Canti di Castelvecchio
Giovanni Pascoli


47. In viaggio


Si ferma, e giÓ fischia, ed insieme,
tra il ferreo strepito del treno,
si sente una squilla che geme,
lÓ da un paesello sereno,
paesello lungo la via:
Ave Maria...
Un poco, tra l'ansia crescente
della nera vaporiera,
l'addio della sera si sente
seguire come una preghiera,
seguire il treno che s'avvia:
Ave Maria...
E, come se voglia e non voglia,
il treno nel partir vacilla:
quel suono ci chiama alla soglia
e alla lampada che brilla,
nella casa, ch'Ŕ una badia:
Ave Maria...
Il padre a quel suono rincasa
facendo un passo ad ogni tocco;
e subito all'uscio di casa
trova il visino del suo cocco,
del pi¨ piccino che ci sia...
Ave Maria...
Si chiude, la casa; e s'appanna
d'un tratto il vocerýo che c'Ŕ;
si chiude, ristringe, accapanna,
per parlare tra sÚ e sÚ;
e saluta la compagnia...
Ave Maria...
O, tinta d'un lieve rossore,
casina che sorridi al sole!
per noi c'Ŕ la notte con l'ore
lunghe lunghe, con l'ore sole,
con l'ore di malinconia...
Ave Maria...
Il treno giÓ vola e ci porta
sbuffando l'alito di fuoco;
e ancora nell'aria pi¨ smorta
ci giunge quell'addio pi¨ fioco,
dal paese che fugge via:
Ave Maria...
E cessa. Ma uno che vuole
velar gli occhi, pensar lontano,
tra gemiti e strilli e parole,
tra il frastuono or tremolo or piano,
ode il suono che non s'oblia:
Ave Maria...
Con l'uomo che va nella notte,
tra gli aspri urli, i lunghi racconti
del treno che corre per grotte
di monti, sopra lenti ponti,
vien nell'ombrýa la voce pia:
Ave Maria...

Canti di Castelvecchio ||  Pascoli-->Indice