L'Associazione aggrega carabinieri in servizio, in congedo, i loro familiari e tutti i simpatizzanti in quella che è sentita la grande famiglia dell'Arma


Benvenuti nel sito ufficiale dell'Associazione Nazionale Carabinieri Sezione "BRIG. VITTORIO ARDITI" di Pistoia, in questo sito web potrete trovare tutte le informazioni sulla nostra associazione, sulle nostre attività e sul volontariato.
 
Il sito è in costante aggiornamento, quindi vi consigliamo una frequente consultazione.

Ci auguriamo che la vostra navigazione nel nostro sito possa risultare piacevole ma soprattutto utile e che il nostro lavoro sia di vostro gradimento.
TOP NEWS

Comunicazione ai soci: sono disponibili in sezione i bollini per il rinnovo della tessera associativa 2016

NUOVO INDIRIZZO EMAIL DELL'ASSOCIAZIONE
CONVENZIONI PER I SOCI ANNO 2017
104° ANNUALE DELLA SEZIONE

GARA DI PESCA ALLA TROTA XXIII TROFEO “BRIG VITTORIO ARDITI” 6 MAGGIO 2017

La gazzella più veloce del mondo vive in Italia e ha le sembianze dell’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio in forza, da oggi, all’Arma dei Carabinieri e che guideremo nei prossimi 9 e 10 maggio 2016 al centro prove di Balocco. La cerimonia della consegna ufficiale delle due Giulia Quadrifoglio nella classica livrea blu con le folgori rosse si è svolta nel cortile del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, alla presenza del Comandante Generale dell’Arma Tullio Del Sette, del Presidente del gruppo FCA John Elkann, dell’Amministratore Delegato Sergio Marchionne, del COO della Regione EMEA Alfredo Altavilla e dei Ministri dell'Interno e della Difesa, Alfano e Pinotti.

Calendario dei Carabinieri 2016 In copertina, l’emblematico segno distintivo dei Carabinieri - la fiamma - si staglia tra le volute geometriche e nitide d’ispirazione futurista, segno della solidità istituzionale nel tempo, riprese da un’opera di Giacomo Balla, nei colori che contraddistinguono la Bandiera italiana - il verde, il bianco e il rosso - l’Arma dei Carabinieri - il blu e ancora il rosso - l’azzurro del vessillo europeo e il celeste dell’ONU. Poi le tavole interne che, dalle atmosfere ottocentesche di una famiglia dell’Arma, attraverso i mesi dell’anno, ci portano alla visione moderna e tecnicista della tavola di dicembre, per concludere con il foglio finale, evocativo dello stato dell’Istituzione che si è già avviata, resa più ricca dalla presenza femminile, verso un luminoso futuro.  Il percorso immaginario delle tavole interpreta l’evoluzione dell’Arma dei Carabinieri nel tempo, disancorato dalla rigidità cronologica delle opere. Parte da Giovanni Boldini, con una composizione intima, evocativa di un momento storico ottocentesco, nella quale, alla giovane donna e al figlio dipinti dall’artista, si affianca la figura caratteristica di un Carabiniere, marito e padre, espressione di eleganza e di composta proprietà formale. Con Amedeo Modigliani, l’operazione assume dimensioni quotidiane: le sue figure esili e allungate, che esaltano tutti i valori umani, ci riconducono alla bellezza e alla semplicità delle forme tipiche dell’arte rinascimentale. Nelle tinte forti di Henri de Toulouse-Lautrec è stato incastonato l’elemento uniformologico più caratterizzante del Carabiniere, il mantello foderato di rosso, coincidente con una lettura fatta già negli anni ‘20 del secolo scorso dalla rivista “L’Arma Fedele”: nella cornice di una riunione mondana il Carabiniere assiste impassibile alla coinvolgente festosità.
La figura del Maresciallo, attento e paterno tutore del territorio, con i colori intensi della campagna e i protagonisti della serena vita di provincia, caratterizza invece i personaggi e le atmosfere di Vincent Van Gogh. Ecco, poi, il musicante visto col candore arcaico di Henri Rousseau. Quindi, la pattuglia che vigila sul tranquillo pomeriggio festivo della gente, come concepito da Georges Seurat. Per Giorgio De Chirico, una scelta che certo sarebbe piaciuta anche a lui: nelle vesti di un Generale dei Carabinieri dell’800 è lo stesso pittore in sella ad uno dei suoi cavalli riccioluti, un autoritratto virtuale che va ad aggiungersi ai tanti da lui dipinti nel corso degli anni, in costume da torero o da gentiluomo del settecento. Nella doppia pagina centrale la già citata opera “I papaveri” di Monet, uno dei massimi rappresentanti dell’Impressionismo, è rivisitata, come detto, con la semplice aggiunta di una pattuglia di Carabinieri, la cui presenza appare protettiva e rasserenante. Con Salvador Dalì solleviamo i piedi da terra e ci portiamo con la fantasia al livello del Surrealismo; la pittura del grande artista spagnolo è sembrata la più valida a essere coniugata, nella chiave delle sue invenzioni oniriche, con la figura del Carabiniere sposata al concetto dell’eroismo a difesa dei cittadini.

Sulla base dell’esperienza maturata nel settore del volontariato e dell’analisi dei dati relativi al censimento dei Nuclei di protezione civile, il Consiglio nazionale del 19 novembre 2004 ha preso atto dell’opportunità di procedere ad una più precisa configurazione in ambito ANC del volontariato di protezione civile rispetto al volontariato generico.   
Fiamme d'Argento - Ultimo numero Edizione di Febbraio 2011
LA RIVISTA

RADUNI NAZIONALI

Scelta per la destinazione del 5 x 1000 al Nucleo di Volontariato e protezione civile.
Clicca a lato per saperne di più.

 

 
http://digilander.libero.it/anc.pistoia
 Sito Ufficiale Associazione Nazionale Carabinieri di Pistoia
pistoia@sezioni-anc.it
Web Master and design socio A.N.C. Stefano Baldi