Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

Materiali utilizzati nelle costruzioni di aeromodelli in EPP


 

Polipropilene Espanso (E.P.P.)

Il materiale per costruire aerei indistruttibili è il polipropilene espanso.
In inglese lo chiamano" Expanded Polypropylene foam"
Non è polistirolo!
A vederlo dal vivo sembra esattamente polistirolo. Forse un po' serico, quasi setoso, più morbido al tatto. Ma basta provare a piegarlo o a fletterlo per capirlo: il polistirolo si rompe, il PPE (polipropilene espanso) no, non si rompe.
E' molto più resistente alle alte temperature. Infatti lo rivestiamo tranquillamente con rivestimenti termoretraibili. Io consiglio solo Oracover, perché è l'unico che dà buoni risultati. Infatti l'EPP è un materiale un po' strano nel comportamento: mal sopporta i rivestimenti adesivi. L'utilizzo di Oracover è garantito e collaudato. Prima, sempre, occorre spruzzare un po' di colla spray.
Il Polipropilene Espanso che viene utilizzato nei Kits made in Usa è di colore bianco, pretagliato, che lo fa assomigliare al polistirolo. Ma resiste molto di più ai solventi. Infatti può essere incollato tranquillamente con colle cianoacrilate, con colle tipo Bostick, con colle in stick (sì, quelle che si usano con la pistola termica!).
Questo materiale si può incidere con il cutter, scavare con un cacciavite, rifinire o incidere con un saldatore per stagno. Lo si lavora normalmente con la carta vetrata di grana media e fine. Le celle espanse non si staccano facilmente le une dalle altre. Insomma, dopo un po' di timore, lo si lavora in modo molto semplice e rapido. Non è certamente delicato nelle lavorazioni.



Colla spray

La colla spray serve come agente preparatore di superficie, serve per far aderire i rivestimenti e il nastro rinforzato al polipropilene espanso. Senza questa colla, non c'è verso: TUTTI i nastri o i rivestimenti si staccano! Garantito dalla mia esperienza personale!
La colla spray è una specie di Bostick in bomboletta.
La migliore è sicuramente la 3M77Super. E' migliore perché ha il beccuccio regolabile ed fornisce una maggiore forza di legame del nastro all'EPP.
L'alternativa è la colla equivalente della TESA. In etichetta c'è scritto che è una colla utilizzabile per il polistirolo espanso. Si può usare lo stesso, ma se trovate la 3M77 Super è meglio. Prendete la 3M!
Dopo aver spruzzato la colla, in ambiente ben areato, lasciarla completamente asciugare. Poi applicare il nastro e fare pressione. A questo punto il nastro non si stacca più: deve strappare delle celle di EPP. Questa è l'adesione giusta! :)
Le colle spray si trovano comunemente nei negozi di bricolage o nei ferramenta più forniti.
Oppure anche nei negozi di prodotti per imballaggio.


Nastro rinforzato

Il nastro rinforzato è un nastro utilizzato negli imballaggi. E' un nastro abbastanza comune, è riconoscibile perché ha delle vibre di vetro disposte in senso longitudinale al nastro stesso.
E' di colore trasparente con le fibre giallo paglierino chiaro.
Esiste anche il nastro con fibre di vetro incrociate, ma è migliore quello con fibre longitudinali, perché la robustezza non cambia di molto, ma le doppie fibre pesano di più.
Il nastro rinforzato esiste in 2 larghezze diverse, da 5 cm e da 2,5 cm.
La misura più usata è quella da 5 cm.
Però il nastro da 2,5 è molto utile per nastrare il muso dell'aereo o le zone con molte curve (fusoliera)
Il nastro rinforzato si trova comunemente nei negozi di bricolage, nei ferramenta più forniti, nei negozi di prodotti per imballaggio.



Oracover

Il materiale di rivestimento degli aerei in EPP, deve necessariamente essere ORACOVER.
Alternativa ammessa è il nastro autoadesivo in Mylar.
Non esistono solarfilm, econocote o altre cose.
Il miglior materiale di rivestimento resta di gran lunga l'Oracover.
Se volete essere sicuri di non avere problemi e di utilizzare la miglior cosa, non abbiate dubbi. L'EPP è critico per quel che riguarda i rivestimenti. L'oracover è un SIGNOR materiale, e la sua termoretraibilità si sposa perfettamente con la capacità di sopportare le alte temperature propria dell'EPP.
Dopo aver spruzzato la colla spray sulla parte da rivestire, applicare l'Oracover e farlo aderire bene con un ferro da stiro appena un po' caldo.
Poi si può aumentare la temperatura e tirare il materiale per eliminare le grinze e tenderlo ulteriormente.
Alla fine, quando tutta la parte (ala o fusoliera) è rivestita, scaldare molto il ferro da stiro. Con dei passaggi rapidi (perché alla fine anche l'EPP fonde!!!) passare il ferro caldissimo per tendere l'Oracover come un tamburo e annullare tutte le pieghe.
Però l'Oracover va bene sovrapposto ad altro Oracover nelle giunzioni per almeno un paio di centimetri. Così quando si tende contraendosi non lascia zone scoperte di EPP.
Con un po' di pazienza si ottengono risultati lusinghieri. Chiedete a chi ha visto il mio Ka6E dal vivo!
Ma...perché rivestire il modello?
Non si può lasciarlo scoperto con il nastro rinforzato a vista?
Il modello va rivestito per rendere le superfici più lisce e quindi più aerodinamiche.
Inoltre il rivestimento protegge l'EPP dalle strisciate e dagli urti che potrebbero strappare qualche pezzo.
Ancora, anche se forse non ci credete, il rivestimento in Oracover aumenta la rigidità delle strutture e pertanto aumenta la resistenza delle ali al flutter e alle flessioni indesiderate.
Cioè l'Oracover diventa una parte abbastanza importante nelle struttura dei modelli in EPP.
L'Oracover (lo scrivo sempre maiuscolo perché è un Signor materiale da rivestimento, come ribadisco) forse è l'unico rivestimento che si può staccare e riattaccare senza danni.
Cioè si ripara molto facilmente, si applica e si riapplica. Si può scollare e incollare.
Nella versione per gli USA l'Oracover mi pare che si chiami Oracle, ma è lo stesso materiale.

 

 

Questo sito è coperto dalle leggi Italiane sul diritto di autore. E' vietata la riproduzione, anche parziale, degli articoli e/o delle immagini senza il consenso dell'autore.
Per autorizzazioni, suggerimenti, migliorie, imprecisioni e inesattezze riguardanti questo sito, scrivete al
WebMaster.