Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 


Revisione FORCELLE




Prima di tutto è fondamentale assicurare la moto in modo stabile, non auguro a nessuno di dover tirare su una moto caduta senza tutto l'avantreno! Bisogna staccare la ruota e la pinza del freno.

La misura dei paraoli è: 46 - 58 - 10,5 (diametro stelo - diametro interno - altezza)

Attenzione, ho smontato un TTR che apparentemente ha le mie stesse forcelle, ma con i paraoli più bassi: 46 - 58 - 9,5

 



Ora si allentano le due viti della piastra sopra, se sono dure consiglio un chiavone a T.
DOPO aver allentato le viti della piastra sopra e PRIMA di togliere la forcella, si allenta il vitone dello stelo.



Svitando le viti della piastra sotto la forcella dovrebbe sfilarsi da sola per il suo peso, se così non è: svitol e martello (con un pezzo di legno). Ecco come si presenta la forcella.



Finiamo di svitare il tappone superiore. Si libererà lo stelo e si "infilerà" nel fodero. Dalla foto potrebbe sembrare che sia il tappone che spinto dalla molla "schizzi" via di sopra, non è così. E' lo stelo che cadrà di sotto, e la molla rimane compressa tra il tappone e il fodero.



Per togliere il tappone bisogna prima bloccare la molla con una chiave aperta. Si comprime la molla con una mano, e con l'altra si infila la chiave. Il tutto deve rimanere abbastanza stabile, altrimenti vi partirà in faccia. 



A questo punto si allenta il controdado sotto al tappone, e si svita completamente il tappone, lasciano il controdado lì dov'è.



Ecco come si presenta la situazione.



Ora bisogna estrarre dallo stelo del pompante le parti interne. E' un'operazione fondamentale, perché se non si tolgono tutte subito verranno via da sole più avanti, col rischio di perderle. Farle uscire è facile se è rimasto un po' di olio nella forcella: basta pompare lo stelo del pompante e le parti interne verranno espulse da sole. Usciranno in ordine: un pirolino con OR, che si trova alla sommità, sotto il tappone (su di esso agisce la vite di regolazione), una lunga asta cava, uno spillo con OR. Sotto lo spillo c'è una molla che non esce pompando.




Quella molla la si recupera rovesciano lo stelo per far colare via l'olio vecchio. L'evacuazione dell'olio è agevolata dal pompaggio sia dello stelo sia del pompante. Dopo l'operazione si mettono le forche a testa in giù per qualche minuto prima di procedere.



Ora con un cacciavitone si fa uscire il parapolvere e la clip, attenzione a non graffiare lo stelo!.



Ora viene l'operazione critica. Bisogna strattonare lo stelo più volte, facendolo battere contro il paraolio, ce comincerà a salire e finalmente si sfilerà. E' un mestiere da fare senza pietà, più botte gli si danno prima viene fuori.



Ecco come si presenta una volta uscito.



Ci sono varie boccole, una rondella conica (no, non l'avete storta tirando) e il paraolio. Quest'ultimo (e solo lui) va sfilato dall'alto.



Si puliscono ora stelo e fodero con la benzina. Si versa la benzina nel fodero e si pompa il pompante. Si cola via tutto e si ricomincia, finché la benzina non esce pulita. Si mette il tutto ad asciugare.




Ora bisogna infilare il paraolio nuovo sullo stelo. E' un'operazione delicata, e consiglio di costruire un invito col nastro isolante per non rovinare il labbro del paraolio.




Si infila lo stelo nel fodero, si calza il paraolio e si infila sopra di esso il paraolio vecchio. Si martella (tramite un legno, per non rovinare lo stelo) il paraolio vecchio finché va giù, a quel punto lo si estrae con un cacciavite.



Si istalla la clip nella scanalatura sul fodero, dopo aver verificato che il paraolio nuovo sia all'altezza della scanalatura. Se così non è bisogna rimettere il paraolio vecchio e martellare di nuovo. E' fondamentale che la clip non deformi il labbro superiore del paraolio ma ci si appoggi di fianco, altrimenti tutto il lavoro sarà da rifare a breve.



Si può cominciare a mettere l'olio: 615cc o 15-17 cm dal bordo superiore, stelo giù, senza molla.




Si pompa lo stelo e lo stelo del pompante fino a che non si sentono più bolle d'aria.




Si rimettono i componenti interni del pompante: molla, spillo rivolto all'ingiù, asta, pezzettino con OR. Quest'ultimo deve risultare praticamente a filo dello stelo come in figura, e schiacciandolo in dentro deve ritornare fuori per effetto della molla. Si calza il parapolvere. Si infila la molla e la boccola. Bisogna tirare su lo stelo del pompante, lasciandolo comincerà a scendere pian paino frenato dall'olio, ma se fate in fetta ad infilare la molla riuscite a "ripescarlo" e tirarlo su. Bisogna bloccare la molla con la chiave come prima. Si avvita fino in fondo a mano il tappone, poi lo si blocca col controdado. Si tira su lo stelo e si avvita il tappone.


Ora si monta la forcella sulle piastre, all'altezza giusta. Si stringono le viti di sotto, si stringe il tappone e si stringono le viti di sopra. Tutto con la dinamometrica, che in questo caso è fondamentale (forse l'unica occasione dove è veramente essenziale, a parte quando si lavora sul motore). 28Nm di sopra, 22Nm di sotto, 20Nm il tappone.




Ora si procede con l'altra forcella e si rimonta la pinza del freno e la ruota. Ho montato un paio di soffietti, speriamo che i paraoli durino qualcosa in più!