Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

 

 

I record degli animali

 

Questa pagina, più che un elenco di fatti eccezionali, è uno sguardo attraverso il vasto mondo della zoologia, che vuole stupire ed incuriosire.

I "record" che leggerete saranno i più insoliti: dall'animale con i denti più grandi, a quelli più longevi o ancora a quelli più veloci.

 

I PESCI PIU' GRANDI

I pesci più grandi appartengono alla famiglia degli squali. Il più grosso tra di loro, lo squalo balena, raggiunge i 18 m. di lunghezza e pesa oltre 20.000 kg. Malgrado la sua larga bocca sia munita di 310 file di minutissimi denti, questo mostro è inoffensivo; infatti si nutre solo di plancton e di piccoli pesci che inghiottisce nuotando tranquillamente con la bocca spalancata. Si stima che per nutrirsi filtri 2 milioni di litri d'acqua all'ora. I subacquei possono avvicinarlo senza pericolo e perfino passeggiare sul suo dorso.

Di dimensioni più modeste è lo squalo bianco: 12 m. di lunghezza, 3000 kg. di peso, ma assai più pericoloso del suo placido cugino. La sua formidabile mascella, armata di numerose file di denti, affilati come lame di rasoio, è giustamente temuta dai grossi pesci e dai bagnanti. Certe spiagge dell'Australia e dell'America meridionale hanno dovuto essere circondate con reti, per proteggere i bagnanti da questo spaventoso predatore.

I MAMMIFERI PIU' PICCOLI

Il più piccolo ruminante è il kancil malese. Misura appena 25 cm. di altezza e 47 cm. di lunghezza. Pesa attorno ai 2 kg. Questo animale piccolo e timido abita le foreste dell'Indocina e della Malesia. Attivo durante la notte, si nutre di erbe e di frutta.

I MAMMIFERI PIU' GRANDI

La balenottera azzurra è il più grande animale vivente mai comparso sulla Terra. Misura fino a 33 m. di lunghezza e pesa anche 130.000 kg. ovvero il corrispondente di 20 elefanti o di 180 mucche o ancora 1600 uomini! Il suo cuore pesa 450 kg., il suo fegato 1.000 kg., la sua lingua 3.000 kg e le sue vertebre 7.000 kg. Alla sua nascita, il balenottero pesa 2.000 kg. e misura 7 m. di lunghezza. La balenottera azzurra è un mammifero: mette al mondo un piccolo che allatta sott'acqua, ma che non ha la bocca adatta a poppare: per questo, quando si avvicina alle mammelle della madre, il latte sprizza direttamente nella sua gola. Le nascite hanno luogo ogni due anni: generalmente nasce un solo piccolo, raramente dei gemelli. La balena respira fuori dell'acqua: giunta in superficie, espelle attraverso le narici, dette sfiatatoi, l'aria contenuta nei polmoni (2.000 litri). L'aria così espulsa si condensa in una nuvola di vapore alta fino a 6 m. segnalando la presenza dell'animale anche a notevole distanza. La balena può restare immersa un'ora e mezza e raggiungere i 500 m. di profondità. Nuota alla  velocità di 25 km/h con punte di 50 km/h. La balenottera azzurra appartiene alla famiglia dei cetacei a fanoni. Non hanno denti ma appunto i fanoni, lamelle cornee che pendono dalla mascella in due file di 350 circa ciascuna. Ogni fanone è lungo tra i 20 e i 400 cm. e pesa fino a 3,5 kg. Un tempo si usavano per fabbricare le stecche degli ombrelli e dei corsetti. Il cervello della balenottera azzurra pesa circa 8 kg. Il record però lo detiene un altro mammifero marino, il capodoglio comune il cui cervello pesa oltre 9 kg. mentre il cervello dell'uomo pesa solo 1,5 kg.

LE PIU' GRANDI UOVA D'UCCELLO

Il più grande uovo d'uccello è quello del più grande degli uccelli: lo struzzo. L'uovo di struzzo è ovale, bianco e granuloso. Misura dai 15 ai 18 cm. di altezza con un diametro di 10 o 15 cm. Pesa tra gli 800 e i 1.500 gr. (equivalente a 25 uova di gallina). Le uova di struzzo sono commestibili: un solo uovo è sufficiente per fare una frittata per 12 persone. Per farlo sodo ci vogliono ben 2 ore! Lo struzzo è alto fino a 3 m., può pesare oltre 150 kg. e vive in gruppi numerosi nella savana africana. Lo struzzo non vola, in compenso corre molto velocemente e può spiccare salti anche di 1,5 m. di altezza. Nel periodo degli amori, ogni maschio sceglie un territorio dove si isola con alcune femmine, generalmente 3. Il nido è una semplice buca nella sabbia, scavata con il becco. Le femmine depongono in questi nidi da 6 a 8 uova ciascuna, ma solo la preferita del maschio prenderà parte alla cova e all'allevamento dei piccoli. I nidi contengono fino a 40 uova, anche se i genitori possono covarne con successo circa 16. I piccoli nascono dopo 42-48 giorni di cova, durante le ore più calde della giornata.

I RETTILI PIU' GRANDI

Il più grande dei rettili è il gigantesco coccodrillo marino. Raggiunge gli 8 m. di lunghezza e un peso di 2.000 kg. Abita le spiagge e gli estuari della costa orientale dell'India ed arriva fino alle Filippine ed al Nord dell'Australia. Può vivere bene tanto in acqua dolce quanto in acqua salata e si può incontrare anche a più di 900 km. dalle coste.

LA PIU' GRANDE LUCERTOLA

La più grande lucertola è il varano gigante con i suoi 3,5 m. di lunghezza e i suoi 130 kg. di peso. Vive in alcune isole dell'arcipelago della Sonda, in particolare nell'isola di Komodo. Malgrado il suo aspetto poco attraente, il varano gigante è un animale molto pacifico.

I SERPENTI PIU' LUNGHI

E' estremamente difficile misurare la lunghezza di un serpente; vivo non sta mai completamente disteso; morto, si può distendere troppo, falsando così le reali misure; imbalsamato si restringe. Il serpente più lungo sarebbe il pitone reticolato con la misura massima di 10 m. L'anaconda sarebbe leggermente più piccolo, solo 9 m., ma in compenso è di certo il più pesante. Tra i serpenti velenosi il più lungo è il cobra reale che raggiunge 6 m. di lunghezza. Il suo veleno è così potente che potrebbe uccidere con un morso perfino un elefante.

GLI UCCELLI PIU' PICCOLI

Gli uccelli più piccoli sono i colibrì, i soli uccelli capaci di volare in qualsiasi direzione: in avanti, verso l'alto, di fianco e all'indietro. Le ali del colibrì vibrano dalle 80 alle 200 volte al secondo. Il più piccolo colibrì è lungo appena 5 cm. e pesa solo 1,6 gr.

IL NASO PIU' LUNGO

Il "naso" più lungo è senza dubbio quello del più grande mammifero terrestre: l'elefante africano. La proboscide di un maschio adulto, del peso di 6.000 kg. e altro oltre 3.5 m. al garrese, misura dalla base alla sua estremità sui 2,5 m. La proboscide dell'elefante può servire a innumerevoli scopi. Serve da naso per respirare e annusare, serve per raccogliere delicatamente una foglia, sradicare un albero, grattarsi le punte delle orecchie o accarezzare teneramente il suo piccolo. In un parco nazionale del Kenya, alcuni elefanti hanno imparato ad aprire i rubinetti per bere ...ma non si sa se abbiano imparato anche a richiuderli!. Serve come pompa per aspirare l'acqua e portarla alla bocca per bere ed è anche un innaffiatoio per fare la  fare la doccia (la proboscide dell'elefante può contenere 5 litri d'acqua.

LE ORECCHIE PIU' GRANDI

Anche questo record appartiene all'elefante africano, con una superficie di circa 4 m2 ciascuna ed un diametro che supera 1,80 m. Ha un udito molto fine: il più leggero rumore attira la sua attenzione. Le orecchie inoltre gli servono da ventaglio: quando ha caldo, l'elefante le agita per trovare un po' di refrigerio. Quando carica, allarga le orecchio per impressionare l'avversario ...come se questo già non lo fosse! Una mamma elefante per avvertire il suo piccolo che si è troppo allontanata, agita più volte le orecchie sopra il dorso ed il piccolo allora ritorna di corsa.

I PELI PIU' LUNGHI E PIU' GROSSI

Gli animali che vivono nelle regioni più fredde sono quelli che hanno il vello più lungo. Il bue muschiato della Groenlandia sopravvive a -27° C, grazie alla sua spessa pelliccia formata da peli lunghi da 60 a 90 cm. Se lo si tosa, muore di polmonite. Il record per i peli più grossi è conteso tra i baffi del tricheco e i peli della coda dell'elefante. Il muso del tricheco è dotato di 600-700 peli. Questi peli hanno una sezione circolare con un diametro alla base di 3 mm. ed una lunghezza massima di 15 cm. La coda dell'elefante termina con un ciuffo di peli lunghi circa 20 cm. La sezione di un pelo è un ovale, con un diametro maggiore di 3 mm. ed un diametro minore di 2 mm. Queste dimensioni rimangono costanti per tutta la lunghezza del pelo. Una curiosità: vengono usati per fare braccialetti.

LE CORNA PIU' LUNGHE

Le corna dei bovidi sono formate da una protuberanza conica dell'osso frontale, ricoperta da una guaina cornea. Questa corna sono permanenti, cioè non cadono mai e se si rompono non vengono più sostituite. Il record di lunghezza spetta al muflone di Marco Polo. Le sue corna avvolte a spirale sono lunghe 190 cm.

Le corna dei cervidi, dette palchi, sono caduche, ovvero cadono ogni anno in autunno e rispuntano la primavera seguente. Durante la loro crescita, i palchi sono ricoperti da una pelle lanuginosa: il velluto. In estate il velluto secca e cade a brandelli, lasciando scoperte le corna propriamente dette.

Le corna più pesanti sono quelle dell'alce: 45 kg. E' stupefacente come questo animale possa ogni anno rigenerare una tale quantità d'osso in così pochi mesi. L'ampiezza dei palchi può raggiungere i 2 m.

Il record per il maggior numero di corna spetta alla giraffa: 5 corna. Ha generalmente 3 corna: un corno piccolo posto tra i due occhi ed un paio sulla fronte. Ma con l'età ne può crescere un altro paio, più piccolo, dietro al primo.

I BECCHI PIU' NOTEVOLI

Il becco più lungo è quello del pellicano australiano: 50 cm. La parte inferiore del suo becco è una specie di borsa membranosa che gli serve da setaccio quando pesca.

Il becco più lungo in proporzione alle sue dimensioni è quello del colibrì becco di spada, che se ne serve per raggiungere i piccoli insetti nelle corolle dei fiori.

Il becco più colorato è quello del tucano arcobaleno, che ha ben cinque colori: questo uccello è soprannominato il clown della foresta.

I becchi possono avere varie forme, piegati in giù, come nel caso dell'ibis rosso, o piegati in su per l'avocetta.

I COLLI PIU' LUNGHI

Il collo più lungo è quello della giraffa: è composto di solo sette vertebre, lunghe però almeno 27 cm. l'una. Il suo collo misura infatti circa 2 m. La giraffa è il più alto animale terrestre: 6 m. dal suolo alla punta delle corna. Alla nascita è alta già 2 m. e possiede una lingua prensile lunga dai 40 ai 50 cm. Le giraffe si nutrono di foglie che non possono essere raggiunte da nessun altro animale, fatta eccezione per l'elefante. La giraffa dorme ripiegando il collo all'indietro e posando la testa sulle zampe posteriori. Non sa assolutamente nuotare: se cade in acqua, cola a picco come un sasso. Le zampe della giraffa sono così lunghe che l'animale, nonostante la lunghezza del collo, deve divaricarle per potere bere.

LE LINGUE PIU' ELASTICHE

Il formichiere può far fuoruscire dal muso una lingua lunga 60 cm. con un diametro di 15 mm. Quando un formichiere riesce ad aprire un termitaio, demolendolo con vigorosi colpi d'artiglio, infila la sua lingua viscosa tra gli insetti, che vi rimangono così incollati; fa rientrare quindi la lunga lingua nella bocca, come se aspirasse uno spaghetto. Questa operazione può essere ripetuta fino a 160 volte al minuto.

La giraffa e l'okapi possono allungare le lingue, che arrivano a misurare rispettivamente fino a 50 cm. e 35 cm. Inoltre esse sono prensili, possono cioè arrotolarsi attorno alle foglie permettendo all'animale di strapparle. Queste lingue nero-bluastre sono inoltre utili anche per lavarsi il naso e le orecchie.

Il camaleonte può lanciare fuori della bocca una lingua lunga quanto il suo corpo (da 25 a 50 cm. secondo la specie). Cattura così gli insetti di cui si nutre. Questo eccezionale tiratore è celebre anche per la sua capacità di cambiare colore, sia per confondersi meglio nell'ambiente, sia per esprimere il suo umore quando è irritato o innamorato.

I picchi hanno una lingua estensibile che permette loro di prendere gli oggetti nel fondo delle gallerie, sotto la corteccia degli alberi. Questa lingua flessibile e viscosa può sporgere dal becco fino a 10 cm. I picchi tamburellano col becco sulla corteccia degli alberi, non solo per trovare gli insetti, ma anche per comunicare tra loro grazie ad un vero e proprio linguaggio cifrato.

I DENTI PIU' LUNGHI

I denti piu' lunghi appartengono all'elefante africano. Le sue zanne sono gli incisivi superiori, che continuano a crescere per tutta la vita dell'animale. Possono raggiungere una lunghezza di 3,5 m ed un peso di 100 kg. Di norma le zanne sono due, ma sono stati segnalati casi di elefanti che ne avevano addirittura nove.

Il narvalo, il mammifero marino, ha solo due denti impiantati sulla mascella superiore. Nei maschi, uno di questi due denti cresce a spirale e può raggiungere anche 3 m. di lunghezza. 

L'ippopotamo ha i canini inferiori che possono raggiungere 1 m. di lunghezza e 4 kg. di peso. I maschi se ne servono come arma nelle lotte che frequentemente ingaggiano tra loro.

Le zanne del tricheco, il cui nome vuol dire "colui che cammina coi denti", sono i canini superiori che nei maschi sono lunghi fino a 1 m., mentre nelle femmine non superano i 60 cm.

LE MAGGIORI APERTURE ALARI

L'albatro urlatore ha un'apertura alare di 3,65 m. Secondo alcuni specialisti può raggiungere anche i 4 m. ma le sue ali non superano i 25 cm. di larghezza. Deve il suo nome alle urla che emette, molto simili ai ragli degli asini. Elegantissimi in volo e nel nuoto, è invece assi sgraziato quando cammina sulla terraferma. Quando decolla o ammara, deve prendere la rincorsa correndo sull'acqua. Il suo ritmo di riproduzione è assai lento: ogni femmina depone un solo uovo ogni due anni; la cova, tra le più lunghe per gli uccelli, si protrae per oltre undici settimane. Lo stomaco dell'albatro secerne un olio giallo chiaro con cui nutre i suoi piccoli. Questo olio ha un odore tremendo e l'albatro se ne serve anche per difendere il nido: lo spruzza addosso a chiunque si avvicini troppo.

Il secondo posto per apertura alare spetta al condor delle Ande con 3,20 a pari merito con il Marabù di Giava. Segue poi il pellicano con 3 m.

GLI OCCHI PIU' GRANDI

Gli animali notturni e quelli che vivono in luoghi oscuri si sono adattati al loro ambiente secondo modalità opposte: alcuni hanno sviluppato smisuratamente i propri occhi, come ad esempio la civetta; altri hanno sviluppato sensi diversi (udito, tatto, olfatto) come ad esempio i toporagni, i pipistrelli e le talpe i cui occhi sono ridotti alle dimensioni di una capocchia di spillo. L'occhio più grande del mondo appartiene al calamaro gigante ed è di 40 cm. di diametro. 

L'occhio della civetta non detiene un record ma ha una particolarità. E' da 10 a 100 volte più sensibile alla luce dell'occhio umano. Gli uccelli non possono orientare lo sguardo senza girare la testa, perchè l'occhio è fissato nell'orbita. La civetta compensa questa sua deficienza grazie all'elasticità del suo collo che le permette di girare la testa di 180°, controllando così ciò che le accade dietro le spalle.

GLI OCCHI PIU' NUMEROSI

Se la maggior parte delle creature viventi hanno due occhi, ne esistono alcune che fanno eccezione: i ragni ad esempio possono averne anche otto.

LE CODE PIU' LUNGHE

E' assai difficile stabilire dove inizi o finisca una coda ... Ad esempio, dove inizia la coda  di un serpente, o quella di una balena? Per non entrare in particolari si parlerà delle code degli animali a quattro zampe.

Il rettile con la coda più lunga è il coccodrillo marino. Misura all'incirca la metà della lunghezza totale dell'animale: in un coccodrillo di 8 m. di lunghezza la coda misura 4 m.

Fra i mammiferi terrestri la coda più lunga è quella dell'elefante asiatico. Circa 1,5 m., niente di eccezionale per un animale che misura 3 m. di altezza e 6 di lunghezza (compresa la proboscide)

Tra i felini la coda più lunga è quella del leopardo delle nevi che detiene questo primato con 1,10 m., una coda lunga quanto l'intero corpo.

A proposito di code, quando si afferra una lucertola per la coda, questa si stacca, permettendo così all'animale di mettersi in salvo. La coda in seguito si rigenera. Può succedere che la coda non si stacchi completamente e che una seconda spunti dalla ferita. Sono state catturate lucertole con ben 12 code!

LE PENNE PIU' LUNGHE

Penne e piume adempiono a varie funzioni indispensabili all'uccello: gli permettono di volare, lo proteggono dall'acqua e dal gelo, infine, grazie alla loro varietà di colori e di forme, gli donano un "abito" in modo che maschio e femmina possano riconoscersi. Sono i maschi ad avere le piume più belle. Il numero di piume di un uccello cambia soprattutto a seconda della taglia: possono variare da 940 in un colibrì, a 25.000 in un cigno. Le penne più lunghe misurano fino a 13 cm. Tutti gli uccelli rinnovano le loro penne ogni anno: per questo fenomeno, detto muta, ogni penna che cade viene rimpiazzata da una nuova. La coda del fagiano venerato misura fino a 1.80 m. di lunghezza. 

GLI ACULEI PIU' LUNGHI

L'animale terrestre con gli aculei più lunghi è l'istrice. Quelli che ricoprono il dorso possono misurare anche 40 cm. di lunghezza. Quando l'istrice è spaventato, carica il nemico correndo all'indietro; se lo raggiunge, alcuni aculei staccatisi dal dorso si infiggono nella carne dell'avversario.

I MAMMIFERI PIU' PROLIFICI

Il parto più numeroso si è verificato in Danimarca: una scrofa ha messo al mondo, in una sola volta, ben 34 maialini. 

Il parto record per un cane domestico è di 21 cuccioli, nati da una femmina di alano tedesco.

Il parto record invece per un gatto domestico è di 13 piccoli e spetta ad una gatta siamese

Il record per il maggior numero di figli in una vita spetta al topo campagnolo. Può mettere al mondo la sua cucciolata all'età di 15 giorni e in seguito può sgravarsi ben 15 volte all'ano di 4-9 piccoli ogni volta, che pesano meno di 2 gr. Una femmina di topo campagnolo durante la sua vita può partorire 33 volte, mettendo al mondo ben 127 figli in tutto.

I RECORD DI SALTO

Tra i mammiferi il record è tenuto dal puma con un salto di 7 m. di altezza senza rincorsa.

Il salto in alto sul posto appartiene all'antilope saltante: può saltare verticalmente a piedi uniti ad un'altezza di 2 m.

Anche il record del salto in lungo  appartiene all'antilope con una misura di 15 m., condiviso con il leopardo. Quanto ai canguri che si spostano saltando, possono spiccare salti di 13 m. La feroce orca detiene il record del salto in lungo fuori dell'acqua.

Il record assoluto di tutte le categorie appartiene alla pulce, con un salto in alto di 25 cm. (160 volte il suo corpo) ed un salto in lungo di 35 cm. (220 volte la sua taglia). Per ottenere un risultato analogo, un uomo di 1.80 m. dovrebbe saltare 290 m. in altezza e 400 m. in lunghezza.

GLI ANIMALI PIU' VELOCI

Il record assoluto nel mondo animale appartiene al falco pellegrino: 360 km/h in picchiata, cioè quando dall'alto del cielo si lascia cadere sulla preda come una pietra.

Il mammifero terrestre più veloce è il ghepardo. Raggiunge in corsa 115 km/h, che non può però mantenere per oltre qualche centinaio di metri.

L'uccello più veloce sulle lunghe distanze è la pavoncella. E' capace, durante le migrazioni, di percorrere 3500 km in 24 ore con vento a favore, mantenendo una media di 145 km/h.

La talpa detiene il record di velocità "sotto terra". Scava un tunnel di 2 m. in 12 minuti.

GLI ANIMALI PIU' LENTI

La medaglia d'oro spetta alla lumaca carnivora: 0.90 m/h, impiega più di 46 giorni per percorrere 1 km.

La medaglia d'argento invece è del bradipo. Vive sugli alberi e scende raramente al suolo dove si sposta con grande difficoltà, trascinandosi sul ventre alla velocità di 158 m/h. Impiega ben 6 ore e mezza per percorrere 1 km.

All'ultimo posto c'è la testuggine greca, diciamo così che è la più veloce: 360 m/h, "solo" 3 ore per percorrere 1 km.

GLI ANIMALI PIU' LONGEVI

Vivono 100 anni e oltre: la testuggine raggiata (200), lo storione (100).

65 anni e oltre: l'anguilla (88), l'elefante (78), il corvo (69).

50 anni e oltre: l'alligatore (62), l'orbettino (54), lo scimpanzè (51)

 

Home Page

LE MILLE BOLLE BLU ringrazia per la grafica:

www.graphicsbypennyparker.com/