TIBERIO

 

I

 

Discende a notte Claud´o dal monte

BorŔo: col vento dalle nubi fuori

rompe la luna e gli balena in fronte,

 

fuggendo. Egli rimira, a quei bagliori,

Livia e l'infante: intorno vanno frotte

silenziose di glad´atori.

 

S'ode tra lunghe raffiche interrotte

l'Eurota in fondo mormorar sonoro;

s'ode un vagito. E nella dubbia notte

 

le nere selve parlano tra loro.

 

 

II

 

Rabbrividendo parlano le selve

di quel vagito tremulo, che a scosse

va tra quel cauto calpestýo di belve.

 

Sommessamente parlano, commosse

ancor dal vento, che vaný; dal vento

Borea, che le aspreggi˛, che le percosse.

 

Dal ciel lontano a quel vagito lento

egli era accorso; ma nell'infinito

ansar di tutto, dopo lo spavento,

 

risuona ancora quel lento vagito.

 

 

III

 

Chi vagisce, Ŕ Tiberio. E il vento accorre

dal ciel profondo tuttavia; spaura

le nubi in fuga, e sbocca dalle forre.

 

Le selve il mormorýo della congiura

mutano in urlo, e gli alberi giganti

muovono orridi in una mischia oscura.

 

Lottano i pini coi disvincolanti

frassini, e l'elci su la stessa roccia

coi faggi urtano i vecchi tronchi infranti.

 

E il fiore della fiamma apresi e sboccia.

 

 

IV

 

Sboccia la fiamma, e il vento la saetta,

come una frusta lucida e sonante,

via per ogni pendýo, per ogni vetta.

 

Il vento con la frusta fiammeggiante,

col mugghio d'una mandr´a di tori,

cerca il vagito del fatale infante.

 

Ardono i monti; ma ne' suoi due cuori

Livia tranquilla, indomita, ribelle,

tra i rossi ˛meri de' glad´atori,

 

nutre Tiberio con le sue mammelle.