Andy Web Artist

ANTICHI RITI

Nell' antichitÓ per assicurarsi che una persona fosse effettivamente deceduta, l'usanza voleva che la persona incaricata di questa verifica, il "beccamorto" appunto, mordesse violentemente una delle dita dei piedi del presunto cadavere, se alcuna reazione si registrava, la valutazione era definitiva e la sepoltura inevitabile. Questa funzione di beccamorto che di fatto era un vero e proprio incarico, si trasmetteva di padre in figlio fin dalla notte dei tempi.

A un certo punto accadde una prima catastrofe : l'ultimo beccamorto benchÚ avesse avuto molte figlie, non ebbe alcun maschio.

Sua figlia maggiore prese dunque il suo incarico, previa riunione e parere del Consiglio dei saggi preposti a questo tipo di materia.

Seconda catastrofe: il primo soggetto che ella si trov˛ ad esaminare aveva contratto una grave malattia che l'aveva condotto ad essere amputato ad entrambi i piedi...............

Peggio ancora, la cancrena l'aveva in parte divorato, al punto che era stato necessario tagliargli le gambe fino all'altezza delle cosce.

La ragazza valut˛ la situazione e morse dunque con precauzione la prima " estremitÓ" inferiore che potŔ trovare................................

Fu in quest' epoca e in tali circostanze che si pass˛ dall' espressione " beccamorto " a "pompe funebri".
Invia ad un amico
Invia ad un amico
Stampa
Stampa