La creazione del mondo e dell'uomo

 

Se ti guardi attorno con attenzione, rimani incantato davanti alle meraviglie della natura: fiori, alberi, animali...

Quante creature! Quanti colori in un tramonto o nell誕rcobaleno! E poi ci sono i fumi e le montagne. C定 la pioggia e c定 la neve. Ci sono le nuvole e c定 il mare.

Se guardi il cielo in una notte serena, scoprirai migliaia di puntini luminosi: le stelle. E poi c定 una creatura meravigliosa: l置omo, questo essere libero e intelligente che appare come il re di tutto il creato.

Ogni creatura ha una sua storia, segue un programma, obbedisce a certe leggi. Perch tutto questo? Il mondo sempre stato cos?

Chi ha fatto tutte queste meraviglie? Gli scienziati hanno cercato di dare delle risposte a queste domande, ma la scienza pu al massimo descrivere le creature, pu scoprire alcune leggi che regolano l置niverso, ma per capire il perch della creazione occorre leggere un libro che si chiama Bibbia.

La Bibbia il libro dove Dio racconta, attraverso alcuni fatti, la storia di tutto il creato dall弛rigine alla fine dei tempi. In questo libro, che il pi importante del mondo, c定 scritta la storia di tutti gli uomini, e anche la tua storia. 

Tanti e tanti millenni fa, all'inizio dei tempi, non c'era vita sulla terra. Tutto era informe e le tenebre ricoprivano ogni cosa; solo Dio esisteva. 

Un giorno Dio volle creare la vita, il giorno e la notte, l'uomo e gli animali. 

Cos disse: "Sia luce." 

E la luce fu. Nacquero il giorno e la notte e le tenebre cessarono di dominare il mondo. 

All'indomani Dio separ l'aria dalla terra e da quel momento il cielo copr come una grande cupola tutte le cose.

Venne il terzo giorno, quando Dio ordin alle acque di raccogliersi in un solo luogo; cos si formarono il mare e la terra, e la terra fu ricoperta di piante e germogli da cui sarebbero nate altre piante per ricoprire tutto di alberi e di fiori.

Il quarto giorno Dio disse: "Ci siano luci nel cielo per distinguere il giorno dalla notte, per scandire gli anni, le stagioni e i giorni."

Nacquero cos il sole, la luna e le stelle.

All'alba del quinto giorno non c'era ancora nessun essere vivente sulla terra e Dio ordin: "Le acque si riempiano di pesci e gli uccelli volino nel cielo."

Cos il mare si riemp di pesci grandi e piccoli che guizzavano nell'acqua e il cielo di uccelli dai colori stupendi.

Nel sesto giorno Dio volle che la terra si popolasse di tutte le specie di animali, di tutti i colori e di tutte le forme: bestiame, rettili e bestie selvatiche.

Dio guard tutto quanto aveva creato e fu soddisfatto. 

Poi disse: "Qualcuno coltiver questa terra e dominer i pesci del mare, gli uccelli del cielo e ogni essere vivente che su di essa si muove. Egli si chiamer Adamo e somiglier a me." 

Raccolse un pugno di polvere dal suolo, plasm l'uomo e soffiando nelle sue narici gli comunic la vita.

L'universo era finito: Dio aveva completato la sua opera e tutto era ordinato, bello e perfetto. Egli consacr quel giorno, il settimo, al riposo affinch tutti gli uomini avessero almeno un giorno alla settimana per riposarsi dal lavoro e dedicare i loro pensieri al Creatore.

Nella pianura dell'Eden Dio cre un meraviglioso giardino e l pose Adamo. Nel giardino crescevano alberi bellissimi, tra cui l'Albero della vita e l'Albero della conoscenza del bene e del male; la terra era ricca e fiorente, irrigata dall'acqua dei fiumi.

Dio condusse poi davanti ad Adamo tutti gli animali che aveva creato, perch egli non fosse solo, ma Adamo non trov nessuno che gli fosse simile. Allora Dio fece scendere su di lui il torpore e mentre dormiva gli tolse una costola: con essa fece una donna che vivesse con lui nel giardino.

Appena Adamo si svegli guard la nuova creatura e disse: "Questa carne della mia carne e ossa delle mie ossa. Essa sar mia compagna e mia sposa."

Da quel giorno Adamo ed Eva vissero insieme amandosi e curando il bellissimo giardino ed ogni cosa che vi si trovava. Ogni giorno, sul far della sera, quando la brezza si alzava, Dio entrava nel giardino a dialogare con Adamo, la pi perfetta tra le sue creature, quella a lui pi cara: l'intesa tra l'uomo e Dio era perfetta, cos come quella tra l'uomo e la donna e tra l'uomo e gli animali.

Dio aveva messo a disposizione di Adamo ed Eva ogni cosa: terra, acqua, animali che li aiutassero nelle fatiche, alberi belli da guardare e carichi di frutti buoni da mangiare. Solo un divieto pose loro: l'Albero della conoscenza del bene e del male.

"Potrete mangiare i frutti di tutti gli alberi dei giardino, fuorch quelli dell'Albero della conoscenza del bene e del male: se lo farete ne morirete."

Gi a quel tempo, infatti, esistevano il bene e il male, anche se Adamo ed Eva ancora non lo sapevano.

Un giorno un serpente, il pi astuto tra gli animali che vivevano nel giardino dell'Eden, si avvicin ad Eva e le chiese: "ネ vero che Dio vi ha proibito di mangiare i frutti degli alberi del giardino?"

Eva, ingenuamente, rispose: "Possiamo mangiare i frutti di tutti gli alberi, tranne quelli dell'Albero della conoscenza del bene e del male, altrimenti moriremo!"

E il serpente: "Non ne morirete affatto! Dio sa che se voi ne mangiaste diventereste sapienti e potenti come Lui, perci ve lo ha proibito! "

Allora Eva guard l'albero, vide che i suoi frutti parevano buoni da mangiare e pens che sarebbe stato bello diventare saggi come Dio; cos raccolse un frutto e lo assaggi, poi ne porse un pezzetto ad Adamo ed anche egli ne mangi.

Non appena lo ebbero fatto si guardarono, si accorsero di essere senza abiti e imbarazzati dalla loro nudit corsero a raccogliere foglie di fico per coprirsi. Per la prima volta provarono vergogna dei loro corpi e delle loro azioni. 

Per evitare il giudizio di Dio si nascosero tra gli alberi, ma udirono comunque la voce di Lui che tuonava: "Adamo, dove sei?"?

"Ti ho sentito arrivare e mi sono vergognato della mia nudit, perci mi sono nascosto. "

"Anche prima eri nudo. Chi ti ha fatto sapere che lo sei? Hai forse mangiato i frutti dell'albero che ti avevo comandato di non mangiare? "

La paura di morire colse Adamo e cos rispose: "La donna che mi hai posto accanto mi ha dato il frutto ed io l'ho mangiato. "

Ed Eva disse: "Il serpente mi ha ingannata e mi ha convinta a mangiarlo." 

Cos Adamo ed Eva, per aver ascoltato la voce del serpente, furono cacciati dal giardino dell'Eden e la punizione di Dio fu terribile: da quel giorno conobbero la fatica, il dolore e persero il dono della vita in eterno. Vestiti da tuniche di pelle, abbandonarono il giardino e dovettero lavorare con fatica la terra che non era pi verde e rigogliosa, ma secca ed erta di spini.

L'accordo tra Dio e uomo, tra uomo e uomo, tra uomo e animali in quel giorno si era spezzato.

Home Page

LE MILLE BOLLE BLU ringrazia per la grafica:

www.graphicsbypennyparker.com/

 i legittimi proprietari delle immagini anche se non noti e non espressamente indicati