Il giorno si fa freddo

 

I.
Il giorno si fa freddo verso sera...
Bevi il calore dalla mia mano,
la mia mano ha lo stesso sangue della primavera.
Prendimi la mano, prendimi il braccio bianco,
prendi il desiderio delle mie spalle strette...
Sarebbe strano sentire,
una notte sola, una notte come questa,
il tuo capo pesante contro il mio petto.

 

II.
Hai gettato la rosa rossa del tuo amore
nel mio grembo bianco-
io stringo nelle mani calde
la rosa rossa del tuo amore che appassisce presto...
O sovrano dallo sguardo freddo,
ricevo la corona che mi porgi
e reclina il mio capo sul cuore...

III.
Ho visto il mio signore per la prima volta, oggi,
tremando, l'ho subito riconosciuto.
Ora sento giÓ la sua mano pesante sul mio braccio leggero...
Dov'Ŕ la mia sonora risata di vergine,
la mia libertÓ, di donna a testa alta?
Ora sento giÓ la sua stretta salda intorno al mio corpo fremente,
ora odo il duro suono della realtÓ
di contro ai miei fragili, fragili sogni.

 

IV.
Cercavi un fiore
e hai trovato un frutto.
Cercavi una sorgente
e hai trovato un mare.
Cercavi una donna
e hai trovato un'anima-
tu sei deluso.