mai la pietà potrà renderli felici.

  Non è togliendo loro momentaneamente la sofferenza che possono comprendere che il segreto della Felicità è di sapere donare, ma donare attraverso l'Amore Puro. -

  Ed io dico: la risposta del Signore è saggia e giusta. La risposta del Signore è la risposta dell'Amore. Che i miei Fratelli gli uomini possano sentirla, comprenderla, viverla.

  È così buono di dare tutto il suo cuore. È così buono di vivere per servire ed amare. È così buono di comprendere la parola di Dio quando dice: «Non è di pietà che hanno bisogno, gli uomini, ma hanno bisogno d’imparare prima ad Amare per essere felici.

  Non è della pietà che mando loro, ma dell'Amore Puro.

  Soffrono perché non sanno riceverlo e non sanno riceverlo perché non sanno Donare innanzi tutto quest’Amore di uomini che possiedono e che non sanno dispensare aprendo le braccia ai loro Fratelli».

  Miei Fratelli, sono venuta a voi come una piccola sorella che vi ama e ho sofferto della vostra sofferenza.

  Cerchiamo di comprendere insieme queste parole del Padre: Sapere prima amare.

  Sappiamo comprendere la risposta del Signore facendo della nostra Vita un gioiello continuo di Luce incandescente e pura.

  È facile, Fratelli miei: Amiamo.

  Amiamo teneramente e la Luce di Dio sarà sempre in noi per accompagnarci lungo la strada della Vita.

  Pace, delle rose su di voi, emblemi d’Amore Eterno, è la vostra piccola sorella che ve le manda in nome del Padre.

 

     DAVANTI AL GIORNO CHE SI ALZA

 

  Occorre, davanti al giorno che si alza, che voi siate sempre più uniti. L'uomo deve diventare il fratello: il lavoro deve realizzare una collaborazione; l'amore deve portare la gioia nello sforzo quotidiano per ricostruire.

  La tristezza e la sofferenza che hanno bagnato di lacrime i vostri occhi, dovendo apprendere a dare continuamente, senza tregua, là dove si ha bisogno di voi con un grande slancio spontaneo, imperioso, a rendersi utile e a soccorrere.

  Occorre che il sorriso ritorni nei vostri cuori e sui vostri visi. Non sarà l'appannaggio della leggerezza, dell'insensibilità, ma questo sarà il sorriso della Vita e della Coscienza illuminata che sa che può sempre rendersi utile. E per rendersi utile occorre che la Pace sia in lei, una Pace tutta di comprensione e di amore.

  Occorre che siate legati uni agli altri. I figli del mondo sono fratelli tra loro; e per costruire un mondo migliore, sono tutti pronti a partecipare al loro compito.

  Bisogna abbandonare ogni critica, bisogna abbandonare ogni siccità di cuore, abbandonare ogni analisi guidata dall'odio ed il rancore. Occorre che, il grande, il medio ed il piccolo, si sentano mano nella mano, realmente Uno; parimenti grandezza spirituale in fratellanza.

  È il regno della comprensione che deve venire ed affinché trionfi, i cuori sono stati provati. È il regno dell'Amore che avanza e davanti a lui ogni odio deve sparire. È il regno della Luce Spirituale che s’impone attraverso la sua virtù al regno degli errori materiali.

  Nel silenzio e la pace delle vostre anime, sentirete la voce che salva, la voce che guida, con lei voi sarete forti e a testa alta continuerete diritta la strada di Felicità e di Costruzione.

  Ogni uomo, a sostegno della sua voce interiore, imparerà sempre più a conoscere suo fratello, ad amarlo, a lavorare insieme per un unico Scopo: Realizzare la vita terrena nella Comprensione, l'Amore e la Felicità di tutti.

 

    LA PACE UNIVERSALE

 

  Fratelli, pensate in questo momento ad una sola cosa: la Pace Universale.

  È l'armonia che porta la Pace. Imparate dunque a possedere voi stessi L'ARMONIA IN TUTTO.

  Fratello, oh tu che cerchi una salvezza esteriore, una salvezza portata da altri, non ti rendi conto che la salvezza è in te?

E che perdendoti, perdi il tuo prossimo? Lavora per il prossimo dunque, se vuoi lavorare per te.

  Forse ameresti un altro consiglio, ma in questi tempi di lotta e di dolore per la maggior parte degli uomini, si può dare solamente la parola d'amore per la più grande armonia possibile.

  La pace alla quale hai diritto tu stesso, è la conquista dell'avvenire; sforzati d’essere buono in CIASCUNA delle tue piccole azioni, in CIASCUNO dei tuoi pensieri.

  Ama il silenzio, che apporta la meditazione. La meditazione è ciò che ti scopre a te stesso: conduce alla scoperta del tuo Io interiore, che devi «cercare» se vuoi essere cosciente della tua vera realtà.

  Fratelli, avete il dovere di amarvi gli uni gli altri.

Avete il dovere di controllare ciascuna delle vostre azioni, ciascuno dei vostri pensieri. Avete il dovere di rendervi personalmente conto del perché dell'esistenza umana.

  Cercate. Non si cerca mai abbastanza con assiduità e costanza. Ricordatevi che il problema individuale è il solo a portare un aiuto efficace, al risveglio collettivo.

  Apprendete dunque. Prendete seriamente in considerazione il problema della vostra educazione personale, se volete evolvervi.

  L'Evoluzione Universale dipende da voi.

 

LA MADRE DELLE MADRI

 

  La Madre delle Madri,

  Regina degli Spiriti e dello Spazio, dona questo messaggio:

  Preghiamo, miei figli amatissimi, affinché il Regno di Dio prenda corpo sulla Terra, perché la Fraternità Universale deve stabilirsi.

  PREGHIAMO DIO, PADRE ETERNO,

affinché la Luce sia data agli Uomini perché trovino, scelgano e percorrano la Giusta Via.

  Preghiamolo affinché vengano a rifugiarsi in seno a Mio Figlio Amatissimo, affinché la Sua Pace si instauri sulla Terra e la Sua Casa nel Cuore degli Uomini, perché troveranno in Lui Solo la Coscienza e la Salvezza, la Verità e la Vita.

  Preghiamolo affinché sappiano scegliere lo Spirito d'Amore e di Collaborazione, perché seguirlo, significa seguire l'Amore e la Vita ed il loro Nome sarà inserito nel Cielo come Costruttori della Nuova Era.

  Preghiamolo affinché si diano la mano, per essere salvati dal Fuoco, dalla tempesta e dalla disintegrazione. Che la Pace sia - sulla Terra come in Cielo - per gli Operai del Signore.

 

IL PREZZO DELLA PACE

 

  Mi rivolgo a tutti gli uomini sulla terra, e a tutte le donne che desiderano compiere il loro dovere comune verso tutta l'umanità terrestre:

Quello di costruire la pace.

  La pace nel mondo è uno "stato" che bisogna costruire ogni giorno e ad ogni istante della vita.

  È impossibile costruire un mondo di Pace quando, ad ogni istante della sua vita, l'uomo crea per ignoranza, incoscienza o egoismo: la violenza ed il dispotismo.

  È inutile e puerile rigettare la responsabilità delle guerre e delle violenze fratricide, all'ultimo minuto, sui governanti ed i capi delle nazioni.

  In realtà, solo l'uomo è responsabile, collettivamente responsabile; ma, prima di ciò, individualmente.

  È l'azione nella vita d’ogni giorno, che l'uomo avrà saputo compiere che fa regnare nel mondo:

  Le guerre o la Pace,

  Le rivoluzioni e le violenze d’ogni tipo.

  Ma, per ciò, bisogna educarlo. Bisogna educarlo fin dal seno di sua madre, e forgiare il suo mentale impregnandolo di un ideale di pace e di concordia.

  Quest’impregnazione può farsi solamente attraverso un comportamento dei genitori, e soprattutto della madre, attraverso un comportamento d’Amore e di concordia d’ogni istante.

  L'uomo che, domani, terrà in suo potere la costruzione di un mondo di pace; l'uomo che, domani, può essere chiamato a dirigere una nazione, dei popoli; il diplomatico, il generale, il ministro di domani, è innanzi tutto un bambino.

  Un bambino che deve essere nutrito, fin dal seno e fin dalla sua prima gioventù, d’amore, di giustizia, di spirito d’aiuto reciproco e di collaborazione feconda, in seno all’ambiente umano per un'umanità migliore.

  Questo appartiene alle madri, ai padri, agli educatori, a partire dai primi anni dell'esistenza del bambino, a destare l'educazione profonda e senza compromessi che farà dei “capi” capaci di assicurare il controllo del vero progresso nel Mondo. Progresso nella produzione e negli scambi: economici, artistici e spirituali.

  Che farà degli uomini capaci di darsi realmente la mano intorno al mondo per creare sulla Terra le condizioni vitali della felicità Universale che la «Coscienza di Vita» il Padre ha concepito per l'uomo di buona volontà.

  Il prezzo della Pace si paga ogni giorno, facendo astrazione di ogni frivolezza, di ogni egoismo. Pagando del suo lavoro e contribuendo con la sua azione feconda in modo da eliminare dalla faccia della Terra: l'ignoranza, la fame, l'ingiustizia qualunque siano.

  Il prezzo della Pace è di riconoscere, fin da oggi, che gli uomini sono tutti Fratelli, e che l'unico modo di contribuire alla felicità e alla Pace del Mondo è di prendere coscienza, ciascuno, della  propria responsabilità, e di fare regnare l'ordine e la Pace nel suo focolare, nelle relazioni familiari, di amicizia e di lavoro.

  Il prezzo della Pace è, per l'uomo, di donarsi incondizionatamente in uno sforzo di lavoro comune di Pace per il Bene Mondiale d’ogni essere umano sulla terra.

Creare una società umana mondiale sana, felice, raggiante, ecco il compito degli uomini e delle donne d’oggi e di domani.

  Ricevere i raggi benefici del sole, senza arrossire o abbassare la testa sotto il peso di una colpevolezza criminale di fomentatori coscienti o incoscienti di guerra e di violenza, d’ingiustizia e d’indifferenza alla disgrazia e alla sofferenza di altri esseri umani.

  Bisogna comprendere urgentemente la necessità del parallelismo:

SCIENZA - COSCIENZA - AMORE,

Allora la saggezza di questo triumvirato darà nascita ad una nuova Umanità nella fioritura della gioia.

  Si alzerà allora, dalla Terra verso il Cielo, un inno di gioia e di caldo profuso per l'Unità e la Pacificazione di questa.

  Pace.

 

IL PROFUMO DELLE ROSE

 

  È la vostra piccola sorella che vi porta, col profumo delle sue rose, il suo cuore pieno d'Amore per aiutarvi a superare le prove di questa terra, dove siete venuti volontariamente per sperimentare.

  Occorre che nel vostro pensiero un grande posto sia fatto per tutti gli innocenti che cadono, per tutti i bambini che, attraverso una crudeltà senza nome, sono resi orfani, e non aspettano più che degli indomani senza gioia; per tutte le donne private del loro caro amore su questa terra; per tutti i padri e le madri che non hanno più lacrime, avendo talmente pianto i figli che mai più stringeranno sul loro cuore.

  Che i vostri pensieri siano dei fiori, i più puri d'amore, i più profumati in carità, nei confronti dei vostri fratelli e delle vostre sorelle; più vibranti di rugiada spirituale; che siano pieni ed abbondanti.

  Mi metto in ginocchio, negli ospedali, tra le sofferenze fisiche e, su ogni sofferenza fisica, su ogni letto, pongo una rosa ed una perla di rugiada spirituale. Su ogni letto, su ogni sofferenza e su ogni viso, pongo un bacio. La mia anima e la tua sono in Unità davanti a Dio... e la tua sofferenza non è più; sei guarito nel nome del Cristo, nostro fratello maggiore.

  E poi, cammino su un tappeto di petali ed arrivo dove tutti i bambini abbandonati non hanno conosciuto mai né padre, né madre, né un sorriso dall'anima che li ha concepiti. Tocco i loro grembiuli. Li prendo, li sollevo, li riempio di fiori; ed ogni fiore è un sorriso, ogni fiore una carezza, ogni fiore è il pane zuccherato dell'anima di questi piccoli bambini ed i loro cuori esultano, ed io gioco con loro, e gli canto una canzone d'Amore.

  La mia anima e la tua anima sono in Unità davanti a Dio nostro Padre. Animella, mio piccolo bambino, Dio ti ascolterà e tua mamma verrà e le sue braccia si apriranno e ti abbracceranno con fervore.

  Ed io parto, cammino su un tappeto di petali ed arrivo dove tutti i vecchi sono riuniti. Non hanno più famiglia o i loro legami sono rotti. Sono poco felici. La maggior parte, tristemente, gira indietro lo sguardo, vedono tante sofferenze, di lutti, di stanchezza che è arrivata alla soglia della vita spirituale, esitano, tremano.

  La loro fiducia li abbandona e tuttavia, quanto hanno bisogno di conforto. Esaminano le loro azioni passate, e non osano sollevare lassù gli occhi, verso il Padre che li aspetta con un Amore infinito.

  Mi metto in ginocchio e piango con loro, li riconforto anche, e gli dico: la mia anima e la tua anima sono in Unità davanti a Dio nostro Padre.

  Non temere il suo giudizio; la tua opera ha ben qualcosa d’utile ed il male che si è potuto seminare inconsapevolmente non nasconde agli occhi di Dio il bene che hai peraltro seminato, senza contare la Vita che avete dato per i vostri figli, le lacrime che avete versato per i deceduti, il sorriso, l'anima distesa, il sollievo, l'aiuto morale ed anche l'aiuto della vostra fortuna acquistata dal lavoro, il pezzo di pane e le briciole agli uccelli, la carità ed i consigli, il lavoro per gli altri. Ed il tuo cuore? Che cosa ne fai del tuo cuore? Non è l'opera del Padre?

  Rialza la tua fronte, fratello mio, sorella mia. Non temere niente. Non c'è giudizio che si possa temere. Se hai potuto fare del male, dimentica e ricordati che ciò che conta è il bene compiuto.

  Guarda con fiducia il Cielo puro dove sono riflesse tutte le anime degli uomini: anche la tua è riflessa.  Prendi il tuo fardello sulle tue spalle e cammina con serenità verso quest’ignoto che ti aspetta. È la più bella realtà che possa vivere.

  Ed io cammino, ed io parto su un tappeto di petali. C'è una grande casa triste, senza aria né luce. Molti miseri, traviati: sono chiusi e la loro anima è contusa. Non vedono il tuo viso, non ti vedono più, Padre mio.

  La loro miseria è grande, e le prove che hanno attraversato sono state dure, faticose. Non credono. Il loro cuore è duro.

Sanguinano. Si otturano gli orecchi e non vogliono sentire niente. Molti dicono con rancore: non è un mio errore: il colpevole, è la Società; ricomincerò poiché Dio non esiste.

  Gli altri sono ancora immersi nel nero più spesso ed avvolgente. La loro anima è completamente prigioniera e non cerca di volare via, a liberarsi. Ma, la mia voce si alza ed il mio sorriso li bacia tutti.

  Mi metto in ginocchio ed in ginocchio dico loro: La mia anima e la tua anima sono in Unità davanti a Dio. Credi, sei buono, il tuo cuore prova del rancore perché è buono, perché ha bisogno di amore. Non rendere responsabile la Società. La Società sei tu stesso. Prendi solamente del coraggio ed abbi fiducia.

  E tu, fratello mio che sei nel nero più completo e nel quale ti compiaci, ascoltami: La mia anima e la tua anima sono in Unità davanti a Dio nostro Padre. Sciogliti da questi legami materiali, guarda con fiducia lassù, e tu, anche tu, sarai salvato. Occorre solamente che tu voglia bene, fratello mio.

  Lo puoi, solleva i tuoi sguardi verso il cielo stellato e pensa che in questa grandezza di Vita, Dio che ha creato tutto, che ha messo in noi una scintilla di Amore divino, ha voluto provare solamente le tue forze e la tua volontà di bene.

  Puoi uscire da questa casa triste, brutta e scura, senza aria né luce, e lo sguardo radioso, la volontà di bene al cuore, puoi camminare verso la felicità e la gioia. Sì, anche tu.

  Ed io sorrido e lascio loro dei fiori il cui profumo li riconforta, ed una speranza brilla nei loro occhi, così mi danno la mano, e mi dicono: Noi veniamo, sorella mia, su un tappeto di petali.

  Parto di nuovo, ed arrivo in un immenso campo. Una moltitudine di fratelli è là, da differenti nazionalità. Si battono, si uccidono. La morte e la disperazione regnano sovrani. Le mie gambe si piegano e mi metto in ginocchio davanti a loro e gli dico: per compassione fratelli miei, ascoltatemi: La mia anima e la vostra anima sono in Unità davanti a Dio nostro Padre. Perché causare tanti dolori? Separazioni? Perché versare tanto sangue? Perché fare tante vedove e orfani? Perché privare le madri dei loro figli benamati?

  Tuttavia il vostro cuore è riempito d'Amore per tutti quelli che vi sono cari. Mi giro da tutti i lati, guardo tutte le nazionalità, dovunque insindacabilmente i cuori sono riempiti d'Amore.

  Allora perché creare la morte? La vita è consacrata, deve essere rispettata; se i vostri capi non lo sanno, bisogna insegnarglielo. Bisogna dir loro: Non vogliamo più distruzione, la voce di Dio, attraverso mio fratello maggiore il Cristo ha detto: «Non ucciderai».

  Che cosa fate là? Non è il vostro mestiere, se le nazioni sono in disaccordo, bisogna risolvere queste domande con la ragione e l'economia. Il vostro dovere, così bello che possa sembrarvi, non c'è là. È al vostro focolare dove il vostro piccolo, la vostra donna, vostra madre vi aspetta. Non fatevi attendere così.

  Bisogna comprendere che i campi devono essere seminati di grano, e non di cadaveri.

  Ed io passo per terra vicino ad ogni uomo disteso, privo di vita; a ciascuno pongo un fiore sul petto e dico: che tu sia benedetto, fratello mio. Non sapevi, ma quando ritornerai, saprai ed il tuo fuoco non darà più la morte perché sarà un fuoco d'Amore.

  Ed io mi metto in ginocchio vicino a tutti, pongo un bacio sulla loro fronte ghiacciata, e dico: Miei fratelli, la vostra generosità è stata grande, ma avete mancato alla vostra opera di vita. Non temete tuttavia niente, vostro Padre che è il Padre di noi tutti, ha visto la vostra sofferenza, ha compreso la vostra necessità di morte e non permetterà più che voi ritorniate in tali condizioni.

  Fratelli, camminiamo fiduciosi sulla strada che il Padre ci ha tracciato, e che è fatta d’Amore e di Luce.

  Tutte le strade che gli uomini hanno tracciato senza il suo consenso, dunque nell'errore, sono delle strade di dolore e di sofferenze infinite. Uniamo piuttosto le nostre anime, e facciamo un fascio di Luce pura che, in uno slancio di grande Amore, se ne va verso Lui.

  Mi ritrovo sulla mia via. Ho dato talmente dei fiori, ho seminato tutte le mie rose sulla strada della Vita che ho percorso, e tuttavia le mie braccia ne portano ancora...

  Tutta la bellezza dell'Amore divino è riflessa nei loro petali. Cadono come lacrime divine e formano un sentiero. Cammino a cuor leggero, su questo tappeto di petali viventi? Ogni petalo è un cuore. I miei piedi non calpestano, ma il mio corpo è sollevato dalla mia anima. La mia direzione è tutta diritta. Sparisco e parto verso il Creatore.

 Fratelli miei, sorelle mie, vogliate provare a sentire profondamente, interiormente, il profumo delle rose che ho sparso lungo la mia strada. Le spine entreranno nella vostra carne, vi feriranno, ma affinché la vostra anima si purifichi sempre più.

  Pace fratelli miei, sorelle mie.

 

LA VITA PERFETTA

 

  Fratelli,

  Siate certi che se sentite realmente all'unisono con la Coscienza di Vita che crea, la vostra opera sarà sempre utile, bella e buona.

  Se sapete vivere in armonia con le sue leggi d’esistenza, la vostra vita, anche passando attraverso il dolore, sarà sempre felice e gioiosa.

  Se amate, qualunque sia la vostra strada, sarete sempre nel vero.

  Se amate, la vostra sofferenza sarà dunque una Gioia.

  Se amate, vi sentirete Uno col Creato.

  Se amate, creerete.

  Il vostro servizio sarà dunque disinteressatamente donato intorno a voi, con imparzialità.

  L'equilibrio della vostra azione vi porterà alla comprensione, sempre più precisa della Vita Perfetta.

  Desidero però che, della vita perfetta, non intendiate una vita speciale, all'infuori della vita di tutti i giorni.

  È la vostra vita di tutti i giorni, che si tratta di condurre verso la sua più grande perfezione.

  Vi raccomando la vostra vita di tutti i giorni perché là solamente potete essere perfetti, essendo sempre veri, buoni, e soprattutto sinceri con voi stessi.

  È voi stessi che siete in ogni creatura ed in ogni cosa, voi stessi che siete impersonalmente sempre viventi nella Coscienza di Vita - Dio.

      

LA BONTÀ

 

  La bontà è certamente il primo passo che l'uomo deve fare, utilizzando la potenzialità d’Amore Eterno che la Coscienza di Vita ha messo in lui.

  Siate buoni, fratelli miei. Affinché la comprensione possa farsi in voi, è necessario che siate buoni. È attraverso delle opere buone che raggiungerete lo scopo della Vita umana.

  Quello che non ha amore in lui o che non l'esteriorizza nella sua vita di tutti i giorni, non vive veramente: vegeta.

  La Vita è sinonimo d’evoluzione, di marcia, e quello che si attarda nei tortuosi sentieri negativi della cattiveria, dell'orgoglio, dell'ambizione, della passività, non cammina.

  Siate buoni, è talmente facile amare e ciò dà talmente gioia. La vostra vita sarà tutta piena di buone azioni come i più bei fiori riempiono i campi dei loro profumi e della loro bellezza.

  Che ciascuna delle vostre azioni, miei fratelli, possa essere una costruzione d’Amore, un fiore spirituale sbocciato nella vostra anima per dare il profumo della sua opera nella vita di tutti i giorni; rappresenta la strada con la quale l'Umanità cammina verso la luce della liberazione, conquistata attraverso l'opera costruttiva di bontà e d’amore.

  Sappiate amare, fratelli, sappiate realizzare il vostro amore, non ciecamente, ma attraverso la giustizia, e soprattutto che sia la Saggezza che parte dal cuore e dallo spirito, ad illuminare le vostre azioni di bontà.

  Fratelli miei, sappiate dunque che non potrete realizzare niente di costruttivo, di positivo, prima che questo fiorellino bianco che è la bontà del vostro cuore, sia sbocciata in voi. Essere buono significa camminare nella Verità, verso la Luce.

  Siate sempre buoni, non ha importanza a quale prezzo. Non fate attenzione se gli altri sono buoni, se gli altri agiscono bene e nelle leggi d’amore.

  La luce penetra dovunque. Quello che non l'ha ancora oggi l'avrà domani. Ma voi stessi, siate buoni. Voi stessi, camminate sempre diritti davanti a voi, seminando delle opere buone di tutti i giorni, di tutti gli istanti; la luce della Saggezza verrà verso voi, su voi, per penetrarvi e vi porterà il suo soffio di Vita Eterna.

  - La bontà non ha limiti. L'uomo ha il diritto di considerarsi come buono e da quale istante?

  La bontà è illimitata difatti. Ogni sentimento, ogni acquisizione è sempre relativa allo stato d’evoluzione individuale.

  Ci sono parecchi gradi di bontà. Ti dirò dunque che anche l'uomo allo stato primitivo che sembra barbaro a quelli civilizzati è anch'egli buono. Perché, ogni essere ed ogni cosa, porta in sé il principio della bontà attraverso la luce dello spirito, ma spesso la personalità è talmente densa, che la bontà è soffocata come il buon seme dalle erbacce.

  Ma il buon seme non mancherà di crescere, di svilupparsi, se si ha la cura di estirpare le erbacce e per questa stessa ragione, si ha sempre il diritto di dire che si è buoni, ma non si ha anche mai il diritto di accontentarsi, di limitarsi, di credersi ai limiti stessi di ciò che la bontà può dare.

  Come l'acqua di sorgente che cola sempre senza fermarsi mai, la bontà deve sempre colare nelle vostre anime attraverso le vostre opere e deve sempre fare un rinnovamento costante d’azioni migliori, sempre più pure. La sorgente attraverso la quale la bontà viene agli uomini è inesauribile come lo è l'Amore Eterno e Divino della Coscienza di Vita.

  Pace, fratelli miei. Amatevi gli uni gli altri e sarete dei veri uomini, delle vere donne. Costruirete una strada eterna; si chiama: Coscienza, Saggezza.

 

     PACE

 

  Che la pace sia con voi, e che sua sorella la Fraternità v’indichi la strada che deve percorrere l'Umanità.

  Cara Umanità sofferente, ascolta la chiamata dell'Eterno che viene a sfiorare la tua anima desiderosa d’Amore, assetata di Luce.

  Umanità sofferente, umanità d’oggi, tu che cerchi disperatamente la strada della Verità, sappi che una sola Verità s’impone: la Fraternità, sinonimo di pace. Oggi, non vi è bisogno che di Pace, sorella Umanità.

  Che il soffio dell'Amore Eterno riscaldi i cuori. Che il soffio dell'Amore penetri le anime. Che il soffio dell'Amore Eterno apra l'uomo all'uomo.

  Basta distruzioni, Sorella Umanità. Senti, la fiamma che riscalda i cuori, senti, come risuona nel mondo intero dolce e costruttivo, questo grido che fugge dai petti: «PACE».

  Lei unica può dare la felicità. Lei unica può asciugare tante lacrime. Lei unica può costruire una nuova Umanità tanto desiderata.

  Unica, questa nuova Umanità può portare un'era nuova d’Amore, a tutte le creature che vivono nella pace e nell'opera della Coscienza Cosmica Universale.

 

SAPERE AMARE

 

  Fratelli, Pace ed Amore,

  Con la Pace e l'Amore, avrete l'armonia, perché la pace è anche equilibrio, e l'equilibrio sostiene l'armonia.

Vorremmo in questi giorni che portano alla meditazione e alla riflessione, e che sono di conseguenza più proficui, farvi penetrare bene il senso di ciò che significa questa piccola parola: Pace ed Amore.

  Le parole non valgono i fatti, ma i fatti sono preceduti dal pensiero: idea. Amando, siete ben sicuri di amare?

Il vostro sentimento è proprio lontano da ogni senso di separazione, di egoismo, di lotta interiore?…

  Perché finché sentite una lotta interiore, ciò dimostra che la vostra coscienza lavora, ma si è abituata troppo spesso ad amare, o a credere di amare, senza approfondire questo sentimento.

  Si ama troppo spesso superficialmente, inconsapevolmente. Si ama perché tale persona affine o amica non è cattiva, non è sgradevole, e si mantiene un'amicizia che si crede talvolta amore, ma che in sostanza, non è.

  Tra l'amicizia e gli amori, c'è una differenza che è questa: quando l'amore esiste veramente tra gli esseri, si costituisce una catena psichica invisibile, di grande vantaggio alle persone trascinate in questo cerchio simpatico.

  Se tutti gli esseri si amassero veramente, non solo nessuna separazione (lotta, guerra, eccetera...) non esisterebbe più, ma anche, non ci sarebbe più nessun malato. Pensate che l'uomo debba le sue malattie ad una causa puramente fisica? La malattia è certo una manifestazione fisica, ma proveniente direttamente da cause morali, d’equilibrio cosmico, cioè d’equilibrio di sentimenti.

  Apprendete ad amare col cuore, con la coscienza, siate Coscienti dei Vostri Sentimenti.

  Imparate innanzi tutto ad amare molto vivamente, vitalmente, intorno a voi, nella vostra famiglia, tra gli esseri più cari; quelli che vi circondano. Sappiate veramente amarli: poi, poco a poco, allargate di più il cerchio delle vostre simpatie, sappiate guardare, date degli occhi alla vostra coscienza per vedere intorno a voi dovunque il fiore più bello e più puro che l'Eterno vi ha dato: l'AMORE.

  Amando, vivificate tutto intorno a voi. Che il vostro sentimento sia un sentimento calmo, cosciente di vera armonia e di fraternità umana. Amare deve essere per voi un dovere cosciente.

  Amando, realizzerete in ogni uomo un Fratello, in ogni piccolo un figlio, in ogni donna, una madre ed una sorella.

  Due esseri che saranno così in unione di sentimenti, vedranno anche il miglioramento del loro stato di salute fisica. Quando uno sarà malato, la salute dell'altro lo rinforzerà e lo sosterrà.

Così è per la collettività.

  Per mezzo dell’Amore che lega, si formano delle correnti simpatiche che mantengono in salute e donano la guarigione.

  Allora, bisogna sapere amare bene, prendere coscienza del vero sentimento, sapere dirigerlo e rinforzarlo.

  Pace, Fratelli, a voi che, con tanto amore e spirito di sacrificio, incontrate delle lotte per il bene dei vostri Fratelli, che il nostro saluto d’amore sia un aiuto al lavoro che andate a sviluppare.

  I sacrifici non sono più tali, per le anime forti e coscienti.

  Non esistono dei sacrifici, ma esiste il dovere, ed il dovere è una gioia per l'anima che cerca di aiutare e di soccorrere intorno a sé.

  Andate, la fronte alta ed il cuore pieno d’amore verso il cammino ideale da cui deve passare l'Umanità. Verso il sole ed il risveglio, verso la rinascita, verso la conquista della Coscienza.

  Liberate la vostra Coscienza attraverso l'Amore, e l'Amore attraverso le Opere.

  Pace, Fratelli, siate uniti nel pensiero come nell'azione; che un solo scopo vi animi: l'Amore verso tutti i vostri Fratelli.

Invocate un solo aiuto: che la vostra coscienza sia illuminata per operare bene e servire l'Eterno, lavorando in tutta la Vita che vi circonda.

 

L'AMORE

 

  Vi chiedete ciò che bisogna fare per compiere delle Opere di Vita?

  È facile, estremamente facile fare delle opere di vita: basta sapere amare, basta essere buoni.

  Non c'è scienza, filosofia, religione al di sopra della semplice verità dell'Amore. Tutta la filosofia è nell'Amore, tutta la scienza è nell'Amore, tutte le religioni sono nell'Amore.

  Ma, miei cari Fratelli, senza l'Amore, le scienze sono sterili, i filosofi sono inutili, le religioni sono cieche.

  Non vi è che l'Amore nel cuore dell'Uomo che possa portare la gioia e la felicità nell'Umanità.

  Sarete felici, quando sentirete all'unisono con la gioia di vostro fratello; sarete felici, quando vi sentirete all’unisono con il dolore dei vostri fratelli; sarete felici, quando vi sentirete parte di Tutti i vostri fratelli, quando sentirete tutti i Vostri Fratelli in Voi.

  Per comprendere il dolore, bisogna amarlo; non lo cercate, ma comprendetelo. Bisogna sapere vivere il dolore in tutti gli esseri. Occorre che prendiate coscienza della presenza di Tutto in voi, e della vostra costante presenza nel Tutto.

  Ci sono parecchie strade che conducono alla Verità, ma la Verità è Una, non è complicata, difficile da trovare. È davanti a voi, nella vostra vita di tutti i giorni, di tutti gli istanti, non la cercate altrove che in voi stessi.

  Sappiate sentire il profumo del fiore, senza coglierlo. Sappiate amare vostro fratello, tanto quanto voi stessi. Sappiate vedere un figlio in tutti i bambini. Sappiate vedere una madre, una sorella in ogni donna; un fratello, un padre, in ogni uomo.

  Sappiate assaggiare l'acqua pura, senza sporcarla al vostro contatto. Sappiate riscaldarvi ai raggi del sole senza scottarvi.

  Sappiate vedere chiaramente nella notte, che è intorno a voi. Sappiate realizzare il presente costantemente.

  Sappiate leggere nel firmamento attraverso l'intuizione, l'attesa e la meditazione silenziosa. Ogni stella vi confiderà il suo segreto che non è uno. Sappiate vedere soprattutto chiaramente, nettamente voi tutti la vostra stella.

  Avete ciascuno la vostra, seguitela sempre, gli occhi al cielo e ricordatevi una cosa, una sola cosa: la più semplice, l'unico metodo che vi condurrà al Cielo, sarà una piccola constatazione da fare ad ogni istante, ad ogni problema che la vita vi pone.

  Ascoltate il vostro cuore che è il riflesso della vostra coscienza.

 

CHE IL SORRISO ILLUMINI SEMPRE IL VOSTRO VISO

 

  Vi porto con tutto il mio amore, l'augurio che possiate avere una grande Fede profondamente ancorata nella vostra anima, affinché il suo potere vi porti la salute e la felicità.

  Siate fiduciosi, fratelli miei, cominciate a dare voi stessi se volete ricevere.

  Se siete malati, è che, per una causa qualsiasi, avete vissuto o siete ancora nell'errore.

Vi ho detto: Date Voi stessi per ricevere, ecco il grande, il semplice segreto della felicità e della salute.

  Siate buoni verso tutti quelli che vi circondano, con tutto ciò che è in vostro contatto.

  Siate umani, caritatevoli, date della vostra tenerezza e della vostra sollecitudine.

  Stabilite una corrente benefica e costruttiva equilibrando in voi il ritmo dei sentimenti, non permettete un solo pensiero cattivo per voi o per gli altri.

  Non permettete che un sentimento ostile o di collera possa prendere radice in voi, ne soffrireste.

  Che il sorriso illumini sempre il vostro viso e che questo possa esprimere il tesoro spirituale della vostra anima.

  Che la vostra anima si senta sempre in armonia ed in comunione di sentimenti con tutte le anime che la circondano. Lavorate per il bene e la felicità di ogni essere vivente.

  Ecco, ciò che dovete applicare, se volete che lo sfavillìo che liberate, vi porti attraverso una legge eterna, la gioia e la felicità, allo stesso tempo, per la salute ed il dono di sé. Pace.

 

LA PACE EVOLUTIVA

 

  Che la Pace che vi circonda scenda nei vostri cuori, e vi indichi la strada della Verità.

 La Pace che permette all'uomo di sentire in sé la voce del cuore e della comprensione, unica può svegliare alla Vita Interiore di ricerca dell'Io Eterno e costruttore.

  La Pace che permette all'uomo di sentirsi fratello e figlio del creato in comune con tutta la Creazione, liberato della personalità esterna e portato verso la liberazione interiore.

  La Pace, che dice all'uomo di amare ed amando gli fa creare delle opere costruttive e buone, malgrado le divergenze umane e le asperità della strada, lo porta verso la grande evoluzione.

  La grande evoluzione è l'evoluzione cosmica che trascina l'evoluzione universale, e questa l'evoluzione sociale; ma niente può avverarsi, se prima non si avvera l'evoluzione degli esseri e delle cose. La pace che rivela all'uomo che l'armonia e l'equilibrio non sono possibili che in lei solamente, è quella che nel passato, il presente e l'avvenire ha dato e unica darà, la Vera Vita.

  Allontanatevi dallo squilibrio di una lotta violenta, per il progresso sociale collettivo. È un errore, perché dove c'è violenza, c'è mancanza d’equilibrio e d’armonia, è l'errore.

  La Società deve purificarsi e deve evolversi, purificando ed evolvendo ciascuna delle sue piccole cellule. Attraverso questa purificazione, lenta ma sicura, si avvererà la grande evoluzione, l'unica effettiva.

  Dimenticate le battaglie sanguinarie; è inutile lottare contro di esse, con gli stessi mezzi. Allontanatevi da questi errori come si abbandona un ostacolo fuorviante, come ci si allontana da un fosso che allungherebbe il vostro cammino sporcandovi e stancandovi inutilmente.

  Che la pace evolutiva possa fare comprendere agli uomini questi errori di lotte violente, di lotte fratricide. Come potete sbagliarvi al punto di credere che un'evoluzione reale possa uscire dal sangue e dalle rovine?

  Fratelli, che il vostro cuore, la vostra anima possa conoscere la dolcezza e la realtà di una Pace Costruttiva che vi liberi dal torpore spirituale, che vi alzi, al disopra delle false concezioni di egoismo, di odio, di lotte distruttrici e fratricide.

  È tempo che la ragione domini la forza cieca e brutale. È tempo che l'amore porti i suoi frutti.

  È per ciò, affinché possiate fare schiudere l'Amore nei vostri cuori che vi si ripete ancora: sappiate conquistare e sviluppare in voi questo stato di pace assoluta e creatrice. Se prima non la realizzate come stato concreto attivo nella vostra vita di tutti i giorni, non potete riconoscerla e realizzarla nella famiglia collettiva, e nell'Universo per la grande Evoluzione Cosmica.

 

PACE D’ARMONIA

 

  Non sentite il nostro soffio Divino che vi arroventa l'anima? Non sentite che il nostro più grande dolore, è la vostra incomprensione?

  Ameremmo essere tanto vicini a voi, ameremmo tanto che le vostre anime battano all'unisono con le anime dell'Eterna espressione di Dio: la Verità.

  Pace oh fratelli! Non sentite com’è dolce questa parola? Non sentite il soffio vitale che porta a chi la comprende e la fa vivere?

  Pace - Legame Universale. Pace: è legame cosmico; pace è collegamento dei fratelli terrestri alla ricerca di Luce e d’Armonia Infinita.

  Che la pace scenda nei vostri cuori, e che vi riscaldi al soffio Eterno dell'amore Infinito che vi circonda.

  In natura, tutto è Pace, pace d’armonia. In natura l'armonia s’insuffla alle leggi dell'Eterno che vi abbraccia per portarvi a Lui.

  Pace, fratelli d'Oriente e d'Occidente, pace, fratelli di razza bianca e di razza nera. Pace, fratelli di ogni popolo, razza o casta.

  Che la pace regni tra le differenti classi sociali e che cominci a regnare, benefica e profonda in seno alla famiglia, primo sacrario dell'Umanità.

 

L'UNIONE ATTRAVERSO L'AMORE

 

  Eccomi per portarvi la mia parola di pace, d’armonia, nel momento dove sulla terra non sapete più parlare che di guerra e di distruzione. Anche quelli tra voi che desiderano ardentemente la pace non sanno cancellare dal loro spirito quest’incubo collettivo universale che pesa sul mondo intero.

  Vorrei tuttavia farvi comprendere come i timori siano inutili. Ma occorrerebbe che l'uomo potesse riflettere che se la guerra è un effetto, per sradicarla dal piano umano occorre, non soffocare questo effetto, ma cercarne profondamente la causa che lo provoca.

  È dunque indispensabile acquistare le qualità necessarie per poter eliminare questa causa nefasta attraverso una compensazione illuminata e progressivamente evolutiva che, avendo per scopo di costruire la Vita, non può portarvi che alle opere costruttive di vita.

  - Dopo la semina si raccolgono i frutti -.

  - Dopo il raccolto dei frutti, si riconosce quale semenza è stata seminata -.

  È dunque necessario che comprendiate senza ritardo che non bisogna mai seminare inconsapevolmente, ma che occorre prima sapere ciò che si vuole raccogliere per sapere ciò che bisogna seminare.

  La guerra è sinonimo di distruzione e di separazione. Se volete realmente la pace, occorre che seminiate senza perdere tempo l'Unione attraverso l'Amore.

  Bisogna analizzare completamente e a fondo ciò che è: l'unione attraverso l'amore.

  Tutto è legato nella Natura e nell'Universo, e perciò interdipendente; per realizzare l'unione attraverso l'amore è necessario che un equilibrio di vita sia mantenuto positivamente costruttivo.

  Appena questo legame è tagliato o interrotto da uno squilibrio negativo, ne risulta distruzione, separazione, sofferenza. Questo in tutti i regni della Natura e nell'Universo intero.

  In ciò che riguarda l'uomo, c'è una base, una legge Eterna corrispondente, ma infinitamente più vivente per sé: la generazione cosciente.

  Difatti, se l'uomo è legato alla Natura e all'Universo, è legato innanzi tutto con sé; cioè col resto dell'Umanità. E dai suoi rapporti con gli altri uomini, più o meno consapevolmente intrattenuti e vissuti, ne risulteranno i rapporti reciproci nella famiglia, la società, l'Umanità.

  La famiglia e la Società sono delle cellule limitate nell'Umanità. È dunque necessario analizzare l'uomo in rapporto con l'Umanità, ed i rapporti che lo legano strettamente a lei.

  L'Umanità vive solamente se l'uomo vive, come specie che genera l'umanità.

  Finché l'uomo non saprà generare consapevolmente, generare l'Umanità - derivata dall'uomo - potrà solamente essere incosciente e di questo fatto correre alla sua distruzione nella sofferenza.

  Non siate stupiti dunque se vi dico che la vera causa della guerra, della disarmonia, della disgregazione ed in una parola di tutte le sofferenze degli uomini è dovuta ai cattivi e falsi rapporti che regnano tra loro.

  Affinché l'uomo possa avere una visione chiara ed esatta della ragione sessuale basta pensare che è la condizione stessa per dirigere tutta la vita manifestata. Ora, per migliorare questa vita, gli resta solamente che dirigere ogni sua attenzione sulle condizioni di unione e di riproduzione.

  In un mondo armonioso e pacifico, in un mondo che vuole tracciare la sua strada nell'evoluzione, nella pace e l'armonia, i rapporti tra l'uomo e la donna devono armonizzarsi sempre più.

  L'uomo e la donna devono ricercarsi attraverso il magnetismo emanato dalla loro anima e non per il desiderio unicamente fisico, perché l'AMORE deve regnare maestro.

  Da queste unioni coscienti sorgeranno delle Vere Famiglie Umane perché il cerchio della famiglia non sarà più chiuso su sé stesso, né isolato dal resto dell'Umanità, ma creato in uno stesso slancio d'Amore.

  La fiducia e la fede regneranno tra l'uomo e la donna, pionieri di un'umanità nuova. I sentimenti di gelosia avranno perso ogni ascendente su dei cuori aperti e franchi.

  L'AMORE PER L'AMORE.

  La comprensione reciproca custodirà l'armonia perpetua al focolare. Il perdono, l'indulgenza ed il desiderio di servire impediranno le separazioni sempre distruttrici, i drammi e le disgrazie scatenate dalle passioni umane.

  Che la porta dei vostri focolari sia eternamente aperta. Il diseredato deve sempre trovare asilo e conforto. Ritornando da te, il suo cuore deve potere dilatarsi di gioia e sentirsi tra fratelli.

  Non credete che vi parli di utopie irrealizzabili. No, niente è più facile da realizzare di un focolare felice, ma è indispensabile costruirlo con dei materiali d'amore.

  Allontanate da voi ogni unione basata sul desiderio delle passioni, basata sul calcolo più o meno interessato dei vantaggi personali, di relazioni, di situazione, basata su considerazioni di denaro e di fortuna.

  Sappiate costruire il vostro focolare al sole d'amore nell'affinità dei sentimenti reciproci, con la volontà di realizzare la Felicità attraverso la Pace.

  Sappiate trasmettere questo sentimento di Pace e di Felicità all'infuori delle barriere familiari.

  Sappiate allargare queste per arrivare a fare della vostra famiglia il centro, l’irraggiamento e la ragione d'essere della grande famiglia umana.

  Quando l'uomo avrà realizzato infine la bellezza e lo splendore, la necessità ed il bisogno di generare nell'Amore, di unirsi per Amore, di risplendere tutto il suo Amore, di dare la sua vita attraverso i gesti d'Amore; la sofferenza, la distruzione, la guerra tali dei vampiri vinti e messi fuori combattimento, lasceranno il loro ascendente nefasto sull'uomo e questo, infine libero e forte potrà camminare in Pace e nella Pace, verso un avvenire radioso d'Amore, di Collaborazione, di Comprensione.

  Pace e Felicità.

 

AFFERMAZIONE DI PACE

 

  Dio che c'illumini e ci chiarisci,

pietà per essi, perché non sanno quello che fanno.

  Il loro regno è finito. La terra è umida e la nuova mietitura germoglierà: fuoco, terra, acqua, tutto si unirà per fare posto ad un nuovo edificio di Verità Eterna basata sul principio della Reincarnazione.

  La nuova Fede è neonata, ma la sua precocità la porterà rapidamente alla maturità.

  Preghiamo, fratelli, affinché il Regno di Dio apra i suoi battenti al pellegrino stanco.

  Pace nei cuori e nelle anime assetate di Verità.

  Pace alle anime spossate dalla lunga strada.

  Pace alle coscienze tormentate dal dubbio dell'Eterna Verità.

  Pace ai piccoli orfani che troveranno una madre.

  Pace a quello che ha peccato: avrà grazia e perdono.

  Pace a quello che, incerto nella sua marcia, sbagliò strada, egli sarà guidato.

  Pace a tutta la creazione: acqua, terra, sole, piccoli animali che offrono le loro grazie al cielo, rudi rocce che sagomeranno delle piccole anime.

  Pace alle erbe tenere e ai fiorellini nascosti.

  L'aurora benefica e radiosa si alzerà sul mondo, indicando attraverso i suoi raggi luminosi, la giusta strada da percorrere.

  Abbracciamoci, fratelli, in questo nuovo cammino, verso la Perfezione.

 

L'UNIONE NEL MONDO

 

  I popoli ed i mondi sono interdipendenti. Popoli schiavi in un mondo schiavo. Mondo schiavo con popoli schiavi.

  È una virtù che guida i popoli: l'Umanità. Un popolo è antiquato senza Amore. Un popolo non resiste ai gravi dissensi materialisti che lo penetrano, lo disgregano.

  L'uomo porta in sé una virtù: il senso dell'Universalità.

Ogni uomo ha l'intuizione ma pochi ne hanno la forza o il coraggio di dimostrarlo.

  Un popolo basato sul materialismo, sul sangue, sulle armi, sui pregiudizi, è un popolo destinato a cadere, destinato ad essere distrutto dalla sua stessa forza distruttiva.

  Finché il mondo resterà diviso, finché esisteranno delle barriere e dei confini, finché esisteranno delle bandiere d’ogni colore, finché esisteranno dei "nemici" e degli "stranieri", finché esisterà una lotta tra il capitale ed il lavoro, finché esisterà la donna che cade per miseria, finché esisteranno dei vecchi senza tetto, dei bambini senza pane, degli uomini virili senza lavoro, il mondo sarà un caos ed un massacro di sé stesso.

  Solo l'Amore, l'Armonia, la Pace, la Fraternità Umana, l'universalità totale di ogni essere e di ogni cosa potrà dare l'Unione nel mondo: unica famiglia umana, il Regno della Felicità per tutti.

 

LA PACE CHE ARRIVA

 

  Coraggio fratelli miei, è la Pace che arriva. Sarà installata presto nei vostri cuori, nelle vostre case, nelle vostre città ed in tutte le nazioni, una dopo l'altra.

  Preghiamo molto per tutti quelli che sono partiti e per quelli che li piangono, per quelli che sono restati per sempre mutilati nella gioventù e spezzati alla soglia della vita.

  Che possa scendere nella loro anima un conforto morale abbastanza potente affinché un grande ideale s’installi nel cuore e gli dia ancora una ragione di vivere, per una causa di Pace e di Felicità Universale.

  Preghiamo affinché tutti gli uomini allontanati dalla famiglia - soldati e prigionieri - possano ritornare nel loro focolare.

  Preghiamo insieme il Signore, affinché indichi la via agli uomini perché l'Umanità Nuova possa cancellare attraverso un'opera comune di Amore e di Devozione, il sangue, il fango e la sofferenza di quest’epoca passata.

  Preghiamo affinché l'Amore e la Verità siano attraverso le nostre mani un'opera vivente della Voce del Cristo. Che ogni anima abbia una fiaccola sempre accesa davanti ai suoi passi per condurli nella Verità e la Vita attraverso l'Amore.

  Soffro con voi, ho faticato con voi, piango con voi, per le vostre morti e per la vostra gioia nella speranza della rinascita.

  Che ogni focolare possa avere un giardino e che in ogni giardino gli uomini possano trovare l'amore ardente di coltivare delle rose di tutti i colori e di tutti i profumi, perché la rosa è il simbolo della Vita e della Conoscenza mediante l'Amore che sa donarsi attraverso il sacrificio e la devozione.

 

SONO RADIOSO DI FORZA CREATRICE

 

  Sono felice che siate qui in contatto con la terra, gli alberi e l'aria.

  Vorrei che lo spirito di questi tre elementi possa andare al più profondo di voi stessi, farvi comprendere quanto occorre che l'uomo diventi piccolo ed umile, fino a che punto occorre che si metta in unione con tutti gli elementi della natura se vuole dare realmente una radiazione di felicità per lui e per i suoi fratelli.

  Ci sono anche tante preoccupazioni in voi stessi. Vorrei che possiate sbarazzarvi di ciò perché, così in contatto con le forze viventi della natura, potete essere molto forti ad irradiare il vostro pensiero ed il vostro aiuto mentale e inviarlo nel mondo intero.

  Vorrei approfittare dal momento che siete qui per farvi fare un lavoro utile a tutti gli uomini che soffrono.

  Vi chiedo soprattutto di raccogliervi bene, non pensate a niente, e seguite il mio pensiero in tutta la sua totalità. Vedete tutte queste cose realizzarsi, seguitemi, occorre che sentiate con forza questa trasfusione fisica fatta mediante le vostre possibilità psichiche. Vedete tutto lo sfavillìo del vostro pensiero e del vostro amore spargersi intorno a voi verso l'alto, nelle sfere, da sinistra a destra;

  - Che la Pace e l'Armonia siano nel mio cuore e nel cuore di tutti gli uomini.

  Cammino sulla terra umida e sotto i raggi del Sole, portato sulle ali del vento, là dove la mia presenza può essere utile.

  Sono radioso di forza e di forza creatrice, perché la mia forza proviene dall’amore che mi lega con l'Universo intero.

  Per te che piangi, ho un sorriso e per il piccolo che non ha più genitori, sono il Padre e la Madre, gli mostro la via e la strada migliore da inseguire.

  Per te, fratello mio che sei ferito nella carne, tutte le cellule sane del mio corpo vengono in tuo soccorso.

  Ti do del mio sangue e della mia forza, la guarigione è in te, non dubitare.

  Continuo la mia strada.

  Ecco un gruppo di ciechi. Vi siete mai rappresentati come può essere triste non vedere mai il sole?

Occorre che portiamo loro la gioia, una tale gioia che attraverso i loro occhi chiusi, possano vedere il nostro sorriso.

  Bisogna apprendere dai ciechi a guardare la vita essenziale.

  Bisogna spiegargli tutte le bellezze che sono dentro al cuore dell'uomo come quando dite loro: il cielo è azzurro, poiché è così che potranno sentirlo in loro stessi, attraverso l'inflessione della vostra voce, attraverso l'amore che portate lì, che deve toccarli nel più profondo dell’anima.

  Bisogna dargli la mano, condurli passo a passo, bisogna fare uno scambio con loro, perché la  cecità gli ha ben reso delle sensibilità che spesso mancano a quelli che vedono coi propri occhi.

  È indispensabile che inseguiamo la nostra strada e che arriviamo là dove ci si batte perché l'incomprensione, la miseria e la sofferenza regnino. Bisogna essere là con tutta la nostra presenza spirituale ed opporci al male attraverso il grande slancio d'Amore che abbiamo nel nostro cuore.

  Occorre che l'uomo smetta di credere alla felicità attraverso la violenza e la morte, perché queste possono generare solamente violenza e morte. L'uomo deve apprendere che là dove c'è la traccia di una macchia di sangue umano diffuso, bisogna toglierlo con un bacio e bagnare la terra delle sue lacrime per seminare un chicco di grano in tutto il suo potere germinativo.

  Occorre che questo chicco di grano sia il simbolo della Pace costruttiva del mondo.

  Vi prego di fermarvi qui, perché occorre che tutto il nostro desiderio d’amore e d’armonia possa fare sgorgare delle scintille di vita, qui stesso, là dove la lotta è rude.

  Bisogna sapere piegare il braccio per raccogliere la testa di un fratello morente, perché vedete molti che cadono soli, lontano dagli esseri amati.

  Occorre che siamo per essi, il padre e la madre, il figlio e la sposa, la fidanzata e la sorella, occorre che impariate ad estrarre tutte queste vibrazioni da voi stessi, allargarle intorno a voi affinché partano come onde benefiche, messaggere di Felicità e di ricostruzione.

  Occorre che possiamo riempire le nostre braccia dei fiori più puri e più delicati ed offrirli tutti lungo la nostra strada a tutti quelli che soffrono, a tutti quelli che hanno perso la via e che non ritrovano più la loro strada, poiché molti si sono smarriti.

  Per tutti gli smarriti, occorre che abbiamo un pensiero di luce affinché possano trovare la via nel loro cuore, la vera, bisogna attardarsi un poco con essi perché sono forse più disgraziati. Non avete mai provato voi a trovarvi smarriti in un bosco o in piena montagna senza potere ritrovare la vostra strada? Alla lunga ciò vi dà un sentimento di stanchezza e di disperazione. Quanto più grande può essere questa sensazione di stanchezza e di disperazione proveniente da uno smarrimento morale perché in quel momento si hanno degli occhi e non si vede.

  Non vorrei che restiate su un sentimento di tristezza costatando tutte le sofferenze che sono disseminate per il mondo, occorre anche che pensiate alla gioia e soprattutto come realizzare la gioia per vostro fratello perché è solamente così che risolverete il problema della condizione umana di felicità e di pienezza.

  Vi lascio il tempo di penetrare tutte queste cose. Vi chiedo un poco di pazienza.

  Abbiamo fatto un bel viaggio con tutto ciò che è utile è bello, ed io vorrei che adesso impariate a trasformare in voi stessi tutte queste immagini di sofferenza e di tristezza nelle realizzazioni gioiose e sane per tutti questi esseri che abbiamo incontrato sulla nostra strada.

  Ecco ciò che conta, saper trasporre in modo positivo in un mentale spirituale, tutte le miserie e le sofferenze umane per convertirle in realtà essenziali.

  Sono estremamente felice di essere con voi. La mia anima è in comunione con la vostra, vicino a voi.

  Che colui che è scoraggiato possa sentire, soprattutto dopo il viaggio che abbiamo fatto insieme, tutte le ricchezze di cui è possessore. Sì, tutte le ricchezze che sono in lui affinché le trasmetta.

  Pace, fratelli miei, che la vostra anima sia sempre come una sorgente fresca che cola senza tregua, senza prosciugarsi mai.

  Col mio bacio spirituale, vi lascio, fratelli miei.

 

UN GIORNO NUOVO SI ALZA...

 

  Fratelli. Diamoci la mano.

  Pace sulla terra per le anime che soffrono; amore e tenerezza per i cuori ulcerati.

  Che lo sguardo di Dio accompagni sempre i vostri passi sulla strada nella condizione umana.

  Che le vostre braccia siano sempre abbastanza forti per ricostruire e consolare, medicare le ferite del corpo e dell'anima.

  Pace sulla terra per quelli che restano.

  Pace nell'Eternità per quelli che vi hanno lasciato.

  Che nella tormenta che è passata sulle vostre teste resti un ricordo inciso nella vostra anima.

  Che, come una promessa eterna, il vostro desiderio d’amore sia sempre vivente nel più profondo del vostro essere, come una fiaccola destinata alla devozione e all'amore.

  Che possiate sempre realizzare l'unione con vostro fratello nel più intimo del vostro essere, con qualsiasi fratello, quello che vi ha amato e quello che vi ha tradito.

  Che l'immagine di Dio sia sempre nello sguardo di vostro fratello quando sarà davanti a voi.

  Pace sulla terra; che i raggi caldi e fecondi del sole d’amore possano penetrare in ogni casa, la più umile, la più oscura e la più ricca, la più illuminata.

  Che le vostre mani siano benedette dal lavoro umano e che la vostra anima sia benedetta dal desiderio e la volontà di servire Dio.

  Che la voce del Padre sia sempre in voi e che possiate sempre sentirlo mediante l'uragano crescente e tumultuoso delle vostre passioni e dei vostri dubbi, dei vostri slanci e dei vostri scoraggiamenti.

  Pace sulla terra e che possiate vangare il campo che è davanti a voi, che possiate seminarlo per offrire dei frutti dorati all'umanità futura, quella che deve essere costruita nell'amore e la tenerezza.

  Pace sulla terra, come nei vostri cuori; che possiate diventare degli operai, degli artigiani di tutte le bellezze dell'anima, compiute nella vita di tutti i giorni.

  Pace e che possiate sentire l'umile battito del mio cuore tra voi, sempre vicino a voi per amarvi e sostenervi. Il mio cuore è restato addetto alla sofferenza per aiutarla ad alzarsi. Tutti quelli che soffrono sentiranno la mia voce ed il mio amore li porterà alle porte della Casa del Padre.

  Pace fratelli miei, che sia con un nuovo slancio che andiate all'incontro del giorno nuovo che si alza; vi appartiene, fatelo diventare più bello che vi sarà possibile realizzare.

  Aprite la vostra porta ed amate perché ci sono molte lacrime da asciugare; ci sarà molto pane da dare, ci sono molti bambini da cullare, molti fratelli da alleggerire e da riportare alla speranza nella vita che è davanti a loro.

 

ABBIATE UN IDEALE

 

  Vorrei portarvi il mio saluto come un sostegno ed un incoraggiamento nella vostra vita terrena di tutti i giorni.

  Più o meno, per cause diverse, la vostra vita non è sempre facile. Accanto alla felicità, molte pene sono seminate sulle vostre strade e ciò è inevitabile.

  Affinché possiate progredire, migliorarvi e camminare diritti verso la Perfezione e la Vera Felicità, è necessario che tutte le conoscenze siano fortemente radicate in voi ed in piena attività.

  Il lavoro si fa attraverso il tempo e lo spazio; per questa ragione vi incarnate parecchie volte per una vita terrestre, non occorre dunque mai e a nessun prezzo scoraggiarsi.

  Abbiate un Ideale nel profondo del vostro essere; un alto Ideale d'Amore, di Devozione che vi permetta di essere sempre utili a tutti i vostri Fratelli, un Ideale che vi faccia comprendere le pene altrui.

  Abbiate un Ideale che vi doni il desiderio di aiutare a costruire una Vita Nuova, basata sull'Amore, l'Equilibrio e la Pace costruttiva e feconda che forgi degli uomini veri e delle vere donne che possano costruire nel mondo, attraverso le opere di tutti i minuti, la Vera Felicità.

 

   

 

         

Tutto l’universo tende all’armonia e l’uomo che vuole progredire deve conformarsi a questa legge e cercare di arrivare ad un’armonia e ad un ritmo sempre più perfetti, e consoni all’armonia universale.

 

                                                                    Romolo Mantovani     

       

 

Questi sono messaggi di alto valore morale e spirituale che rappresentano un inno alla Coscienza di Vita, in favore della Pace, dell’Amore e della Fratellanza Universale; veri e propri semi del Pensiero Creatore.

  Quando riconosciamo e accettiamo un’idea nella nostra mente, noi la creiamo.

  La Parola è energia creatrice che collega punti nello spazio, così anche la Preghiera cosciente è una grande potenza creatrice coordinata, attraverso la quale, instauriamo dei legami armonici di sublime poesia con le Forze Superiori dell’Universo.

  Tutto il cosmo vivente è collegato e pervaso completamente nello spazio attraverso il tempo, in diretto ed istantaneo contatto con il torrente di Vita, il cui Fluido d’Amore di memorie immortali penetra l’aria e, unendosi al torrente di Luce e al torrente del Suono, risveglia e riporta alla Vita, conduce messaggi e parla a tutto il creato con una Musica Celeste.

 

                                                                        Antonio Bigliardi

 

 


Per CONTATTI: antoniob64@libero.it




  INDICE GENERALE

 

 

 

 

 

 

 

   Natura, Amore e Vita - Antonio Bigliardi

<bgsound src="Watermark.mid">